Skip to content

Un risveglio spirituale

La secolarizzazione riflessa

Leggevo e mi informavo su cosa avevano da dire a proposito di religione e spiritualità gli uomini di Chiesa, vedevo che i principi che applicavamo ai gruppi non erano in contrasto con quanto essi suggerivano, anzi non erano in contrasto con i cristiani ma neanche con i musulmani e neppure con i buddisti, e ancora meno con i riformisti, i luterani, i pentecostali e così via. Insomma mi sembrava di far parte di un progetto di vita migliore senza radicalizzazioni pericolose; non ho mai avuto l'impressione di essere dentro una setta, mi sentivo molto libero e padrone del mio destino e la mia frequenza al gruppo era dettata da un amore per la vita ritrovata e per le persone.
È nei gruppi che è nata in me l'idea di riprendere gli studi, il mio amico Benny si era finalmente laureato, l'alcol prima gliela aveva impedito.

Certo per me era diverso perché dovevo prima diplomarmi, però le nuove sfide che mi proponevo mi intrigavano, e poi era anche un modo di pensare ad altro, di ritornare da dove ero scappato.
Ho avuto modo di farmi un'idea sul concetto di "secolarizzazione" che mi ha permesso di aprirmi ad ulteriori orizzonti spirituali. Ho letto e studiato anche perché volevo conoscere quanto e come servisse la religione o spiritualità nel mondo, ero curioso di capire se anche altri, fuori dai gruppi, sentissero ciò che giornalmente sentivo e vivevo, ero in cerca di conferme che non fossero esclusivamente quelle di Alcolisti Anonimi, credo che sia stato utile. Ad oggi posso sicuramente dire che è stato utile.
Il concetto di "secolarizzazione" nel tempo ha assunto forme e significati diversi fino a confondersi nell'immaginario comune alla "perdita dei valori religiosi", ovvero la sacralità e trascendenza propri della Superiorità a prescindere. La religione, dall'Illuminismo in poi, ha dovuto fare i conti con un concetto di "positività" che piano, piano ha depauperato valori, idee e certezze che sembravano intramontabili, in nome di un Dio fin troppo abusato per giustificare incompetenze ed ideologie.
L'immanenza si fa strada, con la sua asserzione «Dio è morto», Nietzsche dichiara che l'uomo è lasciato a se stesso, che non dobbiamo più sperare né di scoprire una verità trascendente e nascosta, né di inventare la fine della storia costruendo una verità "trascendente" e definitiva. Questa stessa sintesi di indifferenza si ripropone aggiornata in Wittgenstein («Quel che non si può dire, è necessario tacerlo»): egli è convinto di aver definito formalmente un concetto di "verità" universale, "formalmente", cioè indipendentemente da qualsiasi soggetto, da qualsiasi osservatore.
L'idea di immanenza è stata altresì presentata non solo come pura teoria ma anche come "esperienza". Tra i più recenti casi, si può citare qualche parola di Annie Besant, in un contesto più spirituale che filosofico ma non panteista:
"Le tre prime parole, 'Immanenza di Dio', vi sembreranno forse secche, fredde e senza interesse. Bisogna tradurvele? Si intende dire che Dio è dappertutto e in tutto. Ma non basta. Ciò significa che quando seguite il bordo del mare, ammirando le grandi onde dell'oceano agitarsi con un rumor di tuono sulla riva, voi vedete in quelle la Sua potenza. Se percorrete qualche bella foresta e gustate il silenzio, la calma e l'ombra a mezzogiorno, allora voi conoscete questa pace divina, conoscete la serenità che rivela Dio."
La dicotomia filosofica trascendenza – immanenza, apre le porte a un concetto più ampio e culturalmente, nel senso antropologico, secondo me più vicino alla realtà umana ovvero il concetto di "spiritualità". Andando oltre religiosità e o spiritualità si fondono in un unico "modo d'essere" del soggetto interessato alla ricerca della "felicità" intesa come "gioia di vivere".
Il "disincantamento del mondo" di Max Weber e "l'ambiente facilitante" di Mohandas Karamchand Gandhi ci introducono a una evoluzione dell'uomo nella spiritualità, un rapporto tra pratica religiosa e potenzialità umane, dimensione spirituale del vivere.
Disincantamento del mondo, processo secolare, il profetismo ebraico (Dio unico) che assorbe il politeismo e nel tempo stesso crea la dimensione morale della società, il Dio dei profeti richiede agli uomini di essere giusti.
Una risposta meramente materialistica non dà soddisfazione all'essere umano, per Ghandi l'India è lì come una madre che apre le braccia al suo figlio, è l'ambiente facilitante ovvero il nutrimento spirituale. Nella contemporaneità la risposta, il "nutrimento spirituale", non è più lì a disposizione, va cercata, la religiosità interiore deve essere supportata da pratiche che avvicinano a un comportamento conforme alle aspettative della propria spiritualità.
In altre parole cuore-mente e parole dovrebbero essere supportate da un'azione equivalente.
Dag Hammarskjold, segretario generale delle Nazioni Unite 1953-1961, ha dedicato nel palazzo dell'ONU "la stanza della quiete". "L'obiettivo è stato creare in questa saletta un luogo le cui porte possono essere aperte ai terreni infiniti del pensiero e della preghiera." [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Un risveglio spirituale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maurizio Squillante
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Sociologia
  Relatore: Michele Colafato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alcolismo
fede
alcolisti anonimi
a.a.

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi