Skip to content

I giovani e la cultura hip hop: analisi dei messaggi veicolati

L'improvvisazione verbale afro-americana come culla della rivoluzione musicale dell'Hip Hop

Chi pensava alla cultura Hip Hop come ad una moda da ragazzi che nel giro di qualche mese sarebbe passata si è dovuto ricredere; dagli anni Settanta si è subito rivelata come una "parola viva" capace di parlare alle generazioni sino al grande boom odierno.

L'Hip Hop più che una semplice tendenza del momento è in primo luogo un'arte popolare, una forma di folklore metropolitano che ha come primi attori i giovani afro-americani dei ghetti di Harlem e del South Bronx.

Quanto è accaduto agli esordi dell'Hip Hop fa parte della memoria collettiva dei quartieri neri e ispano-americani e resta impresso sui muri di quelle strade che hanno visto crescere e rinnovarsi uno dei fenomeni culturali - musicali più rilevanti nella storia della cultura popolare americana e della musica.

Il rap non poteva che determinarsi se non che in quelle condizioni ambientali; infatti come evidenziato da più critici musicali, in particolare da Adinolfi, il quale ritiene che questo "nuovo suono" poteva nascere solo in America, solo in un ghetto e in un contesto di simile privazione e segregazione. Il rap diventa una forma di celebrazione della voce, un tentativo di ribellione al bavaglio imposto dalla vita nel ghetto, è come se i sobborghi si fossero stancati delle loro condizioni di emarginazione, rigettando tutta la loro carica critica in musica e riportando in superficie i racconti e le storie violente e drammatiche della "inner city", la città profonda.

I ragazzi dei quartieri neri, nel tempo libero, si dilettavano nelle gare verbali del dozens e del signifyin'; i primi consistono in feroci sfide verbali, improvvisate su norme retoriche e metriche complesse, contraddistinte da crudeli e offensivi attacchi ad esempio alla virilità dell'avversario o all'onore di sua madre; mentre i signifyin' sono storie improvvisate in versi cariche di riferimenti mitici e metaforici dell'esperienza afro-americana. I "toast" sono invece poesie narrative, o storie in versi enunciate soprattutto tra uomini adulti.

David Toop le definisce violente, escatologiche, oscene, misogine, sono servite per anni a far passare il tempo libero in situazioni di noia forzata, in prigione, come nell'esercito e nella vita di strada. I toast come la maggior parte delle tradizioni folkloriche orali, sono stati assorbiti dal linguaggio commerciale, per lo meno in forma purgata.

La volgarità, il cinismo e la provocazione, costantemente presenti nell'improvvisazione verbale dei giochi verbali e successivamente adottate e riscontrabili nei testi delle canzoni, sono tese a fotocopiare musicalmente la cruda realtà della propria storia e della propria origine e condizione, ma contengono in sé anche il grido e la tenacia di riscattare la propria condizione sociale.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

I giovani e la cultura hip hop: analisi dei messaggi veicolati

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Fiorentino
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Giusy Manca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adolescenza
atlas.ti
fabri fibra
giovani
grounded theory
hip hop
interviste aperte con giovani
musica rap
rappresentazioni sociali
ricerca empirica
ricerca qualitativa
storia hip hop
writing

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi