Skip to content

La Diversity nel Board: analisi dell'impatto sulla performance aziendale nella Zona Euro

Il Diversity Management

Dopo un'analisi dei vantaggi e degli svantaggi della diversity e dei fondamenti teorici a sostegno, si può facilmente comprendere che nel contesto economico e sociale attuale, fortemente globalizzato e multiculturale, l'attenzione alla diversità in azienda non può essere per l'impresa solo una risposta alle richieste degli stakeholder, o essere vista come una semplice questione di responsabilità sociale e di etica, ma deve essere un'opportunità per acquisire quei vantaggi competitivi sostenibili tramite l'introduzione di risorse specifiche (capitale umano) e la loro giusta combinazione e corretta gestione.
È proprio questa la sfida principale delle organizzazioni, la corretta gestione delle differenze deve essere vista come una vera e propria risposta strategica all'instabilità e alla velocità di cambiamento dell'ambiente e dei bisogni dei consumatori, per trarne vantaggio ed assicurarsi una posizione competitiva nel tempo.

Il mero inserimento di elementi di diversità senza un processo di diversity management ben definito significherebbe andare incontro a tutte quelle situazioni di svantaggio descritte nel paragrafo precedente, piuttosto l'azienda dovrebbe innanzitutto sviluppare una strategia di corporate che comporti un cambiamento in tutti i livelli dell'organizzazione; sia culturale nel far accettare e rispettare gli elementi di diversità, sia organizzativo a livello di top management, a livello progettuale ed a livello operativo.

Cox e Blake (1991) identificano i passaggi fondamentali che dovrebbero essere implementati per far sì che la diversity porti all'impesa vantaggi competitivi, e che questa possa sfruttarne i potenziali benefici.
Le tipiche organizzazioni “monolitiche” (composte da membri omogenei in termini culturali, di esperienze e di skills), devono essere adattate e riorganizzate come entità multiculturali composte da membri di diverse culture, valori ed esperienze, basate su un'integrazione dei diversi fattori demografici e delle minoranze, in tutti i livelli organizzativi, senza pregiudizi e discriminazioni bensì con un'uguale identificazione degli eventuali gruppi minori in termini di etnia o di genere.


Per far ciò ci sono cinque componenti chiave:

1. Leadership:
Il supporto e l'effettivo impegno del top management verso la gestione della diversità è cruciale, soprattutto nell'impostare i piani strategici.
Il loro ruolo è fondamentale nel momento iniziale del cambiamento da organizzazioni “monolitiche” a multiculturali, soprattutto nel reperire e garantire le risorse necessarie per l'implementazione dei cambiamenti necessari.
Devono essere i primi a prendere parte ed a credere alla riorganizzazione culturale, il loro supporto deve essere costante all'interno nel creare un clima “pro-diversity”, ma anche all'esterno perché nel loro ruolo di comunicatori e rappresentanti della società dovrebbero manifestare l'impegno dell'azienda rispetto alla diversity, ed evidenziare quanto l'organizzazione creda nell'inserimento e nel rispetto di queste diversità; in tal modo riescono a costruire una reputazione dell'impresa sui mercati, e ad attrarre talenti.
Un'altra figura cruciale è quella del line manager, per attuare nel modo più efficace possibile questo cambiamento culturale ai livelli operativi, nel comunicarlo e nel controllare e valutare eventuali distorsioni, avendo un contatto ed una supervisione diretta con i dipendenti.
Sostanzialmente il cambiamento principale riguarda il clima all'interno dell'azienda e dei team, il top management deve adottare uno stile di leadership che faciliti le relazioni e stimoli la partecipazione, facendo sentire i membri parte dell'organizzazione nel suo insieme e non parte di diversi gruppi demografici.
Solo in questo modo l'introduzione di elementi di diversità si traduce in una maggior qualità lavorativa.

2. Formazione:
La formazione è sicuramente lo starting point per la gestione della diversità, sia nel formare la consapevolezza dei membri del team che per sviluppare le skills necessarie.
È necessario formare gli individui sulle differenze culturali e cognitive, e su come rispondere a tali differenze per migliorare la qualità lavorativa, la cooperazione e l'efficacia delle decisioni.

3. Analisi e ricerca:
È fondamentale non solo tenere conto di eventuali normative vigenti nel Paese di appartenenza sulle regolamentazioni delle minoranze o di genere, ma anche ricercare dati ed informazioni sulle attitudini e sulle percezioni dei consiglieri e dei dipendenti, per identificare eventuali problemi o necessità da tener conto, aree da migliorare, e verificare l'effettiva efficacia dell'inserimento della diversity.

4. Analisi della cultura e del sistema della gestione delle risorse umane:
Un altro passaggio che potrebbe risultare necessario è un cambiamento dell'HR management.
Tramite l'analisi dei dati dell'organizzazione fatta nella fase precedente, si potrebbe decidere di intraprendere un cambiamento nelle modalità di reclutamento, di valutazione delle performance, di gestione delle carriere e delle promozioni, con il fine di creare un ambiente più equo e multiculturale.
Un esempio è prevedere nella job description delle lauree specifiche, promuovere delle posizioni tramite canali internazionali, essere più flessibili durante la selezione nell'ottica di accettare le differenze culturali, utilizzando anche Skype o tramite call (M. Kuhlmann, Rm Heinz, 2017).
Le HR policies sono fondamentali per valorizzare la diversità, adottando pratiche di formazione, workshop, eventi sociali per relazionarsi in un'atmosfera informale (Triana et al., 2010).

5. Follow-up:
Come in tutti i processi la fase finale di fondamentale importanza è quella di follow-up, per monitorare i cambiamenti e valutare se i risultati sono soddisfacenti, se rispettano i piani strategici concordati o sono necessari aggiustamenti.
Questa fase dovrebbe prevedere eventuali formazioni specifiche, usare dei focus-group per discutere su determinate questioni.

In conclusione quando si parla di diversity management si intende un insieme di piani strategici, di processi, di stili di leadership, che hanno il fine di gestire i fattori diversità all'interno dell'azienda per sfruttarne i benefici ed ottenere vantaggi sui risultati d'impresa, ed evitare o ridurre problematiche come conflitti, scarsa cooperazione e discriminazione.
La letteratura evidenzia che la chiave è creare un clima che favorisca l'integrazione, la creatività e l'innovazione: “Un clima innovativo spinge i team composti da membri con differenti background ad essere più aperti alle diverse prospettive, più orientati verso lo stesso obiettivo (Schippers et al., 2003; Somech e Drach-Zahavy, 2013).
Ciò deve far capire che la semplice diversità in sé non può apportare all'impresa miglioramenti, ma deve essere accompagnata da un'adeguata gestione che crei un equilibrio tra l'esigenza di nuove modalità di lavoro basate su maggiore creatività ed innovazione, ed una certa coerenza interna che porti le persone ad identificarsi con l'impresa, piuttosto che a creare sottogruppi. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Diversity nel Board: analisi dell'impatto sulla performance aziendale nella Zona Euro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca Facciolo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Impresa e Management
  Corso: Gestione d'impresa
  Relatore: Barbara Sveva Magnanelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cda
diversity management
diversity
gender diversity
agency theory
board diversity
golden skirts effect
critical mass theory
double-edge sword

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi