Skip to content

Performance economiche, finanziarie e patrimoniali sul settore automotive : confronto tra Fiat e Volkswagen

Il confronto della struttura finanziaria degli impieghi delle fonti

Il primo aspetto che emerge dal confronto tra i due Gruppi è che quello tedesco ha un differente livello di capitale investito a causa delle sue maggiori dimensioni.
Infatti nonostante il Fiat Group possiede molti marchi, ne ha meno del Gruppo Volkswagen soprattutto nel settore automotive.
Il gruppo italiano tramite il marchio Fiat auto commercializza i prodotti dei marchi Fiat, Fiat veicoli commerciali, Alfa Romeo, Lancia e Abarth.
Possiede anche marchi importanti per la commercializzazione delle auto tra le più esclusive del mondo come Ferrari e Maserati.
Questo possiede anche il marchio per la commercializzazione di camion come Iveco, e la fabbrica dove vengono prodotti i motori per tutti i veicoli dei marchi del gruppo. Il Gruppo tedesco invece possiede marchi come Volkswagen auto, Volkswagen veicoli commerciali, Audi, Seat, Skoda e possiede anch’essa marchi di auto di lusso come Bentley, Bugatti e Lamborghini.
Come conseguenza il confronto evidenzia questa differenza di dimensioni in tutte le componenti dei differenti documenti di bilancio che compongono il bilancio consolidato di entrambi i Gruppi.
I due gruppi possiedono una struttura molto differente in termini di tipologie di durata degli investimenti e dei finanziamenti, infatti il primo si appoggia su una struttura piuttosto elastica, visto che il capitale immobilizzato si aggira attorno al 37 % in tutti e tre gli esercizi presi in considerazione, mentre il capitale circolante si aggira attorno al 63 %.
Il principale investimento in immobilizzazioni di questo, è quello in immobilizzazioni materiali, infatti la tipologia della principale attività del gruppo richiede ingenti investimenti in impianti e macchinari che per mantenere basso il livello dei costi richiede continui investimenti in impianti i quali devono essere sempre all’avanguardia per evitare che impianti obsoleti portino ad avere costi troppo elevati dovuti alla mancanza di efficienza degli impianti stessi.
Questa inefficienza potrebbe essere dovuta sia alla eccessiva manodopera richiesta, oppure allo spreco di materie prime acquistate.
E’ abbastanza elevato anche l’investimento in immobilizzazioni immateriali, tra cui l’investimento in pubblicità effettuato dal gruppo per effettuare il rilancio dei marchi del Gruppo;infatti il capitale immobilizzato aumenta lievemente da un esercizio all’altro.
Il capitale circolante è per la maggior parte formato dalle liquidità differite del gruppo, che tendono a ridursi nei tre esercizi presi in considerazione.
Il magazzino invece aumenta negli esercizi presi in considerazione.
Il gruppo Volkswagen invece tende ad avere una struttura che si può definire piuttosto rigida, visto che l’attivo immobilizzato si aggira attorno al 56,5 % nel 2005 e tende ad una lieve riduzione negli esercizi successivi; anche le tipologie degli investimenti in immobilizzazioni sono differenti da quelli del gruppo Fiat.
Questo gruppo ha effettuato forti investimenti oltre che in immobilizzazioni materiali, anche in immobilizzazioni finanziarie in modo da ottenere una congrua remunerazione anche dall’attività finanziaria del gruppo e non solo da quella operativa.
Il capitale circolante di conseguenza alla riduzione di quello immobilizzato aumenta negli esercizi presi in considerazione, passando da circa il 43,5 % nel 2005 al 47 % nel 2007.
Le attività del gruppo Fiat sono correttamente coperte maggiormente dalle passività a medio/lungo termine e dal patrimonio netto, e non dalle passività correnti, che sono utilizzate per coprire le attività correnti.
Le passività consolidate si riducono lievemente dall’esercizio del 2005 a quello del 2007, mentre il patrimonio netto aumenta in questi tre esercizi grazie all’emissione di nuove azioni ordinarie e all’accantonamento di parte di utili a riserve.
Il gruppo Volkswagen, presenta anch’esso il ricorso alle passività consolidate per coprire i propri investimenti in attività del gruppo, anche se questo effettua maggior ricorso del gruppo Fiat alle passività correnti.
Le passività consolidate e le passività correnti si riducono nei tre esercizi presi in considerazione, mentre aumenta lievemente il patrimonio netto.
Confrontando le tipologie e gli orizzonti temporali presenti tra attività e passività dei Gruppi presi in considerazione emergono differenti tipologie di strutture adottate.
Infatti il primo insieme di imprese preso in considerazione fa riferimento ad una struttura meno rigida avendo un minore attivo immobilizzato e un minore livello di passività consolidate.
Le immobilizzazioni del gruppo crescono nei tre esercizi a causa della crescita delle immobilizzazioni immateriali e materiali.
Il Gruppo come conseguenza di questo aumenta il proprio capitale permanente, per coprire questi maggiori investimenti e per ridurre contemporaneamente i debiti di medio lungo termine.
Il secondo Gruppo analizzato segue un andamento differente riguardo il proprio capitale immobilizzato, infatti tende a ridursi a causa della riduzione delle proprie immobilizzazioni immateriali e materiali.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Performance economiche, finanziarie e patrimoniali sul settore automotive : confronto tra Fiat e Volkswagen

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Pellizzi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Simone Scagnelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

performance
bilancio
finanziamenti
fiat
investimenti
automobile
auto
automotive
volkswagen
situazione finanziaria
situazione patrimoniale
rendimento finanziario

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi