Skip to content

La società di fatto in giurisprudenza

La società di fatto e la sua ammissibilità

Introducendo l’argomento della società di fatto, è importante premettere che questa tipologia di società non è prevista dal codice civile.
In particolare, si ha società di fatto quando due o più persone conferiscono beni o servizi per lo svolgimento in comune di una attività economica al fine della divisione degli utili, senza che sia espressa la volontà della costituzione di una società secondo le norme del codice civile.
La giurisprudenza dominante ritiene infatti che ben potendo il vincolo sociale costituirsi anche tacitamente tra due o più persone, dando luogo al fenomeno della c.d. “società di fatto” - nei rapporti interni tra le parti non costituiscono elementi essenziali all'integrazione della figura giuridica del contratto di società l'enunciazione del tipo della costituenda società, l'indicazione della durata del vincolo sociale e la determinazione dei criteri di gestione, essendo sufficiente per la detta qualificazione, il riconoscimento nella fattispecie considerata degli elementi costitutivi indicati nell'art. 2247 c.c., e precisamente la previsione dell'esercizio in comune di una determinata attività economica e la costituzione di un fondo comune, vincolato all'esercizio dell'attività predetta, costituito mediante i conferimenti dei soci, senza che l'entità di detti conferimenti debba risultare predeterminata nell'atto costitutivo. L’ orientamento ormai consolidato in dottrina e giurisprudenza circa l'individuazione degli elementi il cui concorso implica l'esistenza, nei rapporti interni tra le parti, di un contratto di società di persone, ancorché c.d. “di fatto”, secondo cui per l'esistenza di una società di fatto non è sufficiente provare il mero fatto dell'acquisto e godimento di un bene da parte di più soggetti, ma occorre anche la prova dello svolgimento congiunto di una attività economica, dell'esercizio del diritto alla percezione degli utili maturati con l'attività comune e della volontà comune di costituire una società. Gli elementi ritenuti idonei a provare l'esistenza di una società di fatto nei rapporti interni tra i soci sono differenti da quelli ritenuti tali nei rapporti con i terzi; mentre nel primo caso la prova dell'esistenza di una società di fatto deve essere completa e riguardare la sussistenza di tutti gli elementi di cui all'art. 2247 c.c. non essendo necessaria né sufficiente l'esteriorizzazione del vincolo societario; nei rapporti con i terzi invece, e ciò a tutela della loro buona fede (per l'esistenza di una società di fatto è sufficiente, anche se non necessaria) la prova della mera esteriorizzazione del vincolo sociale, ossia della condotta complessiva di due o più persone tale da ingenerare all'esterno il ragionevole affidamento circa l'esistenza di una società, pur se all'apparenza non corrisponda un'effettiva situazione di diritto. Quanto agli strumenti probatori, l'esistenza della società può essere provata anche con testimonianze o presunzioni semplici rivelatrici dell'esistenza degli elementi essenziali del contratto di società, purché si tratti di indizi univoci e concordanti. In contrario l'opinione minoritaria secondo cui la natura contrattuale del vincolo sociale implica che la volontà delle parti di conferire un bene in un patrimonio sociale autonomo debba risultare da un accordo espresso delle parti, altrimenti si avrebbe esercizio di un'impresa collettiva priva di autonomia patrimoniale, a tale opinione la giurisprudenza e la dottrina prevalenti obiettano che come il contratto di società può concludersi per fatti concludenti, per fatti concludenti può concludersi anche l'accordo per il conferimento di un bene nel patrimonio sociale, quando un atto scritto non sia richiesto dalla natura dei beni conferiti; pertanto il comportamento dei comproprietari di un'azienda che esercitino di fatto un'attività d'impresa costituisce una manifesta volontà, sufficiente, a conferire detta azienda in una società così, di fatto, costituita. Con la L. 23 dicembre 1996, n. 662, collegata alla finanziaria del 1997, è stata concessa la possibilità di regolarizzare le società di fatto e irregolari sia sul piano civile che fiscale.
In questo sistema l'attività di impresa avviene di fatto in forma societaria, secondo un accordo tacito precostituito dai soggetti partecipanti. Sostanzialmente, quindi, queste società sorgono, anziché in base ad un atto costitutivo espresso, con il fatto stesso di svolgere un'attività. È evidente che la società di fatto, nel senso stretto della parola, si possa presentare solo nel tipo della società in nome collettivo poiché la società semplice, avrebbe una eccessiva limitata sfera di attività. Per l'esistenza di una società di fatto occorrono gli stessi requisiti sostanziali necessari per la società regolarmente costituita. La corte di Cassazione ha ritenuto infatti che: “in tema di società di fatto, sono applicabili, in analogia a quanto di-sposto dall'art. 2297 c.c. per le società irregolari, le norme sulla società semplice, vige il principio, dettato dall'art. 2251 c.c., della libertà della forma, salvo quelle richieste dalla natura dei beni conferiti.”
Occorre a questo punto considerare la società di fatto sotto il profilo dei rapporti che intrattiene con il mondo esterno e con la sua struttura interna, proprio al fine di stabilire in che modo essa possa essere considerata ammissibile all’interno del nostro sistema giuridico attuale.
Nei rapporti interni saranno necessari: l' affectio societatis, un fondo comune e un intervento speculativo dei soci. Per quanto riguarda i rapporti esterni occorrono manifestazioni concrete ed univoche e obiettivamente tali da rappresentare e far intendere l'esistenza del vincolo sociale. Non è però necessaria la prova di un accordo espresso tra i soci diretto alla costituzione della società, ma è sufficiente che risulti l'esistenza di un accordo tacito, manifestato con l'esercizio di una attività economica in comune allo scopo di dividerne gli utili.

La giurisprudenza dominante ritiene infatti che “La volontà di costituire una società può ben essere desunta dalla costituzione di un fondo comune e dalla sua avvenuta destinazione all'acquisto di una macchina per l'esercizio di un'attività economica col fine di ripartire tra i soci gli utili relativi”. Si può pertanto affermare che per società di fatto suole intendersi la società in cui sia mancata la consacrazione in atto scritto del relativo contratto, il quale risulta concluso soltanto attraverso il compimento di atti inequivocabilmente sociali.
Sul piano della disciplina applicabile, dunque, la società di fatto non è un particolare tipo di società, bensì una qualificazione che implica l'applicazione della disciplina della società semplice o della s.n.c. irregolare. Da una parte, infatti, la costituzione di una società di persone, non richiede né la forma scritta ad substantiam, né alcuna dichiarazione espressa di programmazione dell'attività, e, quindi, ”l’esistenza della società può desumersi anche da un comportamento concludente nel quale si riscontrino tutti i requisiti costitutivi della fattispecie” (di cui all'art. 2247 c.c.).

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La società di fatto in giurisprudenza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Napolitano
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Carlo  Angelici
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giurisprudenza
società di fatto
diritto commerciale
fallimento
società semplice
ripartizione beni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi