Skip to content

Tra easy-luxury e sportswear: il caso Dsquared2

Il trattamento lusso nel segmento mass

Quella sopra descritta rappresenta una delle due possibili accezioni del termine easy-luxury, quella appunto messa in atto da players che, con gradi diversi, possono essere ascritti all'ambito del lusso. L'altra dimensione che andiamo a descrivere rappresenta un fenomeno socio-economico più recente. Lo potremmo collocare all'inizio di questo nuovo millennio, forse sul finire degli anni Novanta.

La prospettiva è qui capovolta rispetto a quella sopra descritta, non più di discesa della value-proposition, ma piuttosto di salita, di up-grading di essa. Cambia la direzione perché sostanzialmente mutano sia il punto di partenza che i soggetti coinvolti: si parte qui dal mass-market dell'abbigliamento e dai players che lo animano, cioè da un posizionamento a da un sistema di offerta aperti ad un pubblico più indifferenziato, creolo per dirla con il sociologi. Gli entry price, talvolta irrisori, per accedere a queste offerte sono infatti talmente bassi da rendere spesso praticamente inutilizzabili le variabili reddito-costo per segmentare e identificare i cluster d'acquirenti. Chiunque può idealmente permettersi di comprare in questi mall dell'abbigliamento. Un'alternativa per tentare una circoscrizione demografica potrebbe risolversi nell'utilizzo di variabili psico-grafiche e attitudinali, cioè operando una cernita tra coloro che attribuiscono rilievo al contenuto simbolico del brand e coloro che prestano meno attenzione a questa variabile, ma anche questo discrimen ha recentemente perso di efficacia analitica. L'evoluzione che ha marcato l'atteggiamento cognitivo del consumatore di abbigliamento negli ultimi anni rende difficile poter scindere nettamente tra high-spenders e consumatori mass. Sia per un radicale mutamento sociale nei comportamenti di consumo della moda (che vede uno stesso individuo mescolare e abbinare capi e brand di fascia alta e bassa), sia per l'incidenza della congiuntura economica attuale (che induce giocoforza a comprare a prezzi ragionevoli anche i soggetti benestanti) le vecchie tassonomie che dividevano tra persone contraddistinte da alto reddito e orientamento ad acquisti di valore simbolico e gli strati redditualmente più bassi e più indifferenziati negli acquisti sono sfumate. Simili partizioni non sono certo sparite ma in determinati ambiti il confine che separa le une dalle altre è divenuto labile, quindi analiticamente insufficiente. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Tra easy-luxury e sportswear: il caso Dsquared2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Carradori
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo
  Corso: Comunicazione e strategia della marca e del consumatore
  Relatore: Antonio Catalani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 163

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi