Skip to content

Il protocollo informatico nelle strutture sanitarie pubbliche e qualità del servizio ai cittadini

La progressione dell'informatizzazione del SSN (cenni sul FSE, sulla ricetta elettronica, telemedicina e le prenotazioni online)

In ambito sanitario la progressione verso la digitalizzazione ha subito una forte accelerazione grazie all'approvazione di numerosi decreti in materia di sanità elettronica, compresa la diffusione del FSE (Fascicolo Sanitario Elettronico) ad oggi attivo ed accessibile in poche regioni (Emilia Romagna, Lombardia, Toscana, Sardegna e provincia autonoma di Trento) il numerodi fascicoli attivi è infatti molto ridotto, poco sopra il 10%, di cui la gran parte in Lombardia. La criticità è dovuta in gran parte alla differente diffusione dell'informatizzazione a livello delle aziende sanitarie sul territorio; in particolare alcuni studi dell'osservatorio del Politecnico di Milano hanno dimostrato che solamente il 6% delle cartelle cliniche sono ad oggi elettroniche.

Altro tassello molto importante e per il quale per lo meno la Regione Lombardia ha raggiunto gli obiettivi previsti è relativo alla prescrizione elettronica o ricetta elettronica. La ricetta elettronica si prefigge alcuni obiettivi: un maggior monitoraggio delle singole regioni non solo delle prescrizioni specialistiche (sfruttando tutti quei criteri di unidirezionalità di identificazione del prescrittore, ma anche un controllo attivo sul cittadino con verifica telematica di eventuali esenzioni o cronicità che scremano le varie prescrizioni in relazione a principi di appropriatezza prescrittiva); di valutare e contenere la spesa farmacologica sanitaria che ha visto negli ultimi anni picchi di spreco enormi mediante una farmacovigilanza e una maggior sorveglianza epidemiologica che permette in un solo clic “per cosi dire” di accedere a dati favorenti eventuali studi ed indagini sullo stato di salute del nostro paese permettendo così di apporre interventi di prevenzione cura e/o riabilitazione la dove ce ne sia bisogno.

La ricetta funziona mediante un numero, che viene assegnato al medico curante al quale viene associato il codice fiscale del cittadino. Fatta l'associazione, la ricetta è pronta: una copia va al cittadino per gli usi richiesti ed un'altra viene immediatamente registrata presso i server di SOGEI (società di Information and Communication Technology del Ministero dell'Economia e delle Finanze); c'è da precisare però che in Lombardia non è possibile redigere il certificato telematico tramite piattaforma SOGEI poiché la regione è pioniera nel processo di informatizzazione delle P.A. e già gode di un propria piattaforma. La ricettazione elettronica col tempo dovrebbe integrarsi con il FSE.

Verso la fine del 2014 poco più della metà delle aziende sanitarie locali ha reso possibile la prenotazione online, mentre meno del 30% concede la possibilità di pagare i ticket online così come meno del 50% permette di accedere ai referti online.

Comunque, il progetto di utilizzo informatico va oltre la semplice burocrazia ed alcune regioni hanno reso la telemedicina uno strumento di cura e monitoraggio online della salute; si tratta di un programma ambizioso che richiede molte risorse e che ad oggi alcune aziende (ivi compresa l'ASST Franciacorta, dopo un periodo di prova) hanno dovuto accantonare.
Il percorso è lungo e non scevro di ostacoli: dalla predisposizione al cambiamento delle sempre incombenti difficoltà di bilancio. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il protocollo informatico nelle strutture sanitarie pubbliche e qualità del servizio ai cittadini

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Erika Venturi
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di I livello in infermieristica forense
Anno: 2018
Docente/Relatore: Franco Sciarretta
Istituito da: Università Telematica Unitelma La Sapienza di Roma
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dematerializzazione
protocollo informatico
pubblica amministrazione e dematerializzazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi