Skip to content

L'unità di luogo nel cinema. Evoluzione del personaggio cinematografico all'interno di uno spazio concentrazionario.

La mosca di Breaking Bad

Breaking Bad è una serie televisiva statunitense ideata da Vince Gilligan e andata in onda con le sue cinque stagioni e 62 episodi dal 2008 al 2013. Si è imposta subito come un prodotto di alta qualità guadagnandosi molteplici premi e riconoscimenti sia dalla critica che dai fan. La storia, diventata un cult per affezionati e non, è quella di Walter White, un professore di chimica che è stato un chimico dal valore riconosciuto ma che ora insegna in un liceo statale e che improvvisamente si ritrova con un cancro ai polmoni, una moglie disoccupata incinta per la seconda volta e un figlio sedicenne con una disabilità fisica.

Per affrontare le ingenti spese mediche che gli si presentano giorno dopo giorno, ispirato da un da una giornata trascorsa con il cognato Hank, agente della DEA, decide di mettersi in proprio nel campo della produzione di metanfetamina sfruttando le proprie conoscenze chimiche. È però un lavoro complesso da portare avanti da solo e per questo si sceglie come compagno e aiutante il giovane Jesse Pinkman, un suo ex studente allo sbando influenzato dalla filosofia hip hop e da tutto lo stile di vita che ne consegue. Da questo momento in avanti la trasformazione di Walt è inevitabile. Il suo arco narrativo è un percorso improntato all’individualismo, ma anche al capovolgimento dell’archetipo della redenzione finale: Walt non si redime, né si pente, né ritrova l’equilibrio iniziale, nemmeno dopo il rigetto della famiglia. Walt si trasforma in Heisenberg, la sua nemesi, il suo Mr. Hyde che trae piacere e soddisfazione da ciò che ha creato e da ciò che porta avanti ogni giorno. È la parabola del self made manche da persona sfortunata e sfruttata diventa l’unico a tenere le redini della propria vita, fino a trasformarsi persino in un pericolo per gli altri (celebre la frase “I’m not in danger, I’m the danger”). L’orgoglio e l’ebbrezza del potere vanno a discapito del senso di colpa che si affievolisce fino ad annullarsi.
Walter White è chiaramente un personaggio a tutto tondo, la lunga durata della narrazione gli permette di evolversi stagione dopo stagione. Ugualmente Jesse, la sua spalla, cambia nel corso della storia. Entrambi sono dunque figure bottom-up e concave, entrambi vengono assorbiti dalle situazioni in cui si vengono a trovare e, nonostante i rimorsi e le disgrazie, non tornano mai indietro, ma anzi camminano testardamente in avanti.
L’episodio 10 della terza stagione Fly (Caccia grossa nella versione italiana) è stato uno degli episodi più particolari e controversi della serie. Da alcuni criticato perché considerato noioso e inutile, da altri ritenuto un piccolo capolavoro. Ovviamente chi scrive si schiera nella seconda fazione: Fly sono 45 minuti di costruzione narrativa per niente superflui al filo conduttore della storia dei personaggi e ora vedremo perché. I luoghi in Breaking Bad vengono investiti fin dal principio di un’enorme valenza metaforica, oltre a restituire la sensazione delle atmosfere vissute dai protagonisti. Il deserto, il camper, casa White sono tutti habitat che simbolicamente disegnano le condizioni e gli stati d’animo di Walter. Il laboratorio sotterraneo in cui si svolge Fly rappresenta il “superamento della frustrazione professionale di Walter (che) passa innanzitutto dall’accesso, dal possesso e dalla possibilità di utilizzo di un proprio laboratorio”.
Walt prende coscienza del proprio essere indispensabile, della propria importanza nel processo produttivo. Fly è un punto di rottura, è l’incarnazione di un disagio e dello sgretolamento progressivo della sua morale. Egli si accorge che tutto ciò che fino a quel momento riteneva perfetto e inattaccabile non è più così, e questa epifania avviene proprio all’interno di un bunker sotterraneo nel quale il tempo sembra fermarsi. Gli attori in scena sono due, Walter e Jesse, alle prese con un terzo elemento di disturbo: la mosca.
L’episodio si apre proprio con il dettaglio di una mosca osservata attraverso un occhio circolare non identificato. Dopo i titoli di testa, Walter esce di casa per recarsi al laboratorio e da quel momento non vedrà più la luce del sole fino alla fine dell’episodio. Il disagio del protagonista si palesa fin da subito con il suo malcontento per il calo della produzione, ma Jesse non sembra dargli troppo peso e finite le ore di lavoro torna a casa lasciando Walt da solo all’interno del superlab. In principio la mosca è fuori campo: la avvertiamo come un indizio sonoro, un agente disturbatore che cattura da subito l’attenzione di Walt. In quel momento, comincia la caccia disperata all’elemento contaminante, a ciò che impedisce che la lavorazione continui a meno di una sua distruzione, a ciò che tiene Walt bloccato. Walter lotta evidentemente con il proprio io interiore, con quell’Heisenberg privo sia di freni che di una morale che non vede l’ora di prendere il sopravvento. La mosca che lo tormenta è in realtà il senso di colpa per la storia con Skyler andata in frantumi, per l’”incidente” con la giovane Jane e per essere vissuto troppo a lungo. Lo spazio chiuso e claustrofobico lo isola dall’esterno, gli permette di rinchiudersi nella sua ossessione per tentare di eliminarla. Tutto è metafora. La mosca è metafora persino di quel cancro che lo logora da dentro, come il cancro è metafora di Heisenberg. Con l’aiuto della macchina da presa i punti di vista cambiano in continuazione. Dapprima vediamo la storia con gli occhi di Walt, poi la palla passa a Jesse, che se prima asseconda il suo “mentore” aiutandolo nella caccia alla mosca, in un secondo momento tenta di sedarlo fisicamente con del sonnifero. Talvolta invece il punto di vista è proprio quello del piccolo animale: il regista si serve di soggettive movimentate e caotiche, come se la mosca stesse giudicando dall’alto l’ormai sfinito Walter. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'unità di luogo nel cinema. Evoluzione del personaggio cinematografico all'interno di uno spazio concentrazionario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fedra Galassi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo
  Corso: Televisione, Cinema e New Media
  Relatore: Paolo Giovannetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cinema
personaggio
bertolucci
claustrofobia
polanski
concentrazionario
claustrofilia
breaking bad
unità di luogo
carnage

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi