Skip to content

Gli effetti delle politiche di valutazione della ricerca scientifica

L'evoluzione della valutazione della ricerca scientifica nei sistemi universitari europei

Abbiamo visto come la valutazione dei sistemi universitari risponda alla necessità dello Stato di efficientare e aumentare la qualità dell'allocazione delle risorse in un contesto di vincoli di bilancio sempre più stringenti; in questo senso la valutazione della performance universitaria risponde anche ad un'esigenza di accountability, cioè di informare la collettività e i vari stakeholders del valore prodotto dalle università e giustificare le risorse che vi vengono investite. La valutazione dei sistemi universitari viene solitamente differenziata tra la parte comprendente la valutazione dell'insegnamento e della qualità didattica da quella che invece riguarda la valutazione della ricerca e della produttività scientifica di ricercatori e professori. In Europa, mentre le politiche di valutazione della qualità didattica assumono una certa omogeneità in virtù del rafforzamento della European Higher Education Area promossa nella Dichiarazione di Bologna del Consiglio Europeo del 1999, la valutazione della ricerca mostra invece un notevole grado di differenziazione tra le nazioni europee, anche dovuto ai continui mutamenti e revisioni che si susseguono di anno in anno. 
Le principali forme di valutazione della ricerca utilizzate in Europa e nel mondo sono la peer review, un giudizio qualitativo emesso da esperti della disciplina (da qui il nome “valutazione tra pari”), e l'utilizzo di indicatori bibliometrici solitamente basati sul numero di citazioni, che sottolinea maggiormente gli aspetti quantitativi; questi metodi possono coesistere all'interno di uno stesso sistema con diverse gradazioni.
Il caso inglese è interessante per le dinamiche che lo hanno attraversato e perché è stato probabilmente il primo governo a adottare in modo stringente nella cosa pubblica meccanismi derivanti dal paradigma del New Public Management. Abbiamo visto nel capitolo precedente come il governo presieduto da Margaret Thatcher avesse adottato già nel 1986 un meccanismo di valutazione della ricerca finalizzato a differenziare la destinazione dei fondi dell'istruzione alle università ritenute più meritevoli. Dal 1986 il Regno Unito ha adottato sostanzialmente una procedura di valutazione basata sulla peer review da parte di esperti del settore disciplinare; questa procedura consisteva nella valutazione da parte di un gruppo di esperti per ogni settore disciplinare della ricerca scientifica prodotta dalle singole università, alle quali veniva demandata la scelta di sottoporsi o meno alla valutazione e in quale misura. Nel 2007 si è invece iniziato a discutere dell'adozione di un meccanismo di valutazione basato sui risultati bibliometrici che sostituisse quello della peer review, al quale è seguita una sperimentazione pilota per un arco di tre anni. L'esito di questa analisi ha spinto il governo inglese ad abbondonare l'ipotesi di un metodo di valutazione fondato sugli indicatori bibliometrici in modo esteso ed ha preferito mantenere il vecchio sistema pur integrando le risultanze bibliometriche come supporto informativo nei processi di peer review. Ancora recentemente i Research Council del Regno Unito hanno respinto l'utilizzo dell'indicatore bibliometrico dell'Impact Factor delle riviste scientifiche.
Diversamente dal sistema inglese quello olandese non lega gli esiti della valutazione alla distribuzione di fondi; l'Olanda utilizza dal 1994 un sistema di peer review che affronta sia la ricerca in sé che la struttura dedita alla ricerca nelle sue componenti. L'organizzazione della valutazione e delle scelte inerenti è demandata quasi totalmente alle stesse università, con possibilità quasi nulle del governo centrale di potervi influire. Il modello olandese è da molti ritenuto il migliore quanto alla commisurazione degli aspetti qualitativi con quelli quantitativi della ricerca. Fra il sistema olandese e quello inglese si incontrano altre esperienze molto diverse da loro proprio in virtù del fatto che l'Unione Europea non si è dotata di politiche comuni sul tema. Ad esempio, la Francia non ha un sistema di valutazione della ricerca scientifica vero e proprio, ma prevede molteplici livelli valutativi e molteplici soggetti incaricati di tale compito; alConsigli o superiore per la valutazione della ricerca e dell'insegnamento superiore (Hcéres) non spetta la valutazione della ricerca in sé, i suoi giudizi vertono invece sulle strutture di ricerca e possono influenzare la distribuzione di risorse. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gli effetti delle politiche di valutazione della ricerca scientifica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Righi
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Alberto Baccini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 109

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

incentivi
ricerca
bibliometria
indicatori
valutazione
pubblicazione
citazione
impact factor
misconduct
scientometria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi