Skip to content

La Scrittura Collettiva nei Laboratori di Scrittura e Teatro

L'animateur e il laboratorio

Nel Novecento si assiste, come abbiamo visto, al passaggio dal teatro di regia - in cui ancora la figura del regista ha un ruolo direttivo importante - al teatro di gruppo, quello in cui cioè il regista non è autore del prodotto finale ma è più un conduttore, un trainer che guida il gruppo secondo una metodologia capace di lasciar emergere quanto più dagli attori.
Frutto di talento e allenamento è la competenza artistico-relazionale del conduttore.
Perciò Peter Brook ebbe a dire che il regista è più simile ad un animateur che ad un directeur: qualcuno che ha capacità di vedere e di ascoltare ogni dettaglio e da questa particolare sensibilità attiva trovare i modi per dare anima alla creazione scenica. L’animateur è tale sin dalla fase di ideazione del progetto in cui sono necessarie capacità di analisi ed immaginative per individuare una proposta che costituisca un’idea guida per la successiva fase di progettazione.
Il suo maggior compito, però, lo svolge nel laboratorio. Esso è «l’ambiente che presenta le migliori opportunità di sviluppo o di ricostruzione del rapporto psicofisico con sé e con gli altri», dove attraverso il training, l’improvvisazione, il gioco si stimola l’universo creativo. «È nel giocare che l’individuo è in grado di essere creativo e di fare uso dell’intera personalità, ed è solo nell’essere creativo che l’individuo scopre il sé».
I primi incontri servono al trainer per impregnare di realtà il progetto che si era fatto, in modo da poterlo declinare a quella specifica realtà che ha davanti. La conoscenza è l’obiettivo di questa fase iniziale; conoscenza anche fra le persone e creazione di una dimensione di fiducia e libertà. Il conduttore qui si serve frequentemente di giochi poiché mentre da un lato sono una forma di scarico e di rigenerazione emotiva e psicofisica, dall’altro aiutano a far emergere naturalmente “abitudini” personali o di gruppo - senso cinestesico e posture, ma anche dinamiche interne. Questi elementi costitutivi orienteranno decisivamente i passi successivi del lavoro, cioè le proposte di esplorazione drammaturgica e creazione scenica.
Per accompagnare gli allievi in un’avventura reale, che permetta cioè di mettersi alla ricerca, il trainer può usare la tecnica del problem-solving, che consiste appunto nel dare problemi da risolvere. Il conduttore rimane aperto alle diverse possibilità risolutive della questione, cosa che libera i partecipanti dal cercare l’approvazione del trainer e ad allontanarsi dai soliti confini per aprirsi alle proprie risorse e proprio potenziale. In tal modo tutto il gruppo, sebbene sia formato da persone anche molto diverse, si ritrova insieme verso la strada comune nel provare a risolvere il problema dato.
Quest’ultimo dev’essere presentato nella sua struttura in modo sintetico poiché sarà la pratica che ne metterà in luce aspetti del suo fare. I partecipanti, ognuno con il proprio tempo, sperimenteranno e se troveranno qualche difficoltà cercheranno delle soluzioni. Il conduttore sta in mezzo al gruppo come colui che assiste in diretta e partecipando allo sforzo collettivo di risolvere il problema si trasforma in un compagno di gioco con un ruolo diverso da quello di regista.
In tutto ciò, conduzione è “dare attenzione”, a partire dallo spazio di lavoro e dai segni che porta, fino a soffermarsi sulle dinamiche personali e di gruppo che si manifestano durante il lavoro, per far mantenere la concentrazione e sostenere la ricerca personale. L’energia del conduttore, cioè «l’intensità dell’attenzione del regista a ciò che gli attori stanno facendo, più l’uso di ogni abilità a cui possa fare appello», sprona di conseguenza gli attori ad espandersi, a scendere più profondamente dentro se stessi. Il principio è quello di pensare che la persona, “il terreno è già seminato, il seme è già lì”. La sapienza del conduttore sta nel sapere e nell’intuire quanti stimoli dare e di che genere, quando e come.
Le lenti del conduttore devono essere, però, dotate di focali capace di comprendere la dimensione socio-affettiva del gruppo e quella teatrale, ricordando che, anche se la prima è molto importante, ai fine della performance assume una valenza fondamentale anche l’altra lente. Lo spettacolo, chiaramente non è né il fine né la fine del progetto, è semmai quella che viene chiamata fase comunicativa, quella in cui il gruppo sente di dover aprire la propria esperienza alla comunità - anche se spesso è l’istituzione, che sostiene finanziariamente il progetto, a spingere affinché questo momento pubblico avvenga comunque ed entro tempi che rispettano più le proprie esigenze. Le competenze artistiche sono perciò fondamentali, così che il processo di TS possa interrogare e supportare processi di empowerment veri e propri.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Scrittura Collettiva nei Laboratori di Scrittura e Teatro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Rosalba Scaturro
  Tipo: Tesi di Master
Master in Teatro nel Sociale e Drammaterapia
Anno: 2011
Docente/Relatore: Michele Cavallo
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teatro
problem solving
ascolto
identità narrativa
scrittura scenica
scrittura collettiva
teatro sociale
psicotici
centro diurno
laboratorio di scrittura
la scrittura come terapia
scrittura drammaturgica
nascita del teatro contemporaneo
teatro di gruppo
teatro di comunità
scrivere con il proprio corpo
teatro di sperimentazione
trainer e conduzione
il montaggio
il gruppo, i ruoli e le funzioni
collettivo teatrale
comunicazione-festa
azione socio-culturale
soggetto collettivo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi