Skip to content

'C'è poco da ridere'. Ironia e umorismo nella relazione d'aiuto

La comunicazione ed il comico

Se “comunicare” significa mettere in comune l’oggetto della comunicazione tra due o più interlocutori, allora ironia e umorismo rappresentano sicuramente forme di comunicazione, anche se la prima differisce dal secondo nella sua dimensione meta-comunicativa; essere ironici significa, infatti, produrre segnali tali per cui il contenuto del messaggio sia rivisto dal destinatario alla luce di questi indici meta-comunicativi.

L’umorismo al contrario rappresenta un tipo di comunicazione meno strutturata e quindi più diretta, meglio comprensibile per il destinatario. Ma come avremo occasione di verificare successivamente, ironia e umorismo presentano affinità dal punto di vista delle ragioni profonde che ne stimolano l’uso. In quanto strumenti di comunicazione, ritengo sia utile ricordare alcuni elementi base relativi al linguaggio ed alla comunicazione. A livello di comunicazione è possibile affermare che esiste una parte geneticamente acquisita, cioè la predisposizione all’uso della parola, ed una parte socialmente acquisita, ossia degli schemi di pensiero.

Il linguaggio non è spontaneo, in virtù del fatto che esistono sempre e comunque delle differenze (ad esempio codici diversi per paesi diversi), così come non è sufficiente usare gli stessi termini per capirsi, in quanto il linguaggio è fatto di altro, oltre che del semplice parlare. Secondo il modello di R. Jakobson (1966), comunicare è un evento che implica la presenza di 6 fattori:

a. mittente;
b. destinatario;
c. messaggio, ossia quanto si cerca di mettere in comune con l’interlocutore;
d. contesto, è il fattore che orienta la comprensione della comunicazione.

Quando tratteremo più avanti il messaggio ironico avremo occasione di verificare quanto sia importante questo fattore per la comprensione del messaggio non di livello 0; e. canale, ossia il tramite sensoriale attraverso cui si muove il messaggio; f. codice, cioè la consapevolezza delle regole e dei processi attraverso cui viene costruito il messaggio; La comunicazione implica almeno la presenza di 2 attanti (nel soliloquio la persona comunica comunque con una parte scissa del proprio Sé).

Parlare è la risposta ad uno stimolo (modello S/R), risposta determinata, oltre che dalla presenza di un patrimonio filogenetico (Heidegger e Lacan direbbero che l’uomo “è parlato”), anche dall’educazione, dalla riflessione, dall’interposizione di un’area psichica che medi tra stimolo e risposta. Quest’ultima affermazione è utile per affermare che la comprensione di un dialogo non è univoca, ma è soggettiva e determinata dall’esperienza.

La presenza del fattore contesto relativo alla comunicazione, suggerisce che qualsiasi forma di comunicazione sia contestualizzabile, ossia può mutare di significato a seconda dell’ambiente all’interno del quale la comunicazione viene prodotta. Quindi comunicare non significa trasmettere parole, piuttosto si rivela come una produzione di senso, elemento costitutivo del messaggio. In questo senso F. de Sausurre (1968) affermava che il senso è costituito dal legame arbitrario tra l’immagine acustica ed un soggetto. Il legame che mette in relazione significante (immagine acustica) e significato (concetto) è arbitrario, ma una volta che questo sia stato definito deve rimanere, pena la incomunicabilità.

Da quanto sostenuto fino a questo punto è possibile avanzare l’ipotesi che comunicare non è solo una produzione di parole, piuttosto si tratterebbe di un’operazione sinergica tra emittente e destinatario, all’interno della quale quest’ultimo parteciperebbe attivamente decodificando il messaggio.

Risulta infatti evidente come la materia sonora di cui si compone la comunicazione rappresenti un continuum che, a seconda delle operazioni di cesura ad opera del destinatario, acquisterà significati diversi. Conseguenza della precedente affermazione è che questi tagli operati sul testo sono fatti a discrezione del destinatario e quindi, in ultima analisi, legati alla sua soggettività.

La comunicazione metaverbale, che apparentemente sembra sfuggire alla consapevolezza dell’emittente, è molto importante ai fini della comunicazione: prestando infatti attenzione a questo flusso di dati non codificati, è possibile ricavare informazioni importanti, altrimenti non rilevabili. Per restare in tema, l’ironia, al di là del meccanismo antifrastico, cos’è se non una comunicazione metaverbale fatta sul contenuto espresso? La riflessione sul linguaggio e sulla comunicazione non si ferma a de Sausurre (basti pensare ai contributi di Hjelmslev e Eco), ma ritengo che, ai fini della nostra argomentazione, le ipotesi illustrate siano sufficienti.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

'C'è poco da ridere'. Ironia e umorismo nella relazione d'aiuto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Papa
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Servizio Sociale
  Relatore: Gianni Del Rio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 128

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi