Skip to content

Joseph Schumpeter e l'evoluzione dell'economia capitalistica

L'andamento ciclico dell'economia

Attraverso i numerosi studi e le analisi dei fenomeni economici, per Schumpeter all'interno della realtà capitalistica. Questa loro attitudine affonda le proprie radici nel continuo cambiamento connaturato nella vita economica del capitalismo stesso e, in particolare, nel susseguirsi di nuove combinazioni produttive. Infatti, il progresso derivante da queste ultime agisce come fattore di turbamento endogeno, in grado di provocare una serie di moti ondulatori; conseguentemente, si desume che senza il suo intervento non esisterebbe alcuna fluttuazione ciclica con origine interna all'economia, e, in tal caso, le sue uniche fonti di instabilità sarebbero costituite da fenomeni congiunturali esterni ad essa quali conflitti, disastri naturali e così via.

 
L'evoluzione della struttura produttiva non determina la formazione di un singolo movimento ciclico nel sistema economico, ma piuttosto una pluralità di oscillazioni che vengono inquadrate da Schumpeter come parti di tre tipi di cicli economici, teorizzati da soggetti distinti e caratterizzati da differente durata ecadenza relativamente stabile.
Il primo ad essere preso in considerazione è quello individuato da Joseph Kitchin, ossia il più breve dei tre cicli appena menzionati. Questo si basa sulla durata delle scorte e sulle loro fluttuazioni in base al trend divendita dell'impresa e, a ritroso, al rapporto tra domanda e offerta; in genere il tempo impiegato per il suo svolgimento è approssimativamente uguale a tre anni e mezzo (all'incirca 40 mesi), tuttavia, in talune circostanze, esso può anche estendersi sino a coprire un arco temporale di 48 mesi. 
Il secondo è il ciclo del francese Clément Juglar. A differenza del precedente, esso non si verifica in un orizzonte di medio termine, bensì nel lungo periodo e con una durata compresa all'incirca tra i 7 e gli 11 anni. Altro elemento distintivo riguarda le cause delle sue oscillazioni: non è tanto l'andamento delle vendite, tipico del Kitchin, la fonte delle fluttuazioni cicliche nel Juglar, quanto piuttosto il susseguirsi di aumenti e contrazioni della concessione del credito da parte degli istituti bancari. Da ciò deriva la sua suddivisione in tre fasi ordinate (definite da Juglar stesso come crisi, liquidazione e ripresa) e l'identificazione di due ulteriori oggetti coinvolti nel suo movimento ondulatorio accanto alle già menzionate scorte del Kitchin, vale a dire gli investimenti nel fattori capitale e lavoro. 
Il terzo e ultimo ciclo assunto da Schumpeter come parte del processo capitalistico è quello introdotto dall'economista russo Nikolaj Kondrat'ev e merita una particolare attenzione, perché più lungo e complesso rispetto ai due cicli appena descritti. Esso necessita di un intervallo di tempo molto ampio per il suo completo svolgimento, compreso tra i 50 e i 60 anni e al suo interno si contano per approssimazione sei cicli di Juglar e diciotto Kitchin. Per questa ragione, al Kondrat'ev viene comunemente attribuito l'appellativo di “ciclo maggiore”, in contrapposizione al Kitchin e al Juglar, rispettivamente definiti “ciclo minore” e “ciclo intermedio”. 
La sua individuazione da parte di Kondrat'ev avviene grazie a rilevazioni statistiche da lui stesso realizzate e all'osservazione del trend di variabili economiche (per lo più tassi di interesse, salari e livelli di prezzi e produzione) in un periodo compreso tra la fine del XVIII secolo e i primi due decenni del 1900, in quattro paesi industrializzati (Gran Bretagna, Stati Uniti, Francia e Germania). Questa metodologia di analisi gli consentedi delineare le due caratteristiche fondamentali di questo ciclo economico: da una parte la presenza di fluttuazioni sinusoidali denominate “onde lunghe”, aventi scostamenti dalla loro naturale cadenza non superiori al 25%; dall'altra parte la suddivisione in due distinte fasi che si susseguono nel corso del tempo: quella ascendente e quella discendente. Più nel dettaglio, egli arriva a sostenere che nell'arco di tempo oggetto del suo studio (1780-1920) si siano verificati tre cicli economici: tra il 1789 e il 1850 il primo, tra il 1851 e il 1890 il secondo, tra il 1891 e il 1920 il terzo. 
L'alternanza di momenti positivi e negativi all'interno del Kondrat'ev non costituisce affatto la naturale conseguenza di fenomeni extraeconomici e accidentali, ma piuttosto il risultato di mutamenti nel rapporto intercorrente tra due specifiche variabili dell'economia: gli investimenti indispensabili per il corretto funzionamento di un'attività produttiva (in macchinari, impianti, altre attrezzature e simili) e il risparmio. Più precisamente, nella visione dell'economista russo, ilmovimento ascendente può verificarsi solamente se sono state risparmiate o, più in generale, “rastrellate” in abbondanza risorse finanziarie per l'acquisto di nuovi fattori a fecondità ripetuta o per il rinnovamento di quelli preesistenti. Per l'appunto, ciò favorisce un incremento della produzione e, di conseguenza, l'affermazione della fase positiva del ciclo. Tuttavia, nel momento in cui un bene strumentale fondamentale all'interno del processo produttivo diventa obsoleto, sia il passaggio dall'utilizzo del medesimo ad un altro input più funzionale, sia il reperimento del denaro necessario per questo tipo di investimento non possono avvenire in breve tempo. Per questa ragione si sviluppa un momento di transizione che favorisce un calo progressivo della produzione, prima di sfociare nella fase discendente del ciclo. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Joseph Schumpeter e l'evoluzione dell'economia capitalistica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Gensini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Luisa Piccinno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi