Skip to content

Schermi multitouch in spazi pubblici: solo pubblicità o anche servizi utili?

L'architettura multistrato per la modalità multi-applicazione

La tecnologia utilizzata per implementare il sistema nel nostro caso è MT4J, che prevede la possibilità di usare meccanismi per passare da un’applicazione all’altra senza dover chiudere il sistema.
Nel nostro caso questa l’idea di questa funzione c’è tornata molto utile perché direttamente dal menu di ogni applicazione abbiamo introdotto delle voci di collegamento a tutte le altre applicazioni esistenti. Purtroppo, questa modalità di MT4J ha presentato dei problemi molto seri via via che le applicazioni diventavano più complesse; perciò abbiamo ideato una nuova soluzione tecnica ma con gli stessi effetti di quella prevista nell’MT4J, consentendoci infatti di utilizzare sempre le voci dei menu per spostarsi da un’applicazione all’altra.
Un altro vincolo molto importante da dover rispettare è stato quello della velocità di cambio da un’applicazione all’altra; tutte le applicazioni destinate al multitouch, anche le più semplici hanno una certa complessità interna che si ripercuote in maniera molto evidente all’apertura dei programmi, momento in cui la JVM7 deve interpretare e caricare in memoria tutte le classi necessarie. Ovviamente, se un’applicazione ha interfacce grafiche molto complesse questo fenomeno è ancora più evidente e così sarebbe stato se non avessimo adottato dei modi per aggirare il problema. Non stiamo parlando di minuti ma soltanto di qualche secondo che però dal punto di vista dell’utente potrebbe essere colto come un problema del sistema, come una mancata risposta. Pensiamo al momento in cui un utente decide di cambiare applicazione spostandosi da Interactive Program a taxisharing: quando viene toccato il tasto di taxisharing, il sistema normalmente impiegherebbe qualche secondo prima di caricare e visualizzare la nuova applicazione e questo potrebbe essere percepito da parte dell’utente come una mancata risposta, con il risultato che l’utente toccherà in continuazione quel pulsante fino all’apertura effettiva di taxisharing. Anche volendo prevedere dei meccanismi di feedback con cui si fa capire all’utente che si sta caricando una nuova applicazione, questo non va comunque bene in situazioni particolari come un congresso, dove le persone sono di passaggio, hanno poco tempo da dedicare e vogliono provare in quei pochi secondi o minuti in cui interagiscono quante piú applicazioni possibile, perciò rallentamenti del genere risulterebbero molto fastidiosi.
La soluzione proposta consiste nel caricare in memoria dei livelli visuali su cui vengono "sistemate" le applicazioni: queste sono caricate in memoria ram tutte insieme all’avvio e lì forzatamente restano fino alla terminazione del programma. Il risultato del caricamento in memoria forzato delle applicazioni è che il cambio da un’applicazione all’altra è istantanea, poiché la JVM non ha bisogno di portare in memoria altro. Si potrebbe pensare che il dispendio di ram sia oneroso ma si deve considerare che una macchina destinata a far funzionare questi schermi, durante l’esecuzione di queste applicazioni non farà altro che eseguire le applicazioni e quindi non c’è pericolo di saturare mai la ram andando a eseguire altri programmi al di fuori di quelli per il multitouch. Nel nostro caso, ad esempio, la suite esegue contemporaneamente sul sistema quattro applicazioni, tutte molto complesse, ricche d’immagini e video. Considerando che caricando un’applicazione vuota realizzata in MT4J la ram richiesta è di quasi 400 Mb, aggiungendo il caricamento di tutte e 4 le applicazioni della suite in memoria si raggiunge circa 750 Mb, valore che non aumenta mai perché tutto il contenuto delle applicazioni viene completamente caricato all’avvio.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Schermi multitouch in spazi pubblici: solo pubblicità o anche servizi utili?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Desolda
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Informatica
  Relatore: Maria Francesca Costabile
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

multitouch
mt4j
framework valutazione
desolda giuseppe
tuoi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi