Skip to content

Cambiamenti e funzioni cerebrali legati alla genitorialità

Il ruolo degli ormoni nella plasticità cerebrale

Un importante contributo al cambiamento cerebrale è sicuramente dato dalla presenza e dall’azione degli ormoni. Sin dall’adolescenza, la formazione di ormoni steroidi sessuali produce cambiamenti comportamentali, cognitivi, socio-emotivi, fisici e neurali, tra cui ampie riduzioni di volume della materia grigia, della sua superficie e spessore corticale. A maggior ragione, durante la gravidanza la donna va incontro a numerose ondate di ormoni sessuali steroidei (Hoekzema, et al., 2016).
Durante la gravidanza e nel periodo post-partum, infatti, sia le interazioni con il proprio neonato sia gli ormoni portano a complessi cambiamenti strutturali e funzionali nel cervello, che comprendono varie aree nell’assistenza materna, principalmente regioni coinvolte nella premiazione, motivazione, salienza/individuazione di minacce, regolazione emotiva e cognizione sociale, come la capacità di empatia e inferenza dello stato mentale del bambino. (Barba-Muller et al, 2018).
Anche altri ormoni come prolattina, ossitocina e glucocorticoidi hanno dimostrato di svolgere un ruolo chiave nel plasmare o attivare il cervello materno (Barba-Müller et al., 2018; Kim e Strathearn 2016; Slattery e Hillerererer 2016). Per indagare questo fenomeno sono stati effettuati soprattutto studi su animali: ad esempio, si è potuto vedere come nei topi in gravidanza gli aumenti di prolattina mediano la produzione di cellule progenitrici nella zona subventricolare, che a loro volta producono interneuroni olfattivi, probabilmente allo scopo di facilitare il riconoscimento e l’allevamento della prole (Barba-Müller et al., 2018; Shingo et al. 2003). Importante sottolineare come, una volta che i fattori endocrini hanno innescato i circuiti neurali che regolano il comportamento materno, questo comportamento venga mantenuto da fattori esperienziali, cioè dall’esposizione ai segnali di prole.

Un altro studio viene a sostegno della tesi che gli ormoni siano un fattore importante per l’attività cerebrale: le autrici Piallini, De Palo e Simonelli, nel 2015, si sono soffermate proprio su questo aspetto. L’ipotesi è che l’equilibrio ormonale della madre possa essere parte dei fattori che influenzano il caregiving (Piallini, De Palo, & Simonelli, 2015). Attraverso un approfondimento dell’argomento, si è scoperto come altri autori (Kim, et al., 2011) abbiano condotto un esperimento sulle madri dividendole in base al loro metodo di alimentazione del neonato: la ricerca è riuscita a portare alla luce come, durante il pianto del bambino, vi sia una maggiore attivazione del giro frontale superiore, insula e amigdala nelle madri che allattano rispetto a quelle che non lo fanno (Kim, et al., 2011). Questa differenza potrebbe essere ricercata negli effetti dell’ossitocina, un ormone coinvolto nella cura che viene sintetizzato nell’ipotalamo, ed è collegato all’allattamento poiché stimola il rilascio di latte nelle ghiandole mammarie.
Altri studi sui fattori che influenzano la capacità materna di percepire gli stimoli del bambino hanno evidenziato come questa sia anche influenzata dal tipo di parto: Swain, Tasgin, Mayes, Feldman, Constable & Leckman (2008) hanno dimostrato che le madri che hanno partorito naturalmente, rispetto alle madri che hanno dato alla luce attraverso parto cesareo, hanno mostrato una maggiore attivazione neurale nella regione ipotalamica mentre ascoltavano il pianto del loro bambino. Questa regione, come detto prima, è coinvolta nella regolazione dell’ossitocina, che in questo caso viene rilasciata dalle contrazioni uterine durante il parto. (Swain, et al., 2008)

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Cambiamenti e funzioni cerebrali legati alla genitorialità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marta Scalvini
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Michela Balconi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 29

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

genitorialità
cambiamenti cerebrali genitori
funzioni cerebrali genitori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi