Skip to content

Il coordinamento tra gli uffici del pubblico ministero fra ordinamento interno ed ordinamento comunitario

L'attività di indagine d’iniziativa della polizia giudiziaria

Il potere di compiere gli atti attraverso cui si articola il procedimento nella fase delle indagini preliminari è riconosciuto, oltre che al pubblico ministero, anche agli organi di polizia giudiziaria. L’art. 55 c.p.p. contiene una norma di carattere programmatico il cui primo comma ripropone la tradizionale distinzione tripartitica dell’attività ad iniziativa della polizia giudiziaria in attività informativa, attività investigativa ed attività di assicurazione dei mezzi di prova.

Il carattere programmatico dell’articolo in esame emerge innanzitutto dalla enunciazione, di cui al primo comma, del dovere della p.g. di impedire che i reati siano portati ad ulteriori conseguenze. Il secondo comma, a sua volta, individua un’ulteriore funzione di cui è titolare la polizia giudiziaria, e cioè quella di svolgere indagini su delega dell’autorità giudiziaria.

Di attività di informazione della polizia giudiziaria si suole parlare tradizionalmente in un duplice senso: come attività strumentale ad acquisire dati cognitivi relativi ad un fatto penalmente rilevante; come attività diretta a comunicare la notitia criminis al pubblico ministero. La polizia giudiziaria, dunque, deve prendere di propria iniziativa notizia dei reati ed è tenuta, ai sensi dell’art. 330 c.p.p., a ricevere le notizie di reato ad essa presentate o trasmesse: in tale contesto si esplica il profilo dell’informarsi.

Peraltro, l’art. 327 c.p.p. precisa che è il pubblico ministero a dirigere le indagini, sicché è indispensabile che questi prenda conoscenza di tutto quanto possa essere funzionale allo scopo: corollario di ciò è che la polizia giudiziaria, acquisita la notizia di reato, deve riferirla al pubblico ministero, realizzando la seconda sua funzione, l’informare. In particolare, il nuovo testo dell’art. 347 c.p.p., così come modificato dalla legge 7 agosto 1992 n. 356, indica i tempi di comunicazione al p.m. della notizia di reato, prevedendo due deroghe alla regola ordinaria, in cui si prevede che la notizia sia trasmessa senza ritardo insieme agli elementi sino a quel momento raccolti.

La prima deroga attiene al caso in cui siano compiuti atti per i quali è prevista la presenza del difensore, eventualità che impone che la notizia sia trasmessa entro 48 ore dal compimento dell’atto. La seconda deroga, invece, inerisce all’ipotesi in cui la notitia criminis riguardi uno dei delitti di cui all’art. 407 comma 2 lett. A) dai numeri 1 a 6 c.p.p., ovvero quando vi siano ragioni di urgenza: in tali casi la comunicazione deve essere immediatamente trasmessa anche in forma orale. La disciplina della comunicazione della notizia di reato si completa poi con le previsioni degli artt. 108-112 bis disp. att. c.p.p., che precisano che la documentazione di corredo alla notizia deve essere trasmessa senza ritardo nei soli casi di urgenza: al di là di tale specifica ipotesi, quindi, tale documentazione può essere inviata al p.m. anche a distanza di tempo.

A sua volta, l’art. 16 disp. att. c.p.p. fa invece riferimento alle sanzioni disciplinari consequenziali al ritardo o alla omissione nella comunicazione dell’informativa. L’informativa della notizia di reato costituisce una segnalazione obbligatoria e dettagliata che il dirigente dell’ufficio deve trasmettere con i tempi previsti dalla legge. Sul piano del contenuto, l’informativa deve contenere la descrizione degli elementi essenziali del fatto, e, contestualmente, le fonti di prova e la descrizione delle attività compiute con la relativa documentazione. Strumentale al controllo sui tempi di trasmissione dell’informativa è la previsione di cui all’art. 347 comma 4 c.p.p. che impone alla polizia giudiziaria di indicare, unitamente alla comunicazione, anche il giorno e l’ora in cui la notizia di reato è stata acquisita.

Nel caso in cui sia possibile, la comunicazione deve altresì indicare le generalità, il domicilio e quant’altro valga ad identificare la persona nei cui confronti vengono svolte le indagini, la persona offesa e tutti coloro che sono in grado di riferire circostanze utili per la ricostruzione dei fatti. Dal punto di vista formale, invece, l’informativa deve avere la forma scritta; mentre, per le ipotesi di cui all’art. 347 comma 3 c.p.p., è consentita la comunicazione in forma orale, che tuttavia deve essere seguita, senza ritardo, da quella scritta con le indicazioni e la documentazione di cui ai commi 1 e 2.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il coordinamento tra gli uffici del pubblico ministero fra ordinamento interno ed ordinamento comunitario

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mara Di Pietro
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi del Sannio
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Mario Griffo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 292

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi