Skip to content

Economia e felicità: evidenze e paradossi delle società occidentali

L'economia della felicità 

A partire dagli ultimi decenni si è sviluppato il filone dell'economia della felicità, un fenomeno multidimensionale di ricerche ed eventi incentrati sull'analisi del rapporto tra il reddito e la felicità soggettiva. 
Tale rapporto presenta delle costanti un po' in tutte le grandi religioni e culture tradizionali, che possono essere così individuate: 
a) i beni materiali sono mezzi per qualcos'altro; 
b) i beni sono importanti per vivere bene, ma sono anche pericolosi perché su di essi si concentra un istinto primario e potente quale è il desiderio di possedere. Non a caso, in tutte le culture sono presenti norme morali che condannano l'attaccamento ai beni e l'avarizia e ne regolano l'utilizzo per evitare che i beni si trasformino in mali; 
c) i beni sono anche, e soprattutto, dei simboli riferiti a status, appartenenza sociale e legami; il rapporto di tali fattori con la felicità è sempre mediato da questi simboli; 
d) i beni non devono distruggere la comunità; da qui le leggi che regolano gli scambi, l'eredità, i confini della proprietà che, seppur in molte varianti, si ritrovano in tutte le culture tradizionali.

 

Il rapporto con i beni è quindi naturalmente concepito all'interno della vita comunitaria e religiosa. Nel tentativo di definire il rapporto tra economia e felicità, l'economista Amartya Sen afferma che “la ricchezza non è il bene ultimo che cerchiamo: la perseguiamo soltanto in vista di qualcos'altro. In generale abbiamo ottime ragioni per desiderare un reddito o una ricchezza maggiore; e non perché ricchezza e reddito siano in sé desiderabili, ma perché normalmente sono un ammirevole strumento per essere più liberi di condurre il tipo di vita che, per una ragione o per un'altra, apprezziamo. L'utilità della ricchezza sta nelle cose che ci permette di fare, nelle libertà sostanziali che ci aiuta a conseguire”. 

Occorrerà attendere lo scardinamento di questi valori operato dalla modernità perché si infranga la concezione classica del rapporto tra i beni e la felicità: la felicità dell'individuo si distingue e si separa da quella della comunità, e i beni da mezzo diventano fine. Questo processo culturale rappresenta il presupposto del paradosso moderno della felicità. 

L'economia della felicità è sempre più oggetto anche di eventi di rilevanza internazionale e politica, tra tutti la conferenza internazionale “Beyond GDP” (“Oltre il PIL”) tenutasi il 19 e 20 novembre 2007 a Bruxelles. La conferenza è stata organizzata dalla Commissione europea, dal Parlamento Europeo, dall'OCSE e dal WWF. L'evento ha richiamato leader politici, rappresentanti di governo ed esponenti di istituzioni chiave come la Banca Mondiale e le Nazioni unite con l'obiettivo di chiarire quali possano essere gli indicatori più appropriati per misurare il progresso reale di una società. 

Eventi dello stesso tipo sono stati realizzati anche a livello nazionale. Tra i più recenti, abbiamo il convegno tenutosi il 28 giugno 2013 a Firenze, nel salone dei 500 di Palazzo Vecchio. L'evento dal titolo “Oltre il Pil” mirava a fornire il contributo delle scienze verso una nuova concezione economica e politica del benessere. L'iniziativa è stata promossa dalla scuola di specializzazione in Psicologia della Salute, alla Sapienza Università di Roma, in stretta collaborazione con l'Ordine degli Psicologi della Toscana e il Comune di Firenze. Hanno aderito autorevoli protagonisti delle neuroscienze, della psicologia e della sociologia del benessere, in stretto rapporto con protagonisti dell'economia, della statistica econometrica e della politica. 
A scopo di ricerca sono stati coinvolti anche gli istituti universitari, in primis l'Università Bicocca di Milano e l'Università di Trento. 

Il tema ha richiamato anche l'attenzione mediatica, culminando nella realizzazione nel 2011 del film-documentario “The Economics of Happiness”. La regista Helena Norberg-Hodge elenca otto scomode verità sulla globalizzazione. Viene definito lo stato di salute della civiltà occidentale e poi l'elenco di cosa non funziona, di come biologicamente e culturalmente, la nostra idea di esistenza si sia tramutata in spirito di sopravvivenza, con pochi slanci di vitalità e tanti momenti di sconforto. 

L'assioma della regista è che un mercato capitalista che promuove eccessivamente la liberalizzazione del traffico commerciale, senza tenere conto delle diversità di popoli e nazioni, è un sistema che rende infelici. 

Questo brano è tratto dalla tesi:

Economia e felicità: evidenze e paradossi delle società occidentali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Grazia Prigionieri
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia e Management del Turismo
  Corso: Economia del Turismo
  Relatore: Maria Letizia Guerra
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 109

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi