Skip to content

La responsabilità professionale dell'infermiere: risk management e le nuove frontiere dell'infermieristica forense

L’infermieristica forense

Gli importanti interventi legislativi e le trasformazioni degli ultimi anni hanno portato ad una evoluzione della professione infermieristica italiana se ben ancora molto distante dagli altri colleghi europei ed americani. Nuove e più competenze che l’infermiere deve garantire nell’esercizio della sua professione. Con l’acquisizione di maggiori responsabilità e competenze trovano i natali nuove figure professionali sempre più specializzate nei vari ambiti assistenziali.

Tra le recenti novità viene annoverata la figura dell’infermiere legale-forense, nata in Italia solo agli inizi del ventunesimo secolo e ancora in un importante fase di affermazione. Scriveva, nel 2010, Buscemi che l’infermieristica legale appare come un’occasione per valorizzare la professione ed i suoi caratteri di autonomia, responsabilità e competenza, non dimenticando che la disponibilità di figure sempre più specializzate procede nell’interesse dei professionisti che degli stessi utenti. L’esigenza di avere a disposizione professionisti preparati in materia legale, che possano dare il loro contributo sia verso l’utenza che verso la stessa professione, ha portato alla nascita di percorsi universitari post- base come master di primo livello con lo scopo di creare personale infermieristico esperto riconosciuto dall’ordinamento giudiziario. L’infermiere legale e forense è l’operatore sanitario che riesce ad applicare la scienza infermieristica alle questioni legali, è il professionista specializzato nella valutazione di ogni aspetto giuridico e giurisprudenziale che riguardi l’esercizio dell’assistenza infermieristica.

L’infermieristica forense nasce e si sviluppa nel mondo anglosassone intorno al diciottesimo secolo. Nel 1976 iniziano ad essere inseriti nei corsi di studi per infermieri programmi di assistenza alle vittime di abusi sessuali nascendo così l’infermiere SANE - Sessual Abuse Nurse Examiner. Nel 1986 un medico legale statunitense, Virginia Lynch, riconosce il valore della formazione forense e del ruolo degli infermieri. Di lì la nascita del primo master per infermieri specialisti in clinica forense. Gli infermieri forensi non avevano ancora un riconoscimento ufficiale ma Lynch si preoccupava di andare a definire le aree infermieristiche dove i professionisti svolgevano attività di tipo forense: esame delle vittime di abuso sessuale, valutazione psicologica e assistenza agli aggressori, valutazione della scena del crimine. Nel 1990 concettualizza e rende operativo il ruolo del Forensic Nurse Examiner. Nel 1992 viene fondata l’I.A.F.N. (International Association of Forensic Nurses), ancora oggi esistente, con il compito di rappresentare gli infermieri forensi e di fornire programmi d’insegnamento e di formazione continua in materia, rilasciando attestati di qualifica.

In 1992, 72 registered nurses—mostly sexual assault nurse examiners—came together to form the International Association of Forensic Nurses. This founding group envisioned an organization that would encompass the depth and breadth of those who practice nursing where the heathcare system and the legal system intersect. Nurses who apply concepts, strategies, and interventions to victims of violent crime and perpetrators of criminal acts fall within this dynamic field of practice. This includes nurses in roles as diverse as death investigators, correctional nurse specialists, forensic psychiatric nurses, legal nurse consultants, forensic geriatric specialists, nurse attorneys, forensic clinical nurse specialists, forensic gynecology nurses, and those who work in other settings as forensic practice evolves.

Nel 1995, grazie all’intervento dell’IAFN, viene ufficialmente riconosciuta l’infermieristica forense dall’American Nurse Association (A.N.A.).
Scopo dell’IAFN è far progredire l’infermieristica forense ed integrarla con la scienza infermieristica e i programmi di base delle lauree nelle università di tutto il mondo. È l’organo internazionale indiscusso che permette la formazione e la certificazione dell’infermiere forense. L’associazione sottolinea l’importanza della pratica infermieristica forense nell’identificazione, prevenzione e gestione degli intentional and unintentional injuries in a global community. Mostra come la pratica infermieristica forense ha tradizionalmente rivendicato un ruolo nel valutare e offrire assistenza agli indagati e agli autori di reati, in particolare quelli che hanno un disturbo mentale o emotivo correlato alla commissione di un crimine. Gli infermieri forensi continuano a creare e diffondere conoscenze nuove ed esistenti basate sull'evidenza e basate sulla ricerca, incoraggiando la collaborazione tra infermieri, promuovendo la collaborazione multidisciplinare e interprofessionale. La IAFN svolge un ruolo fondamentale nel continuo sviluppo della pratica infermieristica forense nei vari contesti.

Supporta l'infermiere forense:
• nello sviluppo di reti professionali internazionali;
• attraverso il riconoscimento e l’espansione degli aspetti unici dell’infermieristica forense;
• attraverso l’offerta di un’educazione infermieristica forense innovativa e basata sull’evidenza;
• nella definizione dell’ambito e degli standards della pratica infermieristica forense;

L'assistenza infermieristica forense è una pratica specialistica poliedrica e complessa. Le sue responsabilità, funzioni, ruoli e abilità derivano dalla pratica infermieristica generale. L’infermieristica forense si interessa principalmente di individui e popolazioni colpite da violenza e traumi, delle famiglie, comunità e sistemi di risposta.

Può includere ma non si limita a:
• valutazione, diagnosi, pianificazione, implementazione, valutazione e indagine scientifica su risposte umane, di programma e di sistema a lesioni e interventi a seguito di lesioni a persone, famiglie, comunità, culture e ambienti;
• identificazione della patologia del danno intenzionale o non intenzionale nelle persone che vivono o sono decedute;
• cure episodiche a popolazioni colpite da traumi, compresi quelli legalmente definiti come vittime, sospetti e autori di reati;
• raccolta, conservazione, trasferimento e analisi di campioni / campioni che detengono un potenziale valore probatorio all'interno del sistema legale;
• partecipazione alla generazione, diffusione e uso della ricerca basata sull'evidenza nella pratica infermieristica forense fornita a pazienti, comunità e sistemi;
• utilizzo di processi di valutazione formativa e sommativa in ruoli e ambienti infermieristici forensi a livello internazionale;
• amministrazione, organizzazione e coordinamento del ruolo infermieristico forense in programmi, sistemi e ambienti in cui gli infermieri forensi praticano;
• coinvolgimento e influenza nei sistemi sia interni che esterni in cui la regolamentazione professionale e sociale della pratica infermieristica forense influisce sulla salute pubblica e sulla sicurezza;
• sviluppo e sostegno della politica locale, regionale e globale e della salute pubblica in relazione alle lesioni e alla prevenzione delle lesioni in una varietà di culture e comunità;
• promozione e responsabilità nei confronti dei paradigmi etici nell'ambito dell'assistenza infermieristica forense;
• sviluppo e implementazione di programmi di educazione professionale e comunitaria di interesse per infermieri forensi che si occupano di prevenzione e interventi in ambito primario, secondario e terziario;
• sviluppo e promozione della collaborazione multidisciplinare tra l'infermiere forense e altri in tutti i ruoli e ambienti di pratica, come sostenitori della comunità e del sistema, scienziati forensi e professionisti legali.

Gli infermieri forensi forniscono assistenza in tutti i settori della pratica infermieristica, amministrazione, istruzione, ricerca e consulenza. Inoltre, gli infermieri forensi si esercitano in modo indipendente e collaborativo secondo
necessità in vari contesti ogni volta e ovunque si intersecano problemi di salute e legali. Interagiscono anche con altri sistemi in ambito sanitario, comunitario e legale, tra cui:
• strutture e cliniche ospedaliere e pre-ospedaliere,
• arene legali o investigative,
• organizzazioni commerciali, no profit,
• organizzazioni e programmi governativi,
• contesti educativi e industriali,
• istituzioni di detenzione e correzione (carceri).

Secondo l’IAFN i sistemi di pratica infermieristica forense variano, a seconda della posizione, delle fonti di finanziamento, degli standard comunitari e delle influenze legali, e includono:
• assistenza sanitaria (ad es. ospedali, centri di chirurgia, cliniche comunitarie)
• investigativo (ad es. medico legale, forze dell'ordine)
• giustizia penale (ad es. procuratore distrettuale, uffici difensori pubblici)
• correzionale (ad es. carceri, carceri e centri di detenzione)
• settore pubblico (ad es. agenzie militari, locali, statali, provinciali e federali)
• servizi sociali (ad es. servizi di protezione per bambini / adulti, centri di difesa)
• educativo (ad es. scuole K-12, college, università)
• settore privato (ad es. industrie, agenzie, imprese)
• organizzazioni internazionali (ad es. Organizzazione mondiale della sanità).

Gli infermieri forensi forniscono servizi di consulenza a professionisti ed enti infermieristici, a medici, ad enti sociali e di altro tipo. Inoltre, l’infermiere forense fornisce testimonianza giudiziale fattuale (fact witness) ed esperta (expert witness nurse) in merito a lesioni sia intenzionali che involontarie a persone viventi o decedute. L'infermiere forense sviluppa e valuta programmi di assistenza relativi a lesioni intenzionali e non intenzionali, criminalità, vittimizzazione, violenza, abuso e sfruttamento a livello individuale, comunitario, nazionale, regionale. Ad esempio, l'infermiere che svolge attività in un dipartimento di gestione dei rischi in ambito ospedaliero sviluppa protocolli per la raccolta di dati e risposte agli indicatori del rischio del paziente o del personale in ambito sanitario, inclusi infortuni e altre questioni relative alla sicurezza. Al contrario, l'infermiere forense che lavora in un ambiente sanitario si avvale di competenze infermieristiche forensi (ad esempio, conoscenza delle indagini mediche e scientifiche, raccolta / conservazione dei campioni e lesioni intenzionali e non intenzionali) nelle indagini su lesioni, traumi e criminalità in relazione a specifiche popolazioni, come gli adulti più anziani, le persone con disabilità o coloro che muoiono inaspettatamente. L’IAFN distingue l’infermiere forense dal risk management nurse. Sebbene l'infermiere forense ed il risk management nurse collaborino attraverso i sistemi legali, sociali e sanitari per fornire dati basati su prove a supporto delle soluzioni al rischio, l'infermiere forense ha una competenza particolare nei casi rilevanti per un'azione legale. A differenza del risk management nurse, l'infermiere forense ha conoscenze specializzate per identificare gli indicatori di attività criminale e il rischio di lesioni, ed è formato per distinguere traumi o lesioni intenzionali. Non solo, l'infermiere forense può svolgere un ruolo di consulente presso l'ente sanitario quando si sospetta un danno intenzionale (ad es. morte imprevista). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La responsabilità professionale dell'infermiere: risk management e le nuove frontiere dell'infermieristica forense

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daviana Binotti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Vittorio Fineschi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 178

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

responsabilità professionale
risk management
infermiere
perito
responsabilità infermieristica
consulente tecnico d'ufficio
infermieristica legale e forense
responsabilità sanitaria
legge gelli
protocollo csm cnf fnopi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi