Skip to content

Potenziale effetto fotoprotettivo di alcuni polifenoli su cellule endoteliali umane

La rivelazione del danno al DNA

Esistono molte strategie per rilevare in laboratorio il danno al DNA: si possono evidenziare le SSBs, i CPDs e altre lesioni mediante una serie di metodi.
* Molti metodi sono basati sulla tecnica della PCR, per rilevare SINE (Short Interspersed DNA Elements), la RAPD (Random Amplified Polymorphic DNA).
* Comet assay (gel elettroforesi su singola cellula) per il danno ossidativo e SSBs o DSBs. Recentemente è stata sviluppata anche una versione del saggio che permette di differenziare le cellule vitali, apoptotiche e necrotiche.
* Halo assay /AHA (Alkaline Halo Assay) / FHA per verificare la fragilità della cromatina e SSBs a livello di singola cellula.
* TUNEL assay per SSBs, DSBs e apoptosi, ma non distingue i vari tipi di morte cellulare.
* HPLC-MS/MS per CPDs, 6-4PPs e basi modificate
* FISH (Fluorescent In Situ Hybridization) per rilevare aberrazioni cromosomiche
* Marcatura dell’annessina V-FITC per rilevare la frammentazione del DNA e l’apoptosi indotta da radiazioni, marcandola con fluorocromi.
* GC-MS per rotture di filamenti, siti abasici, legami crociati fra DNA e proteine e altri danni ossidativi.
* Spettroscopia NMR per distorsioni della doppia elica del DNA indotte da lesioni [16].
* Proteine precocemente coinvolte nei meccanismi di riparazione e che possono essere pertanto considerate marcatori di danno (ad esempio l’istone H2AX).

L’istone H2AX
L’istone H2AX è un fattore chiave nel processo di riparazione del DNA danneggiato, infatti una volta reclutato nel sito di danno la sua fosforilazione rappresenta un fattore precoce di attivazione dei meccanismi di riparazione. Il DNA è normalmente avvolto intorno ad un core di istoni, a formare il nucleosoma. All’interno del core sono presenti diversi istoni (H2A, H2B, H3 e H4) e la famiglia degli H2A è la più numerosa, e circa il 10% di questa è costituita dall’istone H2AX, unico a causa della sua coda carbossilica, ed è incorporato casualmente nei nucleosomi in tutta la cromatina.
In presenza di danno al DNA, esso viene fosforilato sulla serina 139; in forma fosforilata è chiamato γ-H2AX. Per ogni DSB, vengono fosforilati centinaia di istoni H2AX, in quanto sono coinvolte proteine entro una megabase da sito di danno, e questa fosforilazione avviene entro alcuni secondi, sia per le SSB, che per le DSB, ma prevalentemente per queste ultime. In seguito, i foci di γ-H2AX possono essere visualizzati con diverse tecniche; una di quelle più utilizzate è l’immunoflorescenza. Per rilevare l’istone fosforilato può essere usato un anticorpo che riconosce gli ultimi 9 residui, che includono la serina fosforilata. Se questo anticorpo viene marcato con fluorescenza, permette la visualizzazione dell’γ-H2AX. Il saggio è molto sensibile. Poiché i foci di γ-H2AX sono inizialmente piccoli e difficili da visualizzare, si attendono 15-30 minuti prima dell’analisi. Ogni focus rappresenta una singola DSB. Il limite di questa tecnica è la formazione di γ-H2AX non associato a DSB ma a regioni a singolo filamento in corrispondenza delle forche replicative. Molte proteine di riparazione co-localizzano con l’istone. Al termine della riparazione, la proteina viene defosforilata dalla fosfatasi PP2A (proteina fosfatasi 2A), che regola i livelli di γ-H2AX nelle cellule umane [23] [24].

Il comet assay
Il comet assay è una delle tecniche oggi più utilizzate per misurare il danno al DNA. Una sospensione cellulare viene miscelata con agarosio e posizionata sotto forma di gel su un vetrino portaoggetti. Le cellule vengono lisate rimuovendo le membrane e gli elementi citoplasmatici solubili ottenendo i cosiddetti nucleoidi, i cui superavvolgimenti vengono rilasciati mediante pH alcalino. Segue la corsa elettroforetica. Il DNA danneggiato e quindi frammentato migra a partire dal nucleoide formando la “coda” della cometa. La “testa” è composta da quello che rimane del DNA intatto nel nucleoide. È possibile visualizzare le comete marcandole con un colorante fluorescente ed utilizzando un microscopio a fluorescenza. Mediante un pretrattamento con appositi enzimi che idrolizzano il filamento di DNA in corrispondenza di specifiche lesioni prima della corsa elettroforetica, è possibile analizzare non solo le rotture al filamento ma anche siti apurinici o apirimidinici e basi ossidate [25].

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Potenziale effetto fotoprotettivo di alcuni polifenoli su cellule endoteliali umane

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sara Maffia
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze Biotecnologiche
  Corso: Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche
  Relatore: Monica Savio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pelle
radiazioni
colture cellulari
polifenoli
cellule endoteliali
quercetina
epicatechina
malvidina
derma
microcircolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi