Skip to content

La partecipazione politica dei giovani. Un’indagine qualitativa su esperienze e motivazioni

I tre tipi di intervista qualitativa

Andando più in profondità i tipi di intervista sono tre:
* Intervista strutturata
* Intervista semi-strutturata
* Intervista non strutturata

L’intervista strutturata rappresenta la tipologia che più si avvicina, con le dovute differenze già esaminate, al filone quantitativo. Le domande sono fisse e vengono sottoposte con il medesimo ordine ad ogni intervistato che risponderà liberamente ma l’assenza di flessibilità rende il colloquio poco adattabile alle varie risposte date dal soggetto studiato.
Nel versante semi-strutturato, si è in presenza di una traccia su cui vengono posti in risalto gli argomenti che dovranno essere toccati. L’intervistatore non può uscire dalla traccia ma può sviluppare alcuni argomenti che nascono spontaneamente nel corso del colloquio nel caso siano utili alla comprensione del soggetto intervistato.
Nell’ultima tipologia di intervista si può cogliere totalmente l’intera essenza qualitativa, cioè la libertà.

Il tema rappresenta l’unico elemento di partenza dal quale poi scorrerà l’intero colloquio. Ogni intervista risulterà quindi unica da soggetto a soggetto.
Stante a quanto esposto sin qui, l’intervista qualitativa risulta un processo di interazione fra due individui. La conduzione, quindi, non è affatto cosa semplice: il pilastro fondamentale della flessibilità rende complessa l’individuazione di regole generali per una corretta conduzione.

L’intervista “perfetta”
Questi dieci punti possono sintetizzare i passi da compiere per una corretta riuscita del colloquio:

1) spiegazioni preliminari: servono soprattutto a chiarire cosa si vuole ottenere dall’intervista
2) domande primarie: rappresentano dei passaggi fondamentali perché con esse si apre un nuovo argomento che poi verrà approfondito con le domande secondarie
3) domande-sonda: rappresentano degli stimoli, più che vere e proprie domande per abbassare le barriere protettive di un individuo e, quindi, andare più in profondità rispetto ad un argomento
4) Ripetizione delle domande: spesso di fronte alle difficoltà nell’ottenere una risposta basta porre la domanda in maniera leggermente diversa.
5) ripetizione della risposta: anche questo aspetto aiuta a ritornare su una parte delle discussioni per poterla approfondire
6) incoraggiamento, espressioni di interesse: servono a rinforzare l’empatia e a tenere alto l’interesse per l’interazione da parte dell’intervistato
7) pause: se gestite bene stimolano gli approfondimenti “spontanei” dell’intervistato, perché le situazioni di prolungato silenzio sono a volte imbarazzanti
8) linguaggio: nelle interviste qualitative il linguaggio deve essere utilizzato soprattutto per creare vicinanza, empatia e fiducia.
9) Ruolo dell’intervistatore: è un ruolo determinante inteso letteralmente nel senso che è l’intervistatore a determinare (costruire) l’interazione e con essa i risultati dell’intervista stessa.

Il materiale empirico si riassume nelle risposte verbali e non, dagli atteggiamenti e dai comportamenti del soggetto intervistato.
La presentazione dei risultati avviene, differentemente rispetto all’analisi quantitativa dove vi è l’ausilio di tabelle e grafici, sottoforma di narrazione ovvero attraverso i racconti di episodi utilizzando, anche, le stesse parole degli intervistati.
L’inizio converge nello sviluppo di un tema, successivamente per esplicarlo al meglio viene riportato un brano tratto dalle interviste. Il risultato è quindi un intreccio tra analisi del ricercatore – che guida la lettura – illustrazioni, esemplificazioni, sostegni empirici rappresentati dai brani delle interviste.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La partecipazione politica dei giovani. Un’indagine qualitativa su esperienze e motivazioni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Trivi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Domenico Carbone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

politica
giovani
indagine qualitativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi