Skip to content

Parole nuove per un testo antico: l'Orestea di Eschilo da Pasolini agli Anagoor

Il miracolo della traduzione: una questione di interpretazione

Nel quadro di una cultura di massa che tende a ridurre le occasioni di confronto con i testi classici in lingua originale, diventa sempre più doveroso riflettere sui processi e sulle modalità che portano a compiersi il miracolo della traduzione. Su un comune dizionario potremmo constatare che “tradurre” ha come primario significato quello di «volgere, rendere in una lingua diversa da quella originale un testo scritto od orale, o anche solo una frase o una parola». Tuttavia se ci si ferma un attimo a riflettere, per esempio, sull'etimologia, sulla storia della traduzione, e sulle problematiche che tale operazione porta con sé, ci si rende conto di come si tratti di una questione molto più complessa e articolata.

Il termine tradurre deriva dal tardo latino trā–dūco, composto da trans (al di là), e ducere (condurre), dunque portare al di là, trasportare, condurre da un luogo a un altro. Nell'uso, per esempio, sono ancora vive, espressioni quali “essere tradotto in questura” o ancora “essere tradotto in carcere”, in cui il termine ‘tradotto' acquista chiaramente la valenza di ‘condotto', ‘portato'. Tuttavia è ad una lingua, scritta o parlata che sia, che il verbo tradurre si riferisce principalmente.
Si tratta di un'attività con una lunga storia alle sue spalle, che si dispiega attraverso differenti principi ed esigenze secondo le società e le epoche di riferimento. Proprio per questo risulta difficile dire cosa significhi esattamente tradurre. Come scriveva Umberto Eco, «la prima e consolante risposta vorrebbe essere: dire la stessa cosa in un'altra lingua. Se non fosse che, in primo luogo, noi abbiamo molti problemi a stabilire cosa significhi “dire la stessa cosa”, e non lo sappiamo bene per tutte quelle operazioni che chiamiamo parafrasi, definizione, spiegazione, riformulazione, per non parlare delle pretese sostituzioni sinonimiche. In secondo luogo perché, davanti a un testo da tradurre, non sappiamo quale sia la cosa. Infine, in certi casi, è persino dubbio che cosa voglia dire dire. […]». Eco sottolineava così l'impossibilità di portare ad effettivo compimento, almeno da un punto di vista teorico, il processo di traduzione, facendo valere più che mai quel principio per cui tradurre equivale a tradire.
Già prima di lui, Benedetto Croce e Giovanni Gentile si erano espressi in merito, dando il via in Italia al dibattito ‘moderno' sulla teoria e la pratica della traduzione letteraria. Nel capitolo IX della prima parte dell'Estetica, intitolato Indivisibilità dell'espressione in modi o gradi, Croce ribadiva l'individualità del singolo fatto espressivo, di cui l'impossibilità delle traduzioni è diretta conseguenza:
«[…] ogni contenuto è diverso da ogni altro, perché niente si ripete nella vita; e al variar continuo dei contenuti segue la varietà irriducibile dei fatti espressivi, sintesi estetiche delle impressioni. Corollario di ciò è l'impossibilità delle traduzioni […]. Ogni traduzione, infatti, o sminuisce e guasta, ovvero crea una nuova espressione, rimettendo la prima nel crogiuolo e mescolandola con le impressioni personali di colui che si chiama traduttore».
Il filosofo, dunque, riconosce due strade possibili, ma tanto il tentativo di rielaborare in forma logica l'originale (come nel caso delle traduzioni ad verbum), quanto quello di dare al medesimo oggetto una nuova forma estetica, sono destinati a fallire. La teoria crociana distingue allora tra «brutte fedeli o belle infedeli», detto proverbiale che «coglie bene il dilemma che ogni traduttore si trova innanzi». Ciononostante, Croce ammette in conclusione la «possibilità relativa delle traduzioni; non in quanto riproduzioni (che sarebbe vano tentare) delle medesime espressioni originali, ma in quanto produzioni di espressioni somiglianti e più o meno prossime a quelle. La traduzione, che si dice buona, è un'approssimazione, che ha valore originale d'opera d'arte e può stare da sé». E dunque, una traduzione si può considerare tale solo se si approssima all'originale, ma, al contrario, il suo intrinseco valore sta nell'autonomia rispetto ad esso. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Parole nuove per un testo antico: l'Orestea di Eschilo da Pasolini agli Anagoor

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Angelamaria Panetta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Cristina Pace
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

parole
pasolini
traduzioni
orestea
orestiade
anagoor
intervista anagoor
simone derai
marco menegoni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi