Skip to content

Leni Riefenstahl e l’estetica nazionalsocialista

L’estetica del nazismo

L’uomo ariano e l’ebreo
Il Reich millenario concepito da Hitler sarebbe appartenuto alla razza superiore, gli ariani, un gruppo razziale a cui apparterrebbero tutti i popoli indoeuropei del quale i tedeschi rappresenterebbero la punta di diamante per virtù, forza e genio. Non occorre una lettura approfondita del Mein Kampf per capire che il razzismo è il fondamento sul quale tutto il nuovo ordine sarebbe stato eretto, e come lo stesso fosse presente nell’ideologia fin dagli albori.
Cosa significasse essere ariano è un concetto molto complesso e lontano da noi, senza contare che le continue banalizzazioni ancora oggi continuano ad alimentare un’idea del tutto scostata rispetto all’ideale razzista propugnato dal nazionalsocialismo.

L’essere un ariano, a differenza di quello che si pensa, non è semplicemente essere di aspetto nordico, avere gli occhi chiari e i capelli biondi, anche se di fatto questo era l’ideale di bellezza nazista, coniugato ad un’inderogabile salute e prestanza fisica dato che il Führer era convinto che «Nella debolezza fisica risiede quasi sempre la causa della vigliaccheria personale».

È curioso notare come nessuno tra le più alte cariche del partito e dello stato corrispondesse a questo aspetto, tipico delle popolazioni del Nord Europa. Al contrario, una delle poche figure dell’establishment nazista che incarnava l’ideale di bellezza e di virtuosità germanica, il gerarca delle SS Reinhard Heydrich, venne per tutta la vita accusato di avere ascendenze ebraiche. Egli era un uomo sportivo, era fisicamente prestante ed eccelleva nell'atletica, nel nuoto e nella scherma, disciplina nella quale vinse numerose competizioni. Oltre a ciò era colto e si dilettava di musica, sapendo suonare il violino egregiamente. Tutto questo non sopì mai del tutto le maldicenze che lo accompagnarono fino alla prematura scomparsa. Egli stesso ordinò ai ricercatori delle Schutzstaffeln di investigare sull'ipotesi di una presenza giudaica nella sua famiglia, ricerche che dimostrarono come non avesse alcun antenato ebreo. Questo rende bene l’idea di come per gli stessi nazisti l’essere ebreo o meno fosse un concetto molto labile; in questo caso per via di una figura tanto potente e invidiata, che nelle lotte intestine di potere aveva molti detrattori pronti ad aggrapparsi ad ogni diceria per poterlo screditare e magari scalzarlo dai suoi prestigiosi incarichi.

Emblematico è l’episodio accaduto al regista, sceneggiatore e scrittore austriaco Fritz Lang, che affermò in un’intervista: «Il 30 marzo 1933, il ministro della Propaganda in Germania, Joseph Goebbels, mi convocò nel suo ufficio [...] e mi propose di diventare una sorta di "Fuhrer" del cinema tedesco. Io allora gli dissi: “Signor Goebbels, forse lei non ne è a conoscenza, ma debbo confessarle che io sono di origini ebraiche” e lui: “Non faccia l'ingenuo signor Lang, siamo noi a decidere chi è ebreo e chi no!”». Conoscendo l’intransigenza di uno dei più fanatici promotori dell’antisemitismo del Terzo Reich sembra impossibile che una tale frase sia uscita dalla sua bocca ma, oggigiorno, la politica delle alte cariche circa cosa fosse vero o meno è abbastanza delineata. Lo stesso ministro ripeté in svariate occasioni «Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità». Un’idea condivisa dallo stesso Führer, certo che «È più facile ingannare le masse con una fandonia esagerata che con una piccola bugia».

Secondo l'ideologia nazista la storia è una lotta tra la razza ariana, forte, fertile e creatrice di civiltà, e le altre razze, considerate inferiori sia culturalmente che biologicamente (gli Untermenschen, ovvero i sub-uomini). Questa "visione del mondo" (Weltanschauung) deriva, in parte, dalla distorsione del pensiero nietzschiano circa la contrapposizione tra l'uomo libero, forte, nobile e l'uomo debole, meschino, malato nell'anima. I “subumani”, ovvero gli slavi e gli ebrei, erano dunque visti come cospiratori e minaccia suprema del popolo tedesco e dovevano per questo essere annientati.
È comunque stato dimostrato mostrato come l’antisemitismo in Germania fosse sentito in particolare da ambienti militari e reducistici o dalle élites culturali e non negli strati più umili della popolazione. La storiografia di oggi mostra infatti come il boicottaggio del commercio ebraico in Germania del 1º aprile 1933 o il pogrom passato alla storia come la Notte dei cristalli (Kristallnacht) furono azioni del tutto fallimentari dal punto di vista propagandistico. Entrambe le misure vennero intraprese dando al popolo un giustificato motivo: il boicottaggio ebraico delle merci tedesche, iniziato poco dopo il giuramento di Adolf Hitler come cancelliere e l’omicidio del diplomatico tedesco Ernst Eduard vom Rath avvenuto a Parigi per mano dell’ebreo polacco Herschel Grünspan. Per quanto riguarda il boicottaggio del ’33 gli stessi nazisti realizzarono come ai tedeschi non importasse quasi nulla dei loro compatrioti ebrei, tanto che per un paio di anni Hitler fu sempre molto attento a non menzionare più questo argomento nei suoi comizi, seguito a ruota da tutti i gerarchi. In quanto al pogrom della notte tra il 9 e 10 novembre 1938, alcuni storici vedono una débâcle ancora più evidente. Lo storico statunitense Karl Schleunes asserisce che «Fu un prodotto della mancanza di coordinamento che segnò la pianificazione nazista in materia di politica ebraica, e il risultato di un estremo tentativo compiuto dai radicali per conquistare a forza il controllo di questa politica», idea condivisa anche dal britannico Ian Kershaw. Una mancanza di pianificazione riguardo al comportamento da tenere verso gli ebrei è quindi riconducibile alla limitata diffusione dell’antisemitismo in Germania.

Gli ebrei nel XIX secolo vivevano isolati nei ghetti e lo stereotipo diffuso tra tutti i ceti della popolazione era quello che l’ebreo fosse privo d’anima, non possedesse le virtù proprie dei tedeschi e fosse privo di radici. L’ebreo era anche l’epitome del proletario facinoroso, malevolo e inetto. Ai tedeschi questa popolazione appariva insieme estranea; tutto sommato di scarso interesse. Nulla a che vedere dunque con il feroce antisemitismo dell’Europa orientale dove i pogrom, sanguinosi massacri di massa verso la popolazione ebraica, scattavano quasi con cadenza regolare e la loro ghettizzazione era coatta e regolata dalla legislazione. Qui, in particolare in Russia, gli ebrei erano tacciati di immolare bambini cristiani per i loro rituali (in particolare durante le festività pasquali) e l’antisemitismo permeava tutta la popolazione, ancorché poverissima. Sul finire del ‘700 l'Impero Russo acquisì il controllo di larga parte dei territori polacchi e lituani, densamente abitati da ebrei, durante la seconda (1793) e terza (1795) spartizione della Polonia. Nella Confederazione Polacco-Lituana gli ebrei furono sottoposti a delle restrizioni chiamate eufemisticamente "disabilità". La Zarina Caterina II costituì la cosiddetta zona di residenza, che includeva i territori di Lituania, Polonia, Ucraina e Crimea, dove gli ebrei erano obbligati ad abitare e dove erano tenuti a richiedere una speciale autorizzazione per lasciare la zona. Si può quindi dire che l’odio verso il giudeo in Germania fosse più un pregiudizio religioso figlio dell’ignoranza e della totale mancanza di volontà di integrazione da entrambe le parti più che un qualcosa di radicato.

Ciò non toglie che la letteratura tedesca sull’ebreo fosse molto florida e apprezzata, così come i miti popolari che l’accompagnavano. Tra i romanzi più celebri vi sono Soll und Haben (Dare e avere) scritto da Gustav Freytag e uscito nel 1855, uno dei romanzi più letti nella Germania dell'Ottocento, Biarritz del 1868, di Sir John Retcliffe, pseudonimo di Hermann Goedsche, e Der Hungerpastor (Il pastore della fame) del 1864 di Wilhelm Raabe. In questi racconti l’ebreo viene fortemente stigmatizzato per la sua avidità e sete di potere declinata in spietatezza ed inganno, in opposizione alla rettitudine del tedesco. Inoltre veniva puntualmente rimarcato il suo non avere radici, l’essere senza anima e il vivere isolato, in ghetti pieni di vicoli luridi, bui e misteriosi.
[...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Leni Riefenstahl e l’estetica nazionalsocialista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Nicolas Zaganelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere
  Relatore: Maria Malatesta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nazismo
estetica
guerra
nazionalsocialismo
seconda guerra mondiale
hitler
olympia
olimpiade
leni riefenstahl
ww2

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi