Skip to content

La psicomotricità relazionale e le sue applicazioni in ambito terapeutico

L’importanza del corpo negli interventi psicologici e terapeutici

Il corpo è stato un aspetto trascurato dalla psicologia e dalla psicoterapia del XX secolo.
Sarà ridondante e banale, ma è bello poter riflettere sul corpo partendo da quella distinzione così importante nel pensiero fenomenologico di Husserl e poi di Merleau-Ponty.
La distinzione che pone di fronte al corpo come oggetto di conoscenza, come res extensa nel linguaggio cartesiano (Erbuto, 2014) che è il “Korper”, che ha misure, occupa spazio.

C'è poi “die Leib” che è il corpo vissuto, il corpo posseduto. Ed è a quest'ultimo a cui noi ci riferiamo e con cui vogliamo lavorare come detentore delle potenzialità emotive e di relazione. Lavorare con e su Leib non scordando l'importanza di un Korper sempre molto presente, che diventa sempre più centrale nei disturbi dell'immagine corporea e nei disturbi alimentari, dove il corpo posseduto è il corpo modificato e travagliato, che non tiene più conto del Leib.

Con il comportamentismo, il cognitivismo e la psicoanalisi post-freudiana si è assistito ad una cerebralizzazione e mentalizzazione della psicologia e della psicoterapia.
Anche l'idea della psicosomatica di stampo psicodinamico, improntata fondamentalmente da Freud con gli studi sull'isteria, portava l'accento sul potere che la mente e il cervello (nuova scoperta in quegli anni nelle sue varie potenzialità e complessità) avevano sul corpo. Come se si fosse incarnato nel pensiero psicologico dello scorso secolo il pensiero lineare scientifico, di stampo newtoniano, e quell' "Errore di Cartesio" (prendendo a prestito il titolo del famoso saggio di Damasio) che ponevano corpo e mente separati e in connessione lineare: la mente e il cervello, con le loro distorsioni e patologie, potevano esprimersi con delle affezioni corporee: paralisi, lesioni, disturbi di vario genere.
Nella seconda metà del 1900 c'è stato un progressivo, lento e parziale recupero di quanto invece l'uomo aveva sempre saputo e fatto, forse, cioè di come la mente non fosse mai stata separata dal corpo e viceversa.

Riprendono posto terapie a mediazione corporea come quella Reichiana e la bioenergetica di Lowen, l'ipnosi comincia ad essere studiata nei suoi effetti reciproci mente-corpo, lo psicodramma nei suoi vari orientamenti viene sviluppato e applicato, vengono sviluppate e concettualizzate tecniche varie come il training autogeno di Schulz, tecniche di rilassamento di vario genere e stampo, la psicomotricità viene sviluppata e diffusa da Aucouturier e Lapierre, si diffondono le tecniche e i lavori di Feldenkreis e tutto questo con la parallela ripresa e importazione in occidente di molte discipline orientali come yoga e meditazione.
Ci sono una serie di evidenze e pubblicazioni – PNEI, studi neuropsicologici, studi con la PET, le pubblicazioni di Damasio – degli ultimi vent'anni che validano le intuizioni avute dai capo-scuola delle varie discipline che del corpo fanno il terreno primario di intervento e che d'altra parte confermano quanto l'uomo ha sempre saputo e conosciuto intimamente su di sé: che in principio era il corpo, parafrasando la Bibbia della Genesi. “La mente dovette prima essere per il corpo, o non sarebbe potuta essere” (Damasio, 1995).

Nel panorama psicologico e nell'operare terapeutico non può più essere trascurato l'aspetto corporeo, ma non solo nel fornire un canale di lettura in più rispetto a quanto accade nella relazione, ma perchè sia, il corpo e la corporeità, un vero e proprio attore nel processo terapeutico e di intervento clinico: quindi non semplice chiave di lettura alternativa ma parte integrante dell'agire clinico.
Lo psicoterapeuta avrà sempre più necessità di operare anche attraverso il corpo – il proprio – e non solo quello del paziente o del gruppo di pazienti. Non possiamo più trascurare l'evidenza, ora anche scientifica, per cui lavorare con e sul corpo deve rappresentare una via associata alla parola e talvolta essere tranquillamente la via preferenziale.
Se si pensa al bambino, e lo si osserva giocare, si noterà come in realtà faccia, agisca, sperimenti, e poi eventualmente racconti. Man mano che cresce la componente cognitiva e la capacità di giocare con le parole aumenti, passando attraverso fasi sempre più articolate in cui il bambino gioca accompagnando il gioco con le parole, o che organizzi progressivamente l'azione raccontando quanto farà e sempre più intervallando verbalizzazioni più lunghe a momenti di gioco più concisi e puntuali.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La psicomotricità relazionale e le sue applicazioni in ambito terapeutico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Ghittino
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Psicomotricità Relazionale
Anno: 2019
Docente/Relatore: Mauro Vecchiato
Istituito da: Istituto Italiano di Psicologia della Relazione
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi