Skip to content

Profili costituzionali della nomofilachia

I diversi tipi di interpretazione: le modalità ermeneutiche

Di fronte a un determinato enunciato giuridico l’interprete può seguire, come anticipato, diverse modalità interpretative.
L’art. 12 delle Disposizioni preliminari al codice civile (c.d. Preleggi), così dispone: “Nell'applicare la legge non si può ad essa attribuire altro senso che quello fatto palese dal significato proprio delle parole secondo la connessione di esse, e dalla intenzione del legislatore.
Se una controversia non può essere decisa con una precisa disposizione, si ha riguardo alle disposizioni che regolano casi simili o materie analoghe; se il caso rimane ancora dubbio, si decide secondo i principi generali dell'ordinamento giuridico dello Stato.”

Proprio dal sopracitato articolo si ricavano due delle prime modalità ermeneutiche da poter seguire: la prima è la cosiddetta interpretazione letterale (“Nell'applicare la legge non si può ad essa attribuire altro senso che quello fatto palese dal significato proprio delle parole secondo la connessione di esse […]”).
La seconda è quella che fa riferimento alla cosiddetta intenzione del legislatore. Quest’ultima espressione necessita di alcuni chiarimenti. A una prima lettura si sarebbe spinti a tenere in considerazione l’intenzione avuta, ab origine, da colui che ha posto in essere la prescrizione. La intentio, però, oltre ad avere un riferimento puramente soggettivo, ne possiede anche uno ulteriore - e obiettivo - che è quello che ricerca la ratio della disposizione, cioè il suo scopo oggettivo, quest’ultimo non sempre e necessariamente coincidente con quella che era stata, inizialmente, la volontà intrinseca del legislatore.

Insomma, non vi è mai una certa coincidenza tra l’intento soggettivo di chi pone le norme e il senso che poi rileva obiettivamente dai testi prodotti.
Proprio a proposito di quanto da ultimo scritto, entra in gioco una differenza sostanziale tra gli atti giuridici normativi e quelli che, invece, normativi non sono. A proposito dei primi, infatti, quando si presenta un conflitto interpretativo, subentra la regola fissata dall’art. 1362 c.c., a norma del quale “bisogna indagare quale sia stata la comune intenzione delle parti e non limitarsi al senso letterale delle parole.”
Nel caso dei secondi, invece, è sempre quest’ultimo senso a dover prevalere: è alla ratio oggettiva della disposizione che occorre dare primaria importanza.
Vi è, poi, un gruppo di tipologie interpretative a sé e racchiudibili sotto l’etichetta di interpretazione correttiva.
Si ricordi, anzitutto, l’interpretazione sistematica, contraddistinta dal fatto che l’attività attributiva di senso all’enunciato si realizza grazie a un’operazione di lettura che è, appunto, sistematica: che guarda, cioè, alla disposizione come inserita nel quadro dell’ordinamento giuridico; si dà, insomma, un giudizio come kantianamente inteso: “La facoltà di giudizio in genere è la facoltà di pensare il particolare come compreso sotto l’universale.”
A quest’ultima modalità ermeneutica va poi aggiunta quella della interpretazione evolutiva, secondo la quale il corretto significato da attribuire alla disposizione deve essere il risultato della considerazione di tutte le vicende storico-economico-sociali che hanno accompagnato la vita dell’enunciato normativo.
Infine va richiamata l’interpretazione adeguatrice: quest’ultima si verifica ogni volta che l’interprete attribuisce ad una certa disposizione un significato che lo rendo conforme a (o non difforme da) quello di una prescrizione di rango superiore.

È chiaro che quest’ultima interpretazione si trova a metà strada tra la teoria dell’interpretazione e quella delle fonti: dare un certo significato ad un testo normativo, nell’ambito di tale forma ermeneutica, è senz’altro funzionale al rispetto del preciso sistema delle fonti del diritto vigente.
Negli ultimi anni questo tipo di interpretazione è diventata centrale e ha avuto uno sviluppo via via sempre maggiore. Nota è, per esempio, l’interpretazione conforme a Costituzione – di cui si tratterà in seguito in modo specifico - nonché quella conforme a diritto dell’Unione Europea e diritto CEDU.
Tante e diverse possono, dunque, essere le modalità interpretative con cui rilevare i significati degli enunciati normativi, come diversi possono - come detto nel paragrafo precedente - i soggetti che si trovano ad affrontare il compito (o l’esigenza) di fornire una certa interpretazione.
Nel paragrafo che segue si cercherà di definire ed esaminare una delle forme interpretative che maggiormente assicura stabilità nell’ordinamento, in quanto finalizzata a mantenere inalterati i valori espressi nella Carta fondamentale, che deve sempre essere il primo parametro interpretativo di riferimento: l’interpretazione conforme a Costituzione.
Le decisioni interpretative vanno inquadrate in un’ottica che prediliga la collaborazione tra poteri, sempre in vista della certezza del diritto.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Profili costituzionali della nomofilachia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marzia Greco
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Massino Luciani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

corte di cassazione
funzione nomofilattica
certezza del diritto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi