Skip to content

La percezione sociale della pedofilia: una web survey

L'adescamento di minori in chat

Il 35% dei ragazzi, tra i 5 e i 13 anni, in Italia, possiede un computer in casa ed è connesso a internet [Cruciani, 2010: 15]. Per quanto riguarda il rischio che un minore venga molestato o adescato attraverso la rete, l'ambito maggiormente significativo è rappresentato dalle chat che consentono rapporti umani estremamente intimi, "ravvicinati", neutralizzando alcuni gap sociali, spaziali, di età e culturali, che normalmente limitano o selezionano le comunicazioni faccia a faccia [Cifaldi, 2004: 95]. I risultati di sperimentazioni condotte dall'ICAA nel biennio 2003-2004 indicano che la percentuale di minori che utilizzando le chat ha avuto un incontro on-line con un adulto (presumibilmente pedofilo) e ha intrapreso discorsi su tematiche sessuali è decisamente rilevante (13%) e dimostra come tale ambito costituisca realmente uno scenario a rischio [Strano, Bruzzone 2005]. In base ad un'indagine statunitense, dei 25 milioni di bambini che nel mondo navigano su internet uno su quattro si è imbattuto almeno una volta su un sito pornografico e uno su cinque ha avuto proposte-molestie sessuali [Cifaldi, 2004: 96.97]. Il termine adescamento significa "attirare a sé con lusinghe", e l'adescamento in chat è quella pratica tramite cui il cyberpedofilo conosce a attira minori a sè. Nell'adescamento in chat una tecnica utilizzata dall'abusante è il grommino. Il termine deriva dal verbo inglese to groom (preparare qualcuno per avviarlo a qualcosa), normalmente riferito ai cavalli nelle operazioni di cura e pulizia. È un metodo usato per indebolire la volontà della vittima in modo da ottenerne il massimo controllo.

L'attività di gromming può durare settimane o mesi, durante le quali il minore viene lentamente e gradualmente preparato ad un primo incontro. Selezionata la vittima, inizia la prima fase, denominata Friendship forming stage, in cui l'abusante inizia ad instaurare un rapporto col minore e, nella maggior parte dei casi, gli chiede una foto per accertarsi della sua età. Nella seconda fase, Relationship forming stage, l'adulto impegna il minore in discussioni riguardanti la sua vita privata, la famiglia, la scuola. In questa fase l'obiettivo dell'abusante è porsi come "miglior amico" della vittima, parlando il suo linguaggio e carpendo informazioni sui suoi gusti, hobby e abitudini. La terza fase, chiamata Risk assesment stage, serve per valutare gli eventuali rischi che potrebbero verificarsi nel protrarre l'attività di grooming: l'abusante chiede dove è posizionato il computer, se è in un luogo di passaggio e se i genitori controllano le attività della vittima, e in che orari sono presenti in casa. Con la quarta fase inizia la vera e propria manipolazione del minore. Chiamata Exclusivity stage, inizia quando l'adulto mette in atto tutte le tecniche che ha a sua disposizione per instaurare e sondare il grado di fiducia che vi è tra lui e la potenziale vittima, cercando di creare una forte intimità, in modo che il minore si senta libero di parlare e confidarsi.
L'ultima fase, la Sexual stage, è lo scopo dell'intera attività di grooming. L'adulto inizia a indagare sulla sfera sessuale del minore, facendo leva nella sua profonda confidenza instaurata durante le fasi precedenti.
Da qui in poi i comportamenti possono assumere forme diverse: l'adulto può mostrare immagini pedopornografiche con bambini costretti a sorridere, così da dimostrare il loro divertimento e la partecipazione spontanea; oppure usa delle scuse per ottenere un appuntamento col minore.
La tecnica del grooming viene utilizzata anche una volta compiuto l'abuso sessuale, come forma di ricatto per ottenere il silenzio della vittima [Cruciani, 2010: 15-16].

Essendo una tecnica di manipolazione psicologica, è estremamente raro che il bambino riesca a ribellarsi e a svincolarsi da questa situazione.
Nella legislazione italiana il grooming è diventato un reato solo nell'ottobre 2012, ma, anche se un po' in ritardo, è stato fatto un grande passo in avanti nella lotta per il contrasto alla pedofilia on-line. L'introduzione di questa fattispecie di reato ha aperto le porte per nuovi e più affinati strumenti di repressione del fenomeno.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La percezione sociale della pedofilia: una web survey

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Bellano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Criminologia applicata per l'investigazione e la sicurezza
  Relatore: Costantino Cipolla
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 167

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pedofilia
turismo sessuale
pedopornografia
abusi sessuali sui minori
percezione sociale della pedofilia
profilo del pedofilo
profilo del cyber pedofilo
web survey
norme sullo sfruttamento sessuale dei minori
nota metodologica ricerca quantitativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi