Skip to content

I principi di redazione dei piani di risanamento

Il piano di risanamento nei diversi istituti

La risoluzione della crisi d’impresa necessita di strumenti che siano in grado di formalizzare la strategia di risanamento auspicata dal management. Su questo il legislatore ha ideato una serie di istituti più o meno invasivi che garantiscano la conservazione e il risanamento dell’impresa. Trattasi delle fattispecie quali, piano di risanamento attestato, accordi di ristrutturazione dei debiti e concordato preventivo in continuità. In questi casi l’imprenditore è chiamato ad allestire un piano di risanamento in grado di comprovare la sostenibilità finanziaria degli accordi raggiunti tracciando e simulando il percorso di sviluppo, tenendo conto ai fini temporali, della situazione in cui versa l’impresa. L’importanza del documento si evince sia dal punto di vista strettamente gestorio al fine di pianificare la propria attività d’impresa, ma soprattutto ampia rilevanza è stata riservata dalla legge fallimentare, la quale ha intravisto nello stesso uno strumento operativo da utilizzare nell’ambito di molti degli istituti previsti.

In linea generale volendo proporre un raffronto tra i diversi piani, evidenziandone i tratti similari e differenziali, occorre innanzi tutto delineare due macroaree:
- i piani di risanamento finalizzati a riportare l’azienda in bonis su cui questo lavoro si concentra
- i piani di liquidazione che prevedono lo smembramento del patrimonio aziendale al fine del soddisfacimento dei creditori con conseguente eliminazione dal mercato del soggetto insolvente

Ulteriore elemento di differenziazione, meritevole di attenzione, attiene agli effetti dei differenti piani nei confronti dei terzi. Se da un lato il concordato preventivo e l’accordo di ristrutturazione dei debiti sono idonei a produrre effetti dal momento in cui la proposta è accettata dai creditori ed omologata dal tribunale competente, dall’altro il piano di risanamento produce effetti al pari di ogni altro
piano programmatico interno all’impresa ai sensi dell’art 2381 c.c. (piani strategici, industriali e finanziari).

Vista la complessità e la necessità di coordinamento tra i diversi soggetti che partecipano in base alle loro competenze alla redazione del piano, risulta quanto mai utile, l’individuazione di un Advisor, che “che tenga le redini delle trattative e sia propulsore dell’operazione di risanamento”. Generalmente tale ruolo richiede specifiche competenze in grado di assolvere idoneamente ai relativi compiti quali: i) la fase di analisi e studio delle strategie e soluzioni da intraprendere, ii) la predisposizione del piano/programma, iii) la negoziazione, fungendo da mediatore tra valutazioni alternative da parte di soggetti differenti, con interessi differenti.

Quest’ultima funzione rappresenta il perno centrale affinché il piano possa essere vincente, in quanto potrebbe accadere che lo stesso sia redatto secondo criteri di razionalità economica e sostenibile ma che non sia compatibile con le richieste avanzate dagli altri soggetti. Soprattutto, con riferimento al piano attestato all’imprenditore non è rimesso niente di più che l’elaborazione di una bozza, la quale muterà in base alle richieste avanzate dai creditori e ai sacrifici che gli stessi saranno disposti ad accettare. Il piano oltre a fondarsi sulla scienza aziendalista, gode di rilevanza giuridica, sempre più meritevole al crescere della complessità dello strumento prescelto. Se negli istituti stragiudiziali il piano consente di riordinare gli accordi raggiunti tra debitore e creditore, in ipotesi giudiziali, rappresenta la “base” economica sulla quale poggerà la proposta del debitore. I piani dunque, seppur accumunati dalla razionalità delle motivazioni, e dall’esigenza di ristabilire gli equilibri gestionali perduti, necessiteranno di adattamenti ed integrazioni a seconda dello strumento utilizzato. Un aspetto peculiare per esempio nel concordato preventivo è rappresentato dalla necessaria idoneità del piano a produrre risultati positivi già nella fase iniziale al fine di persuadere gli organi della procedura sulla bontà dello stesso. In questo senso una focalizzazione sulla dinamica aziendale di breve termine consentirà sicuramente di fornire giustificazioni e proiezioni convincenti.

Dal punto di vista strettamente teorico, a parere di chi scrive l’unico istituto in grado di garantire ampia autonomia al debitore, sfruttando al meglio le nozioni della scienza aziendalistica, è da considerarsi il piano attestato. L’ultima riforma promulgata dal legislatore sembra aver lanciato solo un invito al cambiamento, non avendo concretamente apportato sostanziali modifiche nell’utilizzo di tale istituto, contraddicendo, seppur in parte l’obiettivo nobile originario, ovvero consentire all’imprenditore di risanare la propria impresa fin dagli albori. Tale obiettivo se non accompagnato da incentivi, primi fra tutti quelli fiscali, rischia di non innescare quel cambio culturale che sulla carta sembra essere presente.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

I principi di redazione dei piani di risanamento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Lecciso
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Alberto Dell'Atti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

responsabilità
crisi d'impresa
concordato preventivo
advisor
piano industriale
piani di risanamento
ccii
codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza
assetti organizzativi,amministrativi,contabili
principi di redazione dei piani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi