Skip to content

Progetto di una Passerella Ciclo - Pedonale sul Fiume Elsa e suo Inserimento Territoriale

La pianificazione del territorio: PTCP e Piano di Bacino

Anche in questo caso, l’approccio iniziale al progetto della pista ciclabile è stato la consultazione degli strumenti di pianificazione per un inquadramento generale dell’opera.
Riprendendo anche tutte le argomentazioni del cap. 1, si è esteso l’indagine conoscitiva preliminare a tutta l’area interessata dalla nuova pista ciclabile.
Dall’analisi del PTCP si osserva che anche tale area di studio ricade nelle due invarianti strutturali già indicate al par. 1.2:
• Un’ “Area Sensibile”, già vulnerata da fenomeni di esondazione e soggetta a rischio idraulico, regolamentata dall’art. 3 delle Norme di Attuazione del PTCP.
L’area di studio per la pista ciclabile è interamente compresa in questa invariante strutturale. Secondo l’articolo 3, la disciplina e gli interventi da perseguire nelle “aree sensibili” sono i seguenti:
1. “Mantenimento e miglioramento delle condizioni fisiche ed ambientali esistenti nelle aree naturalmente predisposte alla laminazione delle piene, individuando, se necessario, casse di espansione naturali”.
2. “Valorizzazione e intensificazione delle funzioni idrauliche svolte, con progetti di regimazione idraulica realizzati a scala di bacino. In base a tali progetti possono essere consentiti impianti ed attrezzature compatibili con le caratteristiche idrauliche delle zone”.
3. “Sono comunque ammessi gli interventi sul patrimonio edilizio esistente che non comportino aumento di volume e sono fatti salvi i servizi e le attrezzature di cui all’art. 24”.
L’art. 24 delle Norme di Attuazione definisce quali sono i servizi e le attrezzature di livello provinciale e/o regionale, in particolare al punto d) cita espressamente “i complessi sportivi e ricreativi urbani, al di sopra di una soglia di utenza stabilita dal piano di settore”.
In base a tutto questo, si deduce che all’interno di aree sensibili non ci sono “controindicazioni” alla realizzazione di impianti sportivi e/o ricreativi come appunto le piste ciclabili.
• Un “Ambito di Reperimento” per l’istituzione di un “Parco della Valdelsa”, regolamentato dall’art. 10 delle Norme di Attuazione del PTCP.
L’area di studio per la pista ciclabile, è in gran parte compresa anche in questa invariante strutturale: la zona che ne resta esclusa ricade nel territorio di Gambassi, ma si trova tutta direttamente a contatto con l’ambito di reperimento del parco, seguendo il corso del fiume.
L’art. 10 stabilisce che anche in questo caso “sono fatti salvi i servizi e le attrezzature di cui all’art. 24”, e che “fino all’istituzione del parco i Comuni consentono nuove edificazioni o trasformazioni urbanistiche solo se congruenti con le caratteristiche dell’ambito di reperimento del parco”.
In questo caso, trattandosi di un parco fluviale, l’ambito di reperimento è presumibilmente “caratterizzato da singolarità naturale ed ecologica”.
Anche in questo caso, si deduce che il progetto di una pista ciclabile si inserisce perfettamente all’interno di un ambito di reperimento per l’istituzione di un parco.
A tale proposito, sarebbe auspicabile, da parte del Comune di Gambassi, una precisazione del perimetro dell’ambito di reperimento, così come previsto al punto 3) dell’art. 10, in modo da far rientrare completamente all’interno di questa invariante strutturale anche quella zona marginale di cui si è precedentemente parlato.
Oltre alle due invarianti strutturali appena viste, l’area di studio della pista ciclabile attraversa un’area boschiva presso Casalsole e nel punto di attraversamento dell’Elsa.
Le “aree boschive e forestali” sono regolamentate dall’art. 17 del PTCT, il quale al punto 3) afferma espressamente che “i Comuni possono modificare i perimetri delle aree boschive e forestali in caso di realizzazione di parchi pubblici a carattere naturalistico o ricreativo”. Anche in tal senso si deduce che la pista ciclabile, inserita all’interno del “Parco della Valdelsa”, può tranquillamente essere realizzata attraverso le aree boschive presenti.
Dall’analisi del Piano di Bacino dell’Arno – Stralcio Rischio Idraulico, si può osservare (vedi anche par. 1.2.) che l’area di studio per la pista ciclabile ricade all’interno di aree regolamentate dal Piano di Bacino:
• “Aree di Pertinenza Fluviale”. La Norma n. 5 del Piano di Bacino afferma che tali aree “devono essere salvaguardate, in generale, per la mitigazione del rischio idraulico” ed “anche per la mitigazione di altri rischi, idrogeologici e ambientali”. “Gli enti e le autorità interessate, anche in forma coordinata, promuovono, nelle aree di pertinenza fluviale, la definizione di interventi e misure idonei a garantire il recupero, la salvaguardia e il miglioramento ambientale”.
Da qui si deduce quindi, che il progetto di una pista ciclabile inserita in un parco che comprenda al suo interno di aree di pertinenza fluviale, è pienamente ammissibile.
• “Aree Allagate”. Come si è già visto al par. 1.2., la Norma n. 6 stabilisce, in buona sostanza, che “le opere che comportano trasformazioni edilizie e urbanistiche, ricadenti nelle aree […] allagate, potranno essere realizzate a condizione che venga documentato […] il non incremento del rischio idraulico da esse determinabile”.
In tal senso, si è progettato l’attraversamento della pista ciclabile sull’Elsa in modo da non interferire minimamente con l’alveo e gli argini del fiume, tenendo le imposte della passerella ad un’altezza sul piano campagna, tale da garantire la sicurezza anche in caso di esondazione.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Progetto di una Passerella Ciclo - Pedonale sul Fiume Elsa e suo Inserimento Territoriale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Provvedi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Civile
  Relatore: Salvatore Giacomo Morano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 274

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acciaio
certaldo
ciclabile
passerella
pedonale
pista
ponte
vetro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi