Skip to content

La questione manageriale - Analisi retrospettive e sfide future

La nascita del Management

Fino ad ora si è parlato di quali sono i modi nelle quali è possibile dare un interpretazione – o meglio leggere – un’organizzazione, ma analizzare le struttura organizzativa significa scoprire soprattutto in che modo questa viene gestita. Sebbene la necessità di gestire l’attività umana risalga probabilmente alla notte dei tempi, dal punto di vista accademico il termine management e lo studio della sua specifica funzione nasce probabilmente agli inizi del secolo, coniato da Frederick Winslow Taylor.

Lo studioso, basandosi sulle teorie dell’epoca che proclamavano l’assoluta razionalità dell’uomo in ambito economico, aveva affermato che esisteva un sistema di gestione infallibile – la famosa one best way – che permetteva all’azienda e quindi all’imprenditore di ottenere la migliore performance possibile. Una tale rivoluzione all’epoca segnò una profonda frattura all’interno delle aziende. Fino ad allora l’intera gestione della produzione era di fatto lasciata nella mani degli operai stessi e il controllo era limitato alla verifica delle quantità prodotte: non esisteva una disciplina del management, la fabbrica era il regno dell’empiria. La gestione ancora semi-artigianale del lavoro non era più sufficiente poiché la situazione economica dell’epoca aveva condotto le aziende ad una rapidissima crescita. Il vecchio sistema non era più sostenibile.

La proposta di Taylor si basava su un semplice principio: uno studio scientifico dell’organizzazione del lavoro e, di conseguenza, una gestione razionale di tale organizzazione possono portare ad una proficua cooperazione tra lavoratore e dirigenza. Il metodo attraverso cui l’americano si proponeva di ottenere questi strabilianti risultati era il sistema “premi-punizioni”: buone prestazioni permettevano al lavoratore di ottenere premi-produzione che si aggiungevano al salario base. Tutto costretto in uno schema molto rigido e razionale che cercava di ottimizzare i fattori a disposizione dell’azienda.

La più famosa applicazione dello Scientific Management tayloriano è la catena di montaggio di Henry Ford che fu usata per la prima volta per costruire la Ford “Model T”. Fu un successo senza precedenti, per la prima volta un prodotto di lusso come l’automobile poteva essere acquistata anche dagli operai stessi che l’avevano costruita. Nel giro di pochi anni il management divenne uno degli argomenti di studio più caldi non solo per le aziende ma anche per la pubblica amministrazione e nacque così la figura del manager come persona dotata di quelle competenze e conoscenze che gli permettevano di organizzare e coordinare il lavoro dei dipendenti.

Il momento più duro per la disciplina ci fu negli anni ‘30 quando, a seguito della Grande Depressione, il termine stesso management era diventato un marchio infamante e il manager da pioniere del progresso si era trasformato nel crudele artefice della voragine economica che aveva inghiottito tutti i risparmi del ceto medio. Ci volle un ventennio prima che il “marchio infamante” (Drucker, 1999, p. 19) del management scomparisse del tutto. Ma nel secondo dopoguerra si verificarono una serie di fatti per i quali la disciplina ritornò in auge. Le nuove teorie sociologiche e psicologiche e le nuove proposte manageriali coadiuvate dagli ottimi risultati che l’economia americana aveva ottenuto in quel periodo causarono una proliferazione di business school e corsi di management in tutte le nazioni industrializzate: una proliferazione che prosegue tutt’oggi.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La questione manageriale - Analisi retrospettive e sfide future

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Farace
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d'Impresa
  Relatore: Francesco Perrone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 309

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi