Skip to content

Tipologie di risarcimento del danno contrattuale. Profili di diritto comparato

Il danno non patrimoniale

L’inadempimento contrattuale può causare due tipologie di danno: il danno patrimoniale e il danno non patrimoniale. Per identificare la seconda tipologia di danno si fa riferimento al disagio, allo stress, al malessere che ha subito la parte danneggiata dall’inadempimento.
La causa del danno non patrimoniale non riguarda solo la violazione, può essere ricondotta alla condotta fraudolenta adottata da una parte per ottenere la conclusione del contratto.


Il principio generale dell’ordinamento inglese prevedeva che nessun tipo di risarcimento, oltre quello pecuniario, era riconosciuto in una richiesta di violazione del contratto. Di norma, in un'azione fondata sulla violazione del contratto, l'unico tipo di perdita che è oggetto di risarcimento è una perdita finanziaria.
Danni non pecuniari come, ad esempio: la frustrazione, lo stress, il danno morale, lo scandalo causato dalla violazione e perdita di reputazione, non danno diritto a un risarcimento. Il danno non patrimoniale da inadempimento contrattuale è stato oggetto di un acceso dibattito sia negli ordinamenti di common law come in quelli di civil law.

Si può citare la sentenza Maw v. Jones del 1890, nello specifico il querelante era un apprendista licenziato senza il preavviso di una settimana previsto dal contratto.
La violazione del contratto era accompagnata da una falsa accusa di cattiva condotta che ha inciso negativamente sulla sua reputazione di lavoratore. La Corte sostenne che l’ammontare dei danni comprendeva sia la violazione del contratto relativo al mancato avviso, che i danni relativi alla reputazione.
I danni per la violazione del contratto sono circoscritti alla sola perdita causata dalla violazione, non rientrano le perdite causate dalle circostanze relative della violazione.
Il convenuto è responsabile solo del danno causato dalla violazione del contratto, segue che se la perdita di reputazione è causata da fattori diversi dalla violazione, l’attore non può recuperare i danni per tale perdita in un’azione di violazione del contratto.

La Corte si è confrontata con la possibilità di risarcire i danni da reputazione derivanti da una violazione del contratto.
Nella sentenza Marbe v. George Edwards del 1928, nel caso in specie la querelante, un’attrice di notevole fama, stipulò un contratto per giocare una determinata partita in un centro giochi a Londra.

Il convenuto, in violazione del contratto, vietò alla querelante di partecipare al gioco. La Corte sostenne le ragioni della querelante, il convenuto dovette risarcire sia i danni relativi alla reputazione già acquisita, sia i danni per la perdita di reputazione che si aspettava di acquisire se il contratto fosse stato eseguito.
Questa nuova tipologia di risarcimento poteva essere chiesto dalla parte danneggiata sia singolarmente che insieme al risarcimento del danno patrimoniale.
A tal proposito, si può osservare la sentenza Haywood v. Wellers del 1976; in questo caso, il legale venne condannato a risarcire il danno psicologico causato alla sua assistita per non aver preso tempestivamente le azioni legali necessarie per far terminare le molestie provocate da un uomo.
Si può menzionare la sentenza Watts v. Morrow del 1991, Watts concluse un contratto con Morrow, tale contratto aveva ad oggetto un’indagine completa di una casa che desiderava acquistare.
L’esito positivo dell’indagine portò Watts ad acquistare la casa, poco tempo dopo venne alla luce che l’immobile aveva bisogno di costosi lavori di ristrutturazione.
Watts propose azione contro Morrow chiedendo non solo il risarcimento del danno patrimoniale relativo all’importo per la ristrutturazione ma anche i danni per il disagio causato dal dover vivere altrove fino al termine dei lavori. La Corte ha riconosciuto al querelante il risarcimento per entrambe le tipologie di danno.
Attraverso questa sentenza si formano due eccezioni al divieto di risarcimento del danno diverso da quello patrimoniale.

La prima eccezione comprende i contratti che hanno il fine di creare relax e tranquillità, la seconda eccezione comprende quelle violazioni contrattuali che hanno provocato malessere, disagio fisico e sofferenza mentale alla controparte. I tribunali, in seguito, hanno posto entrambe le tipologie di danno sullo stesso piano. E’ possibile chiedere il risarcimento per i danni da vacanza rovinata. Nel caso in cui il contratto ha come scopo il relax o l’intrattenimento è possibile chiedere il risarcimento per la delusione, l'angoscia, il turbamento e la frustrazione causati da una violazione del contratto.

A riguardo si può citare la sentenza Jarvis v Swan Tours del 1972, nello specifico il signor Jarvis, un avvocato, aveva prenotato, attraverso l’agenzia viaggi Swan Tours, una vacanza sciistica in Svizzera di quindici giorni durante il periodo natalizio. L’agenzia aveva garantito numerosi servizi, ad esempio: piste di pattinaggio, pista da sci, tè pomeridiano, torte a colazione e lingua inglese parlata dal personale dell’hotel. Giunto in Svizzera Jarvis si rese conto che il luogo non corrispondeva alla descrizione fornita dall’agenzia, il proprietario dell’hotel non parlava inglese e i servizi non erano quelli previsti.
Jarvis citò in giudizio Swan Tour chiedendo il risarcimento dei danni per violazione del contratto e per la sua delusione, angoscia e turbamento.
In primo grado, i giudici avevano riconosciuto solo i danni derivanti dalla violazione del contratto, non consideravano rilevanti i danni di angoscia e turbamento.
La corte di appello, ribaltando la sentenza di primo grado, riconosceva il risarcimento del danno per violazione del contratto e per il danno da delusione, stress e angoscia.
Con il trascorrere del tempo, le diverse sentenze hanno ampliato il limite del danno non patrimoniale risarcibile. Non è necessario che questo coincida con l’oggetto del contratto, ma è essenziale che sia un punto rilevante del rapporto contrattuale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Tipologie di risarcimento del danno contrattuale. Profili di diritto comparato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Annalisa Falvo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Pier Guido  Alpa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

common law
equity
inadempimento
principi unidroit
breach of contract
danno contrattuale
risarcimento del danno contrattaule
dcfr
frustration
il danno non imputabile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi