Skip to content

Applicazione del Regolamento 536/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio: focus sulla gestione del controllo dei medicinali sperimentali ad uso umano

Il ruolo del comitato etico all'interno della nuova normativa

Il nuovo Regolamento sottopone la sperimentazione clinica a revisione scientifica ed etica, oltre a rendere necessaria un'autorizzazione di cui prescrive in modo assai dettagliato la procedura di ottenimento.
La revisione etica assume un ruolo rilevante, come d'altra parte già le era riservato nella precedente Direttiva e deve essere realizzato dal comitato etico secondo le normative in vigore nello stato membro coinvolto. Il Regolamento indica alcune caratteristiche del comitato: deve trattarsi di un organo indipendente che sia in grado di dare pareri sulle tematiche di riferimento considerando la prospettiva dei pazienti e/o delle loro organizzazioni.
Nel nostro ordinamento è prevista già da tempo l'obbligo dell'istituzione del Comitato Etico a cui deve essere richiesto un parere per tutte le attività di ricerca e le metodiche utilizzate durante una sperimentazione, poichè dalla stessa spetta il compito di acquisire un sapere generalizzato e a favore dell'intera collettività che superi l'utilità specifica riguardante il singolo paziente soggetto passivo della sperimentazione. Su questo punto specifico è importante soffermare l'attenzione poichè è sul bilanciamento di questi due interessi, talvolta in conflitto tra loro, che si attesta l'importanza ed il ruolo centrale, innovativo ed irrinunciabile, vista anche la rilevanza in ambito comunitario, dei comitati etici a cui spetta stabilire un equilibrio fra l'idea di progresso evocata dalla sperimentazione e i diritti fondamentali della persona umana, per ritrovare ogni volta le ragioni della scienza da conciliare con il diritto e l'etica.
Infatti nel campo della sperimentazione clinica su essere umani, più che in altri settori, appare il potenziale conflitto fra la ricerca scientifica, ricca di innovazione, tecnologia, studio e scoperta di certe interazioni delle sostanze farmacologiche sul fisico, e la sicurezza, il benessere e la dignità dell'essere umano nella sua dimensione etica e sociale al fine di accertare e/o consolidare dati scientifici volti a garantire il progresso al servizio dell'uomo.
Nella normativa, sia comunitaria sia interna, il parere del comitato etico ha assunto già da tempo un'importanza primaria che, nel nuovo Regolamento, fa un rinvio espresso al diritto interno dello stato membro interessato, e che, nel nostro ordinamento, riguarda diverse fonti normative.
Nel nostro paese il D.M. del 15 luglio 1997 è l'anno in cui è stato istituita una struttura indipendente con la responsabilità di garantire la tutela dei diritti, della sicurezza, e del benessere dei soggetti coinvolti in uno studio clinico e di fornire pubblica garanzia di tale protezione cui fu attribuito per la prima volta in Italia un ruolo vincolante nei confronti delle sperimentazioni cliniche. Successivamente il d.m. del 18 marzo 1998 definiva le linee guida per l'istituzione ed il funzionamento dei comitati etici, nati in realtà prima della loro creazione formale e normativa sull'esperienza anglosassone, con il compito di valutare gli aspetti etici delle cure straordinarie a pazienti in condizioni critiche.

Secondo l'attuale regolamento, tenendo in considerazione anche il diritto interno, in quanto la decisione sulle modalità di interazione con i Comitati Etici è lasciata ai singoli stati membri, il comitato etico dovrà esprimere il proprio parere valutando:
- se alla sperimentazione/studio in questione sia applicabile il regolamento.
- se e quali benefici terapeutici, per i pazienti partecipanti alla sperimentazione e per la salute pubblica, siano prevedibili, tenendo conto delle caratteristiche dei medicinali sperimentali utilizzati e dell'affidabilità e robustezza dei risultati potenzialmente ricavabili dalla sperimentazione clinica considerando l'approccio statistico, la progettazione della sperimentazione e della metodologia utilizzata.
- i rischi e gli inconvenienti che potrebbero derivare per l'uso dei medicinali sperimentali, l'allontanamento dalla normale pratica clinica, nonchè le misure di sicurezza previste ed adottabili.
- la conformità alle regole di buona fabbricazione dei medicinali sperimentali.
- il rispetto delle regole di etichettature.
- la completezza del dossier presentato dal proponente la sperimentazione.

Al Comitato Etico potrebbe essere devoluto anche il compito di analizzare elementi da includere nella relazione di valutazione riguardo a ulteriori aspetti della domanda di autorizzazione circa la sua conformità alla disciplina in vigore nello stato in materie quali:
- acquisizione del consenso informato.
- eventuali modalità di retribuzione o indennizzo dei soggetti reclutati.
- le modalità di reclutamento dei soggetti.
- la raccolta, conservazione ed uso futuro dei campioni biologici del soggetto, oltre al resto della normativa comunitaria in vigore.
Pertanto i comitati etici per assolvere a tutte queste funzioni dovranno riunirsi più frequentemente e rispettare le timelines (tempistiche) e procedure previste nel Regolamento.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Applicazione del Regolamento 536/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio: focus sulla gestione del controllo dei medicinali sperimentali ad uso umano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Montagnaro
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Farmacia
  Corso: Farmacia
  Relatore: Maurizio Cini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

regolamento
sperimentazione clinica
ricerca scientifica
ricerca sperimentale
studi clinici
regolamento europeo 536/2014
medicinali sperimentali
farmaci sperimentali
normativa sperimentazione
autorizzazione sperimentazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi