Skip to content

Questioni attuali in materia di fideiussione omnibus

La fideiussione bancaria e il diritto dei consumatori: tutela, trasparenza ed equità nel rapporto fideiussorio

Al riguardo, è utile ricordare anche la disciplina a tutela del consumatore come prevista all’interno del quadro della trasparenza. Nella figura negoziale di garanzia qui in esame possiamo notare, infatti, una certa interferenza con il diritto dei consumatori. La disciplina sulla trasparenza tutela tutti i clienti, ma alcune previsioni tuttavia sono pensate esclusivamente per i rapporti con i consumatori: il codice del Consumo definisce il consumatore come la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta (art. 3). La disciplina a tutela dei consumatori è posta per tutelare la parte considerata più debole, in quanto “soggetto entrato (o coinvolto) in rapporti di consumo, che si trovi nella posizione istituzionalmente debole di controparte non professionale delle imprese professionalmente attive sul mercato dell’allocazione di beni e/o servizi di massa”.

È necessario pertanto valutare l’effettiva posizione del fideiussore omnibus all’interno della disciplina consumeristica e procedere ad analizzare concretamente come la disciplina consumeristica possa riguardare, o meno, il fideiussore e le relative questioni che seguono. Una situazione che deve essere valutata è il caso in cui il debitore principale utilizzi il servizio del credito per scopi riferibili all’attività imprenditoriale o professionale, mentre il fideiussore garantisce verso la banca quel credito ma non per scopi riferibili all’attività imprenditoriale o professionale propria. Secondo il Petti una situazione come quella descritta potrebbe comportare una tutela solo nei confronti del fideiussore, in quanto privato, mediante applicazione della disciplina consumeristica, lasciando “scoperto” il debitore che invece svolge attività imprenditoriale o, comunque, professionale. L’autore però afferma che è necessario considerare la posizione di entrambi rispetto alla parte contrattuale forte, cioè l’istituto bancario, permettendo così l’applicazione anche in questo caso della tutela prevista per il consumatore riconoscendo i vari diritti, quali il diritto alla sicurezza ed alla qualità del servizio bancario; il diritto alla adeguata informazione ed alla corretta pubblicità nonché alla correttezza ed equità del rapporto.

La diffusione nella prassi bancaria di uno strumento quale quello della fideiussione omnibus ha indirizzato il legislatore ha trovare strumenti di equilibrio, mediante un sistema atto a fornire al contraente debole una sufficiente tutela nei suoi rapporti con la banca. Il richiamo a strumenti di tutela diviene fondamentale soprattutto in un ambito quale quello negoziale nel quale l’autonomia privata può risultare, nel caso di mancata osservanza dei principi contrattuali e di diritto riconosciuti, controproducenti rispetto all’attività economica. L’intervento del legislatore, mediante la legge sulla trasparenza nei rapporti bancari e la legge a tutela dei diritti del consumatore, ha fatto sì che l’autonomia contrattuale dei privati assuma sempre più, nel campo dei rapporti negoziali tra parte debole e parte forte, i contorni di una libertà che viene integrata da un apparato normativo promozionale, volto a garantire l’equilibrio dei rapporti tra le parti. Si tratta di un sistema di norme che mirano a tutelare la posizione soggettiva delle parti e gli interessi economici, in quanto pongono come presupposto di base l’ordine pubblico economico, principio che, all’interno del sistema di erogazione del credito quale quello in cui opera la fideiussione omnibus, assume un carattere fondamentale.

Già gli interventi dell’A.B.I. nel 1995, volti a revisionare il contratto di fideiussione omnibus per adeguarlo alla nuova normativa della trasparenza, furono compiuti per improntare tale figura negoziale ai principi di tutela della parte debole, che trovarono poi concretezza con gli interventi normativi successivamente compiuti dal legislatore. L’A.B.I., infatti, ha proceduto ad eliminare clausole quali l'indicazione del termine dal quale diviene opponibile alla banca il recesso del fideiussore (termine rimesso, oggi, alla discrezionale predisposizione ad opera di ogni singola banca); l'eliminazione delle clausole che subordinavano il regresso del fideiussore alla piena soddisfazione delle ragioni di credito della banca; e ancora l'eliminazione della clausola per cui l'opposizione del debitore principale non giustifica il rifiuto di pagamento del fideiussore. Si tratta di modifiche che riflettono il tentativo di tutelare la parte più debole del contratto, in quanto comportava l'eliminazione di quelle clausole che erano dirette a fissare le condizioni economiche del rapporto e tali da determinare squilibrio a favore delle banche a danno degli utenti. D’altronde gli interventi sulla fideiussione omnibus per garantire una maggiore trasparenza informativa sono in continuità con la disciplina consumeristica, la quale sancisce che le informazioni al consumatore devono essere espresse in modo chiaro e comprensibile, tenuto conto anche delle caratteristiche del settore (in tal caso quello di garanzia ed erogazione del credito) in modo tale da assicurare la consapevolezza al consumatore. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Questioni attuali in materia di fideiussione omnibus

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Dario Camillo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Economia Bancaria
  Relatore: Giuliana Scognamiglio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antitrust
banca
consumatore
debito
fideiussione
fideiussione omnibus
garanzie bancarie
garanzie personali
contratti bancari
trasparenza bancaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi