Skip to content

La psicoterapia focalizzata sul transfert. La tecnica psicoanalitica e i pazienti borderline.

La formulazione del contratto terapeutico

La fase iniziale della TFP-B prevede anche la formulazione del contratto terapeutico tra l’analista e il paziente; esso stabilisce la cornice del trattamento e definisce le responsabilità di ciascuno dei partecipanti, illustrando le condizioni minime e necessarie affinchè la terapia possa svolgersi.
Lo stadio della formulazione del contratto può includere, qualora l’analista lo ritenga indispensabile, un incontro con i genitori o con il coniuge del soggetto con BPO al fine di dar loro informazioni circa lo svolgimento e i limiti del percorso terapeutico.
Discutendo il contratto terapeutico, il clinico deve affrontare sia le questioni relative ai parametri generali ed essenziali del trattamento che si applicano a tutti i casi, sia quelle connesse agli aspetti che sono specifici e che quindi, variano a seconda delle caratteristiche peculiari della persona.
Affinchè il processo terapeutico si svolga in condizioni ottimali e porti al raggiungimento degli obiettivi che si ha intenzione di ottenere, è importante che da un lato, il paziente si assuma un impegno significativo in merito a ciò e che dall’altro, il clinico sia sufficientemente consapevole delle problematiche che possono scaturire nel periodo precedente al raggiungimento di una piena adesione al contratto e del fatto che, nonostante esso venga stabilito prima dell’inizio vero e proprio della terapia, si debba far riferimento spesso ad esso e che talvolta potrebbe emergere l’esigenza di modificarlo o di aggiungervi qualcosa.
La formulazione del contratto avviene attraverso un dialogo nel corso del quale grande attenzione è posta alla reazione del paziente dinnanzi alla comunicazione delle condizioni del trattamento per evitare che l’accordo sia superficiale e privo di un senso e per individuare i precoci pattern di transfert che emergono nel corso del processo.
È fondamentale che vengano rifiutate le condizioni per il trattamento che richiedono sforzi eroici; se fosse accettato più di quanto in una terapia sarebbe mediamente ragionevole, il risultato finale consisterebbe in un rafforzamento del potenziale autodistruttivo dell’individuo ed anche un incremento nel possibile sviluppo di transfert ingestibili (Clarkin, Yeomans, Selzer, 1992).
Gli ambiti di responsabilità che andrebbero discussi con tutti i pazienti comprendono la frequenza, l’onorario e il comportamento durante l’incontro.
Per quanto concerne la prima area, si deve comunicare chiaramente alla persona con BPO che è suo dovere presentarsi agli incontri che sono stati programmati con lui e rispettare i tempi previsti sia per l’inizio sia per la fine della seduta e che, se ciò non si verificasse, non potrebbe ricevere alcun aiuto. Questa condizione potrebbe provocare diversi tipi di reazioni; potrebbe ad esempio, essere percepita come una minaccia alla convinzione primitiva del paziente che l’analista sia un individuo onnipotente capace di risolvergli tutti i problemi o come una responsabilità che limita le sue possibilità o come un mezzo utilizzato per esercitare un controllo di lui; anche se quindi, si potrebbe pensare che sia inutile affrontare un discorso su questo argomento, è indispensabile farlo proprio in virtù di alcuni aspetti caratteristici della patologia borderline come l’intensa ambivalenza nei confronti della terapia che può essere attuata giungendo in ritardo, andandosene in anticipo o non presentandosi proprio.
Se dovessero emergere delle obiezioni, allora si dovrebbe discutere con lui e fargli capire che queste minime condizioni costituiscono dei prerequisiti necessari affinchè il processo terapeutico possa essere messo in atto concretamente.
Devono anche essere presi accordi ben precisi sull’onorario e sulle modalità di pagamento in quanto fissare regole su questo aspetto consente di stabilire un punto fermo al quale il terapeuta può far riferimento se la situazione lo richiede.
Di conseguenza, è possibile affermare che, una fonte esterna costituita dal terapeuta, definendo con precisione l’orario degli incontri, terminando le sedute puntualmente, sebbene solitamente si insista per prolungarle, stabilendo regole chiare sul pagamento ed esplicitando una specifica contrattualità sulle conseguenze dei mancati appuntamenti, introduce una certa stabilità nella vita di chi ha in cura e costruisce una stabile cornice terapeutica.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La psicoterapia focalizzata sul transfert. La tecnica psicoanalitica e i pazienti borderline.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luigia Tatiana Porcelli
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Marco Innamorati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

borderline
dsm
psicoterapia
psicoterapia psicodinamica
transfert

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi