Skip to content

Attorialità e divismo nell'Italia contemporanea: il caso di Pierfrancesco Favino

L’antidivismo italiano

In Italia, infatti, più che un divismo possiamo osservare un antidivismo. Con il finire del Neorealismo, “epicentro di ogni discorso antidivistico”, si era intravisto anche nel nostro Paese uno star system che poteva ricordare quello hollywoodiano. Stiamo parlando dell’epoca di Sofia Loren, Marcello Mastroianni o Claudia Cardinale, le cui figure funzionavano sia in chiave domestica (si pensi alla commedia all’italiana), sia in chiave di rappresentazione di una certa italianità. Giulia Carluccio e Andrea Minuz affermano che il pubblico italiano era legato a questi attori da un sentimento d’orgoglio e d’affetto. Infatti, gli italiani dell’epoca (ma forse anche di oggi) erano fieri di essere rappresentati da loro in un contesto internazionale, e li percepivano come parte del patrimonio nazionale. Finito, però, questo periodo caratterizzato da uno star system efficace anche se fragile, si proverà a recuperare una qualche forma divistica guardando al piccolo schermo. È in questi anni che si vedono comici nati dal cabaret come protagonisti, divenuti famosi con la televisione. Fino ad arrivare agli anni ’80 dove si inizia a vedere quel processo di culturalizzazione che dura ancora oggi nel nostro cinema contemporaneo. Infatti, lo Stato italiano concede il proprio finanziamento a quei film che sono d’interesse culturale e che quindi, di conseguenza, risultano essere simili per modo di scrittura, immaginari scenici e modo registico.

Questa tipologia di progetto, d’interesse culturale appunto, fa sì che l’antidivismo si affermi in modo ancora più solido. Infatti, come rappresentante di un interesse culturale, l’attore non può assomigliare a quel gruppo di star Hollywoodiane, o a quello della televisione commerciale. L’attore cinematografico italiano diventa una figura che difende i valori culturali e artistici, che sono opposti a quelli della massa. È una figura artistica che con la sua professione si impegna civilmente. D’altronde l’attore sente il proprio mestiere poco riconosciuto, all’interno di un’ottica che da più valore al regista e per questo prova una generale insofferenza, se non anche conflitto, con il tessuto culturale in cui si muove. Il fatto che un attore non sia d’accordo con l’ideale di “vita in quanto rappresentazione” può essere compreso solamente in un contesto come quello italiano. Nel nostro Paese, infatti, si dà molto valore all’anti-professionismo e all’autenticità, che trova le sue radici nel Neorealismo. Tuttavia, come afferma Claudio Bisoni, anche gli antidivi presentano dei meccanismi di costruzioni della propria immagine di star. Individua in particolare quattro fattori che compongono il nostro antidivo italiano. Fattori in parte attribuibili anche alla figura di Favino, come vedremo qui di seguito sebbene la sua figura verrà analizzata nel dettaglio nel prossimo capitolo.

Prima di tutto riscontriamo un’immagine privata debole. Come abbiamo ampiamente affermato in precedenza, la figura della star si forma sia tramite l’immagine cinematografica che quella extra-cinematografica, e grazie all’incontro tra sfera pubblica e vita privata. Negli antidivi italiani manca quest’immagine che va oltre lo schermo, e subentra al suo posto una sorta di riservatezza e di discrezione per quanto riguarda la loro vita privata. Favino stesso, come vedremo, è restio a parlare delle sue vicende personali. Ed è per questo che i discorsi pubblici sull’attore rimandano, in un modo o nell’altro, alla loro passione per il lavoro. Il secondo fattore è l’assenza di media ubiquity, vale a dire la negazione alla sovraesposizione in più media che dovrebbe essere, invece, tipica del divo. Ciò non toglie il fatto che anche l’antidivo deve comunque promuovere sé stesso, soprattutto in un contesto di profonda competizione. Per cui l’antidivo, piuttosto che sfruttare la sua immagine nei vari media, sceglie di legare la sua figura alla sua professione, quasi esclusivamente all’area cinematografica e talvolta anche al terreno della fiction televisiva. Per questa ragione non li vediamo spesso comparire in televisione o particolarmente attivi sui social media, o ancora sulle copertine di riviste popolari. Tuttavia, li vediamo nel piccolo schermo quando vi sono eventi o festival legati a premiazioni cinematografiche. Si pensi allo studio di Bisoni che porta come esempi Toni Servillo e Margherita Buy. In questo contesto gli è “concesso” presentarsi in quanto professionisti-attori, esponendosi anche alla logica della promozione delle celebrità”. Tali eventi diventano “interessanti siti di negoziazioni tra valori contrapposti”. Lo stesso non si può affermare per figure come Pierfrancesco Favino, il quale è presente su molti media anche al di fuori di un contesto cinematografico. Fatto che si noterà all’interno del prossimo capitolo, in cui la sua figura extra-cinematografica verrà analizzata più nello specifico.

Ancora, Bisoni parla di agency personale: l’andare contro l’idea che la star sia “comandata” da terzi che decidono come sfruttare la sua immagine togliendoli ogni controllo sulla sua figura. Aggiungiamo a questo il già citato pregiudizio che l’attore sia una marionetta nelle mani del regista. In risposta a questo problema, l’antidivo si pone come persona che ha il pieno controllo sulla sua immagine. Infatti, appare come un attore che decide da sé quali parti interpretare e quali rifiutare, esattamente come dichiara di agire lo stesso Favino. Solitamente l’antidivo italiano lo vediamo impegnato principalmente in progetti culturali, in film che abbiano un messaggio significativo (come appunto vuole la retorica dei finanziamenti statali). E di nuovo, l’attore di qualità è padrone di sé anche sul set, entrando in relazione con le altre figure artistiche, in particolare con il regista. Il quarto e ultimo fattore è la trasparenza, per il quale gli attori più sono conosciuti per la loro abilità nella recitazione, più riescono ad apportare valore culturale ai progetti in cui collaborano. Proprio per questo, riprendendo i processi di personification e impersonation di Barry King, vediamo come l’antidivo italiano sia maggiormente per il secondo: se l’attore in questione ha una star-image la adatta al ruolo che dovrà interpretare nel film. Si vedrà, infatti, più avanti come Favino riesca ad adattarsi a ogni tipo di personaggio e a ogni genere cinematografico. Per concludere, quindi, la riconoscibilità dell’attore italiano sta nella qualità della sua performance. Ed è in tal senso che possiamo trovare particolarmente calzante per il caso italiano la tripartizione divistica di Christine Geraghty, la quale divide le forme di divismo in tre tipologie differenti: celebrity, professional e performer. Quest’ultima descrive, appunto, l’antidivo italiano: colui che è famoso grazie alle sue abilità e qualità che non rimangono nascoste, ma anzi sono esibite ed esaltate, attirando l’attenzione del pubblico. L’attore in quanto performer è quindi definito dal suo lavoro, ed è spesso associato a degli alti valori culturali di performance teatrali, anche quando l’interpretazione ha luogo al cinema o alla televisione. Esattamente come accade anche per la figura di Favino, soprattutto per quanto riguarda i suoi sketch televisivi, facendolo rientrare nella tipologia del performer.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Attorialità e divismo nell'Italia contemporanea: il caso di Pierfrancesco Favino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paola Pitzus
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Cinema, televisione e produzione multimediale
  Relatore: Sara Pesce
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 140

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

divismo
attorialità
favino
divo
attori italiani
analisi recitazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi