Skip to content

La didattica delle soft skills con gli adulti sperimentata mediante un percorso formativo aziendale: Il Progetto Zaccheo

Le competenze soft

All’inizio degli anni '90 l’esercito statunitense, U.S. Army War College, coniò il termine V.U.C.A. (Volatile, Uncertain, Complex, Ambiguous) per rappresentare lo scenario mondiale che si stava delineando al termine della guerra fredda. La globalizzazione, i cambiamenti sociali, geo-politici e tecnologici, stavano cambiando anche le armi e le tattiche degli avversari. Per potersi difendere in modo adeguato da tali nuovi contesti, spesso imprevedibili, era necessario intervenire sulla leadership delle unità di comando per dotarla di un processo decisionale rapido ed efficace. L’11 settembre ha drammaticamente reso evidente anche al mondo civile la necessità di difendersi in modo differente rispetto al passato mentre la crisi finanziaria del 2008 ha fatto capire alle aziende che lo scenario del business mondiale era decisamente V.U.C.A. e cioè volatile, incerto, complesso, ambiguo.

Questa breve premessa vuole significare come le aziende si siano trovate nell’ultimo decennio nella necessità di adeguare le competenze delle proprie risorse e dei propri stili di business per far fronte ad un mercato del lavoro che rincorre i continui cambiamenti economici, sociali, tecnologici e politici.

Basti osservare le offerte di lavoro della maggioranza delle aziende nelle quali, indipendentemente dalla mansione ricercata, viene richiesto il requisito delle competenze cosiddette trasversali o soft skills.

Ma cosa vuol dire competenza soft? Oggi tutti ne parlano: formatori, addetti alle risorse umane e delle Agenzie del Lavoro, docenti universitari, psicologi del lavoro ed esperti economisti, eppure si fa ancora poco per far comprendere l’importanza di queste competenze che vengono precedute da un aggettivo “delicato” (Soft) che le rende distintive e le differenzia dall’altra categoria, denominata “hard”, che indica la conoscenza di una specifica materia e l’abilità ad eseguire un compito.

Le conoscenze specifiche oggi, a differenza di una decina di anni fa, sono quasi date per scontate e in ogni caso sono facilmente comprovate da certificati e titoli di studio. Le competenze Soft invece, come vedremo più avanti, non sono certificate e neanche ben visibili. Eppure sono ricercate e apprezzate dalle aziende di tutto il mondo che le considerano fondamentali in qualunque contesto e mansione lavorativa.

Un articolo del WEF (World Economic Forum) 1 pubblicato nel 2019 ha reso nota una indagine condotta da Linkedin effettuata tra 5.000 professionisti delle risorse umane e responsabili delle assunzioni, la quale ha rivelato che la tendenza più importante per avere successo nel lavoro nei prossimi anni è quella di possedere delle Soft Skills.

Interessante rilevare che il termine “soft” deriva anch’esso, così come VUCA, dall’esercito americano, fa la sua comparsa in un rapporto, reso pubblico di recente, sulle tecniche di addestramento del 1972 redatto dal Dr. Paul G. Whitmore dal titolo “Conarc Soft Skills Training Conference”, il quale afferma che le competenze soft sono quelle competenze che non hanno particolari relazioni con le macchine e che sono poco conosciute, mentre le competenze hard sono l’opposto. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La didattica delle soft skills con gli adulti sperimentata mediante un percorso formativo aziendale: Il Progetto Zaccheo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Manuelli
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2019-20
  Università: Università Telematica Pegaso
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione e della Formazione L19
  Relatore: Francesco Paolo Romeo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lifelong learning
formazione aziendale
formazione adulti
apprendimento continuo
competenze soft
soft skill
ignazio messina
zaccheo
vittorio podestà
hogan assessment

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi