Skip to content

L’arcipelago delle coscienze. Dissociazione in psicologia filosofica

Janet: la logica regressiva di emozioni e emozioni veementi

La teoria della disgregazione della personalità e dell'impoverimento dell'io rappresentano uno dei contributi fondamentali della psicologia sperimentale di fine '800.
A causare questa “miseria psicologica”, secondo Janet, vi sono sentimenti e emozioni di una certa forza e rilevanza. I sentimenti, secondo l'autore, rappresentano, rispetto alla razionalità, una regione ancora instabile della vita psichica, ancora soggetta alla metamorfosi del divenire, essi costituiscono:

Una regione instabile, analoga alle faglie della crosta terrestre, in cui si raggruppano le eruzioni vulcaniche e i terremoti.

Sono zone incompiute del nostro globo sulle quali si producono ancora i fenomeni di cedimento, di corrugamento, di sprofondamento. Si può anche, e forse più giustamente, paragonare questa regione dello spirito a quelle specie vegetali o animali che sono ancora in mutazione, che possono diventare il punto di partenza di specie nuove in progresso e che possono anche dar luogo ad anomalie, degenerazioni e mostruosità (Janet, 1903, pp. 6-7).

Janet, condivide con Ribot la logica dei fenomeni di regressione instaurati dai sentimenti, ma la scandisce in maniera diversa. Infatti per Janet, dapprima scompaiono le “emozioni disinteressate” di natura estetica o intellettuale, subito dopo quelle altruistiche e ego-altruistiche, infine quelle egoistiche, che comportano una dissoluzione dell'io e di ogni senso e valore per la vita.
Lo stato così raggiunto non è di serenità, ma lo svuotamento completo, l'assenza di passioni, come direbbe Ribot “ la 'crosta terrestre' si è fin troppo raffreddata” (Bodei, 2009, p. 79), esaurisce completamente ogni forza vitale.
Da queste nozioni, Janet, introduce il concetto di psicoastenia, dove il soggetto vive un sentimento di irrealtà, un indebolimento del libero arbitrio, consistente nell'incapacità di fissare e coordinare le idee salvaguardandone la complessità, la funzione del reale è definita da Janet come l'insieme:

Delle operazioni psicologiche che permettono all'uomo di entrare in rapporto con la realtà, di agire su di essa e di cogliere la sua esistenza con certezza. La funzione del reale, con le operazioni della volontà, il sentimento del reale, il sentimento del presente, occupa il primo posto nella gerarchia dei fenomeni psicologici e il suo studio è importante tanto per la metafisica che per la psicologia (Janet, 1908, pp. 440-441, cit. in Bodei, 2009, p. 321).

Janet, introduce il concetto di “emozioni veementi” (o violente), per indicare le emozioni che hanno un effetto disaggregante per la psiche, scrive:

L'emozione ha un effetto disintegrante sulla mente, riduce la sua sintesi e la pone, seppure momentaneamente in uno stato penoso. Le emozioni, specialmente di tipo depressivo come la paura, disturbano la sintesi mentale; le loro azioni, per così dire, sono analitiche, al contrario di quelle della volontà, dell'attenzione, della percezione che sono invece sintetiche (Janet, 1889, p. 457, cit. in Craparo, 2015, p. 80).

Le emozioni veementi, entrano a far parte del vocabolario di Janet, grazie ai suoi studi condotti sui pazienti isterici, i traumi subiti innescano nel tempo: stati di disaggregazione psichica associati a un abbassamento del livello mentale, un restringimento del campo della cosicenza e l'emergere di stati mentali automatici. Scrive:

Uno dei fenomeni dell'emozione è di accompagnarsi a un marcato abbassamento del livello mentale. Essa non produce soltanto la perdita della sintesi e la riduzione dell'automatismo, che è così evidente nell'isterico, ma sopprime progressivamente, in proporzione alla propria forza, i fenomeni superiori e abbassa la tensione al solo livello dei fenomeni cosiddetti inferiori. […] Durante l'emozione vediamo sparire la sintesi mentale, la volontà, l'acquisizione di nuovi ricordi: contemporaneamente vediamo diminuire o sparire tutte le funzioni del reale, il sentimento e il piacere del reale, la fiducia, la certezza. In loro luogo vediamo sussistere i movimenti automatici (Janet, 1903, trad. it. p. 109, cit. in Craparo, 2015, p. 54).

In Janet, rileviamo una differenza sostanziale con il pensiero Freudiano: i fenomeni di dissociazione psichica, i sintomi intrusivi dell'isteria come l'iperattivazione fisiologica, per Janet, non sarebbero causati come in Freud da un meccanismo di difesa dell'io per contrastare desideri e impulsi inaccettabili, ma dalla diretta conseguenza di emozioni non regolate, emozioni violente e selvagge che il soggetto non ha avuto facoltà di elaborare nel corso del trauma, che portano ad uno stato di disaggregazione della mente, in sostanza la dissociazione, che forma delle vere e proprie isole nella mente subcosciente che riemergono nei sintomi isterici.
Il nocciolo del pensiero di Janet è il riportare tutti, o quasi, i sintomi della malattia mentale alla dissociazione della psiche, per mezzo degli atti automatici del subcosciente, parafrasando il linguaggio di Ribot, lo sfaldarsi della coalizione degli io.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L’arcipelago delle coscienze. Dissociazione in psicologia filosofica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Salvatore Cusumano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: UKE - Università Kore di Enna
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Giuliano Gasparri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi