Skip to content

Analisi degli effetti della fertilizzazione azotata sulle infestazioni di Myzus persicae nicotiane (Blackman) su tabacco (Nicotiana tabacum L.)

Interazione tra concimazione azotata e M. persicae nicotianae

Fattori abiotici come la temperatura, la disponibilità di risorse nutritive e idriche possono avere un forte impatto sugli insetti fitofagi sia direttamente che indirettamente attraverso i loro effetti sulle piante, in quanto substrati nutritivi di tali organismi (Evans et al., 2012). Diversi sono stati gli studi condotti in merito, dai quali è stato possibile sviluppare due concetti principali: “Plant Vigour Hypothesis” (PVH) e “Plant Stress Hypothesis” (PSH).

La prima ipotesi presuppone che le piante vigorose siano ospiti più adatti per gli insetti fitofagi (per cui la loro performance è massimizzata) per una maggiore disponibilità di nutrienti e per più alti potenziali osmotici rispetto alle piante stressate (Tariq et al., 2012). La seconda ipotesi è invece basata sulla presenza di cambiamenti biochimici nelle piante sotto stress (a livelli intermedi e non elevati), come un aumento del contenuto di amminoacidi solubili, che contribuiscono all’aumento della performance degli insetti (Larsson, 1989).

Nell’insieme dei possibili fattori ambientali e colturali, l'effetto della disponibilità di azoto, sull'esito dell'interazione pianta-parassita, è stato particolarmente studiato, ma con risultati contrastati. Alcuni studiosi hanno riscontrato un impatto positivo dell'aggiunta di azoto sulla performance degli insetti (Aqueel & Leather, 2011), mentre altri hanno evidenziato un effetto negativo (Bethke et al., 1998).
Di fatto, l’azoto ha un impatto sulla crescita delle piante, in quanto modifica la relazione dei nutrienti e quindi la composizione biochimica degli organi vegetali e della linfa floematica, di cui i fitofagi si nutrono. In particolare, in linea con la PVH, le piante che mostrano una crescita ridotta a causa della limitazione di azoto, sembra siano in grado di investire più carboidrati nel metabolismo secondario, e quindi in composti di difesa, mentre quelle che presentano un maggior sviluppo, per alti livelli di azoto, sembra risultino più appetibili e quindi più suscettibili agli insetti (Rousselina et al., 2016). Inoltre, diversi studi confermano che gli afidi (Hemiptera: Aphididae) prediligano le piante con un alto contenuto di composti organici azotati solubili, presenti specialmente nei tessuti in crescita e senescenti quando i protidi si dissociano in amminoacidi (Guerreiro et al., 2014).

Nel caso specifico di M. persicae, la letteratura in merito evidenzia l’adesione del comportamento dell’afide, alla “Plant Vigour Hypothesis” (PVH) (Gre'chi et al., 2008), rispetto al livello di concimazione azotata del substrato vegetale. Tale interazione non si evidenzia solo su tabacco, ma anche su altre piante ospiti come il pesco (Rousselina et al., 2016) e la patata (Jansson & Smilowitz, 1986).
Da tali studi si evince che un diverso apporto di azoto alle piante (somministrato artificialmente o meno) comporti modifiche nella composizione e nelle concentrazioni in amminoacidi e in composti di difesa, con conseguente alterazione del comportamento di alimentazione dell’afide e quindi delle sue prestazioni a lungo termine (Rousselina et al., 2016).

Nello specifico, si riscontra una relazione positiva, seppur debole, tra le dinamiche di popolazione di M. persicae e concimazione azotata su pesco come dimostrato da Marie Helena Sauge nel 2010 (Sauge et al., 2010). Pertanto, la qualità nutrizionale azotata delle piante potrebbe risultare utile per modellare la crescita delle popolazioni degli afidi e progettare sistemi di gestione per i medesimi.
Nonostante sia stata riscontrata una correlazione positiva tra concimazione azotata e infestazione, risulta necessario approfondire quanto più possibile gli studi in merito al fine di poterla applicare correttamente in agricoltura biologica (Zehnder et al., 2007) o al fine di sviluppare modelli di simulazione accurati, migliorando così le strategie di “Integreted Pest Management” (IPM). Di fatto, anche se molteplici sono i riferimenti in letteratura a M. persicae e alla concimazione azotata, mancano ricerche specifiche relative alla sua sottospecie del tabacco. Sulla base di ciò, il presente studio analizza la possibile presenza di interazione positiva tra il livello di fertilizzazione azotata su tabacco e grado di infestazione di M. persicae nicotianae.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi degli effetti della fertilizzazione azotata sulle infestazioni di Myzus persicae nicotiane (Blackman) su tabacco (Nicotiana tabacum L.)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Bittau
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Agraria
  Corso: Curriculum Medicina delle Piante
  Relatore: Giovanni Burgio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nicotina
nicotiana tabacum
fertilizzazione azotata
myzus persicae nicotianae
infestazione su tabacco
afidi del tabacco

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi