Skip to content

Industria 4.0: l’impatto delle nuove tecnologie all’interno dei sistemi produttivi

L'utilizzo delle tecnologie abilitanti all’interno delle smart factories

Il termine “Industria 4.0” è stato utilizzato per la prima volta in Germania nel 2011 alla fiera di Hannover al fine di descrivere il mutamento che subirà la configurazione della catena di valore nelle aziende, dove i processi produttivi saranno basati sulla tecnologia e su dispositivi che comunicano tra di loro.

L'industria 4.0 sarà caratterizzata dall'uso simultaneo delle tecnologie menzionate nel precedente capitolo al fine di creare dei cyber-physical sistems (CPS), ovvero una serie di sistemi informatici in grado di interagire con i sistemi fisici in cui operano, che sono dotati di capacità computazionale, di comunicazione e di controllo. Grazie a questi sistemi il confine tra parte digitale (cyber) e la parte fisica dei processi produttivi diventa molto sottile.

importante dunque comprendere in che modo l'utilizzo delle tecnologie abilitanti può portare ad un incremento dell'efficienza e della produttività.

• Manifattura additiva (digital manufacturing)

La manifattura additiva (o stampa in 3D) è una modalità produttiva che, partendo da un modello virtuale 3D realizzato mediante appositi software (p.e. Cad), consente la creazione di oggetti (parti componenti, semilavorati o prodotti finiti) generando e sommando strati successivi di materiale; ciò contrasta con quanto accade in molte tecniche della produzione tradizionale in cui si procede per sottrazione da un blocco di materiale grezzo (tornitura, fresatura, ecc.).

I vantaggi derivanti da questo nuovo metodo sono prima di tutto la possibilità di creare oggetti personalizzati in modo molto più facile rispetto al metodo tradizionale;
inoltre vi è un immediato risparmio di costi, dal momento che viene utilizzato un preciso quantitativo di materiale per realizzare il prodotto.

La stampa 3D non è una tecnologia recentissima; infatti già negli anni '80 si utilizzava nell'ambito della prototipazione rapida, ma nel corso degli anni abbiamo assistito a un aumento delle capacità delle stampanti 3D, che ora riescono a produrre oggetti più complessi in un minor tempo rispetto al passato. Oltretutto una diminuzione dei loro costi ha reso conveniente il loro utilizzo anche in piccole e medie imprese.

Questa nuova tecnologia consente la produzione di oggetti con geometrie complesse che non potrebbero realizzarsi con i metodi tradizionali. Altro vantaggio legato alla manifattura additiva riguarda la velocità con cui si passa dalla fase di design a quella di produzione: infatti la flessibilità delle stampanti 3D permette di realizzare diversi tipi di prototipi, ciascuno con un materiale o una forma diversi, al fine di effettuare valutazioni funzionali o estetiche. Questo procedimento porta anche a un notevole risparmio di tempo e costi di progettazione del prodotto. Settori come quello biomedico o aerospaziale fanno già uso di oggetti creati tramite la stampa 3D.

Un esempio di come la manifattura additiva possa influenzare positivamente l'efficienza aziendale è rappresentato dall'Avio Aero, azienda che opera nella progettazione, produzione e manutenzione di componenti e sistemi per l'aeronautica civile e militare.
Quando nel 2013 è state acquistata da General Elettric questa azienda ha intrapreso un cammino che le ha permesso di diventare un centro di eccellenza mondiale del settore.

L'Avio Aero ha saputo cogliere le opportunità offerte dalla manifattura additiva, che ha consentito all'azienda di creare componentistica per i motori con una notevole riduzione di costi e tempo di produzione e con un'accresciuta qualità ed efficienza del prodotto. Per costruire una paletta della turbina di un Boeing 787 con il processo tradizionale sono necessari 4 kg di materiale grezzo per ottenere 1 kg di prodotto (la paletta pulita e rifinita), mentre con l'additive manufacturing il rapporto è 1,5 kg a 1 kg, il che si traduce in minor uso di materiale, meno ore di lavoro per ripulire il pezzo e minor peso per l'intero motore. Il processo permette quindi una diminuzione dei costi di realizzazione e dei tempi di sviluppo, aumentando la resa complessiva del processo. Il cuore della produzione è rappresentato dallo stabilimento di Cameri (nella zona di Novara), uno dei più grandi al mondo riguardo alla produzione additiva.

• Internet of things e big data

IoT e Big Data sono considerate due delle principali tecnologie abilitanti per Industria 4.0; infatti il loro utilizzo simultaneo assicura la “CyberPhysical Convergence”, ovvero la convergenza tra il mondo fisico e quello virtuale.

La miniaturizzazione dei vari sensori consente di includere ormai in quasi ogni oggetto fisico questi ultimi al fine di raccogliere informazioni sull'ambiente fisico e, successivamente, comunicarli in rete (sistemi “Embedded”). Per oggetti che nascono privi di tali dispositivi è quindi possibile aggiungerli in un secondo momento; pertanto, ogni oggetto fisico ha (o può avere) la capacità di generare dati sul suo stato e lo stato dell'ambiente fisico che lo circonda. Questo crea un processo circolare dove le informazioni e i dati elaborati dai sensori passano dal mondo fisico a quello digitale; qui, infatti, queste informazioni vengono elaborate e analizzate al fine di agire sugli oggetti stessi per configurarli. Si può dunque dire che l'IoT genera una copia virtuale del mondo fisico; con questa copia virtuale è possibile simulare una miriade di processi ed effettuare tutti i test desiderati prima di agire nel mondo fisico. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Industria 4.0: l’impatto delle nuove tecnologie all’interno dei sistemi produttivi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Damiano Carrozzo
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia delle istituzioni e dei mercati finanziari
  Relatore: Antonio  Costa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi