Skip to content

La dichiarazione di carattere non finanziario: l'informativa sul capitale umano

Il Capitale Umano: preziosa risorsa dell'azienda

L'organizzazione, in quanto significa essenzialmente “scelta di uomini e impiego di essi nel modo più economico compatibile con i diritti naturali della persona, costituisce fattore di primaria importanza per il buon andamento dell'azienda” (Onida P., 1971). L'esperienza dimostra che una buona organizzazione retta da capi di alta qualità e costituita di uomini accuratamente selezionati e ben collocati ciascuno al proprio posto, per attitudini, preparazione e altre qualità, permette all'azienda di superare felicemente le più avverse condizioni di vita, mentre le condizioni più favorevoli riescono vane e le migliori congiunture vengono sciupate da organizzazioni inefficienti, concepite o mantenute da capi al di sotto del proprio compito.

Una cattiva organizzazione, non soltanto può mettere insieme uomini male scelti, ma spesso sciupa o non coltiva le buone qualità che gli uomini a disposizione dell'azienda potrebbero esplicare. Il lavoro bene organizzato, uomini comuni, non dotati di qualità straordinarie, possono raggiungere grandi risultati. Anche nelle forme più intellettuali di lavoro, come le ricerche di laboratorio, la progettazione, gli studi di mercato, ecc., la collaborazione riesce altamente feconda. Il successo delle aziende e in particolare delle grandi imprese sembra più legato alla sapiente coordinazione del lavoro di molti che non alla genialità di uno o pochi capi.
Già sappiamo che la concreta amministrazione dell'azienda presenta – come ogni altra attività pratica – aspetti economici ed extra-economici e non è quindi interamente dominata dai ragionamenti che possono farsi quando si consideri in astratto il solo aspetto economico.
È fuori dubbio che nella soluzione dei problemi concernenti i rapporti tra l'azienda e i lavoratori, nonché l'ordinamento sociale della produzione e distribuzione della ricchezza, i criteri puramente economici possono trovare limiti in superiori esigenze etiche se non altro per quanto ha rapporto con la tutela di inalienabili diritti della persona umana, a cominciare dalla libertà.
In vero, non solo l'etica ma pure l'economia richiede che nelle problematiche in ambito lavorativo si consideri attentamente l'aspetto morale umano perché la sua trascuranza prima o poi si tramuta, in abbassamenti del rendimento del lavoro.
Se la morale afferma che non è lecito trattare il lavoro umano alla stregua di una merce qualsiasi, l'economia insegna che solo entro certi limiti ed in un certo senso è possibile assimilare il lavoro ad un qualunque altro fattore produttivo, in quanto oltre che essere immorale, finisce per risolversi a danno della stessa efficienza economica e della solida prosperità delle aziende (Onida P., 1971).
Particolarmente degni di rilievo, anche per quanto riguarda l'efficienza economica dell'azienda, sono infine taluni caratteri propri del lavoro fornito da dipendenti.
Prima di tutto, questo lavoro è prestato da uomini e l'impiego dei servizi dell'uomo - come vedremo - soggiace a condizioni morali sconosciute all'impiego di altri fattori produttivi e tali da modificare, ove occorra, le astratte scelte puramente economiche.
In secondo luogo, il rendimento del lavoratore, è funzione oltre che dei salari, anche di complessi fattori relativi all'ambiente umano dell'impresa in cui il lavoro viene eseguito nel limite delle possibilità che questo ambiente offre al fine di sviluppare la personalità e le attitudini di ciascun lavoratore, anche al fine di correggere le qualità negative: in breve, di educare e perfezionare il lavoratore con lo strumento stesso del lavoro, così da ottenere il risultato economico di elevarne il rendimento, mentre si soddisfa l'esigenza morale di rispettare, coltivare ed elevare il lavoratore come persona.
Nei paesi industrialmente più progrediti, questi aspetti dell'organizzazione del lavoro vengono particolarmente curati; si è addirittura sviluppata una tecnica delle “relazioni umane” applicate ai rapporti fra le persone che su piani gerarchici diversi collaborano nell'azienda, e si attribuisce alla conoscenza di questa tecnica importanza non minore, ai fini del buon governo e del buon andamento delle aziende. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La dichiarazione di carattere non finanziario: l'informativa sul capitale umano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Ferrante
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Amministrazione e controllo aziendale
  Relatore: Francesca Culasso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

formazione
banca
personale
capitale umano
sostenibilità
diversita
occupazione
gri
salute e sicurezza
dichiarazione di carattere non finanziario

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi