Skip to content

Latino e italiano attraverso i secoli

Latino Tardo e Neolatino

Il passaggio dal latino tardo al neolatino si caratterizza per molti cambiamenti. Nel campo fonetico, abbiamo la perdita del senso distintivo della quantità vocalica.
Nella morfologia, abbiamo la perdita dei casi (con poche eccezioni).

Scompare il genere neutro. C’è l’introduzione dell’articolo e delle preposizioni articolate.
Nel verbo, le coniugazioni si riducono a tre. Si perde il passivo. Nasce il condizionale. Si formano i tempi composti, con gli ausiliari “essere” e “avere”. Nasce un nuovo futuro perifrastico. Si perdono il supino, il gerundivo, l’infinito futuro, il futuro anteriore.
Nella sintassi, si afferma il nuovo statuto delle preposizioni secondarie. E il verbo, nella frase, viene a precedere il complemento oggetto (con poche eccezioni).
Fra tutti questi cambiamenti, il più notevole è la perdita dei casi. E il tratto basilare, per tracciare un confine, ci appare la perdita del genitivo. Nel momento in cui, nel parlare quotidiano, il genitivo non si usa più, allora non si parla più latino tardo, ma neolatino. E questo poté accadere, quando la particella “de” iniziò ad esprimere il concetto di appartenenza.
Ma quando si cominciò, in Italia, a parlare neolatino? Alfredo Stussi guarda al settimo secolo dopo Cristo. Clemente Merlo e Arrigo Castellani pensano al sesto secolo.
Fuori d’Italia, il latino si mantiene più a lungo. Per la Gallia, Stefano Asperti guarda alla fine del settimo secolo. (“Origini romanze”, Viella editrice). Leonard Palmer pensa a un sistema bicasuale, che si protrae (in Gallia e altrove) ancora nell’ottavo secolo.
In realtà i casi non escono dall’uso in modo uniforme. Solo l’ablativo scompare ovunque (o tutt’al più si fossilizza in poche parole o forme). Il rumeno fonde dativo e genitivo. (Charmaine Lee). Ha poi ancora il vocativo, che altrove fu il caso che sparì per primo.
Il dativo vive più del genitivo, come vediamo dalla morfologia del rumeno (Carlo Tagliavini). In francese e provenzale, la distinzione tra caso retto e obliquo permane a lungo. In alcuni nomi sardi, abbiamo la “s” di un antico nominativo singolare (Domus de Maria).
Diremo allora che l’italiano è la lingua neolatina più antica, il sardo la più conservativa, il francese la più innovativa. E il rumeno è forse la più giovane, pur con i suoi tratti di arcaicità.
La fine dell’Impero romano, con la sua lingua unitaria e codificata, accelerò il formarsi delle lingue neolatine. Va notato peraltro che l’antico germanico non perse il suo sistema di casi (il tedesco lo ha tuttora), pur se gli antichi Germani non ebbero mai uno Stato unitario.
Il genitivo germanico (che vogliamo considerare il caso-cardine, quello che tiene insieme tutti gli altri) restò e resta saldo. (Lo troviamo perfino in inglese, sotto forma di genitivo sassone).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Latino e italiano attraverso i secoli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Castronuovo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Francesco Montuori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bruno migliorini
latino e italiano
clemente merlo
carlo tagliavini
alfonso traina
giulio bertoni
antoine meillet
leonard palmer
giovanni alessio
giovanni flechia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi