Skip to content

Dal serpente dell'Eden a Satana in doppiopetto: la figura diabolica nella Sacra Scrittura e nel Cinema

Le malattie mentali e la possessione demoniaca

Entrando nell'ambito delle malattie mentali possiamo verificare come tante di esse possono essere, ed in passato lo erano di sicuro, scambiate per possessione demoniaca.
La fenomenologia psicopatologica, che conosciamo con il nome di isteria, è la patologia psichica che più si presta ad una interpetazione in senso demoniaco. Le sue manifestazioni (crisi compulsivo-isteriche, paralisi, amnesie, stati crepuscolari e dissociativi ecc) possono calzare a pennello per manifestazione di possessione, Il paziente isterico è generalemente fragile e di facile suggestione e può dare luogo a quella che si definisce isteria di conversione demoniaca, al punto che il soggetto rifiuta il medico psichiatra e preferisce l'esorcista.

Questo perché con l'esorcista si possono avere anche atteggiamenti che si evitano durante una seduta psichiatrica, come abbracci, carezze ecc.; inoltre la possibilità, durante i riti esorcistici, di far partecipare anche i familiari del posseduto sui quali attira l'attenzione per la sua situazione. Non di meno ha importanza anche tutta la gestualità del rito che in qualche modo ipnotizza il pensiero frenetico del soggetto, inducendolo ad uno stato di momentaneo relax, che può essere interpretato come effetto positivo del rito.

Anche l'epilessia, soprattutto quella che interessa il lobo temporale e quella definita Grande male, può essere facilmente interpretata come possessione demoniaca. Infatti quello che si definisce crepuscolo epilettico, cioè lo stato di completa disconnessione dal mondo circostante, che peraltro non impedisce al soggetto azioni anche complesse, come camminare, mangiare ecc., può presentarsi con caratteristiche di stampo mistico o diabolico e può essere accompagnate da deliri paradisiaci o demoniaci. Anche la continua oscillazione tra momenti di estrema calma e esplosioni di violenza incontrollata indirizza certamente su varie interpretazioni. Quando poi l'epilessia è associata ad un disturbo da personalità multipla, il quadro diventa veramente diabolico, anche se alla luce delle conoscenze attuali si può giungere a spiegare scientificamente il problema.

La schizofrenia, poi, con i suoi deliri ed allucinazioni, presenta aspetti osservabili anche nei casi di vera possessione, infatti Padre Corrado Balducci infatti propone degli interessanti parallelismi tra alcuni tipi di allucinazioni ed alcuni aspetti caratteristici della possessione che possono così riassumersi:

* allucinazione esterne → infestazioni
* allucinazioni psichiche → possessione psichica
* allucinazioni cinestesiche → possessione fisica

Il primo caso spiegherebbe i fenomeni come apparizioni di demoni o altre creature inquietanti, i colpi sui mobili, i rumori strani, le sensazioni di sentirsi sollevato o colpito. Il secondo caso invece spiegherebbe la presenza che il soggetto sente dentro di sé di forze a lui estrane ed ostili. Il terzo caso spiega infine la sensazione che il soggetto avverte all'interno del proprio corpo di presenze estranee e malvagie.
I deliri e le allucinazioni che accompagnano le forme più gravi di depressione maggiori, possono assumere aspetti tali che addirittura il paziente sente le urla dei dannati che l'aspettano all'inferno. Per esempio nella depressione di Cotard, caratterizzata da delirio di negazione, per cui il soggetto è convinto di essere morto: l'andamento della malattia ricorda un quadro classico di possessione. Inoltre questa malattia sorge all'improvviso e altrettanto improvvisa è la remissione o la momentanea guarigione del disturbo, che facilmente, soprattutto se c'è stato un intervento da parte di un sacerdote, fa pensare all'effetto positivo dell'eventuale esorcismo.

Altro disturbo mentale, abbastanza diffuso, è quello ossessivo compulsivo, che nei casi di maggiore gravità potrebbe far maturare la certezza, nel soggetto malato, che eventuali ritualizzazioni e compulsioni non siano frutto di sue scelte ma di azioni guidate da un'altra entità che alberga in lui. Come afferma Balducci l'atto impulsivo è quello che più di ogni altro si presta a simulare la fenomenologia psichica della possesssione: idee ed azioni che si presentano con caratteristiche di incoercibilità al paziente confermano in lui la credenza di essere posseduto; oppure l'impulso di bestemmiare in chiesa o di compiere azioni malvagie, che mettono il paziente in una condizione di estraneità di tali sentimenti ma anche di incapacità di allontanarsene.
Continuando l'analisi si puo' aggiungere anche il sonnambulismo tra questi disturbi mentali che hanno affinità con la possessione, anzi si parla di possessione sonnambuliforme riferendoci a quelle manifestazioni di possessione in cui l'entità abituale, quando viene rimossa dall'entità entrante, risulta amnesica per quel periodo specifico della possessione.

All'inizio abbiamo accennato all'epilessia, aggravata dalla presenza di personalità multipla, ora accenniamo nello specifico a questo grave disturbo mentale il cui acronimo è DPM. Il numero di personalità conviventi è svariato, in genere si possono classificare in questo modo: il bambino, il protettore, il persecutore, la personalità di sesso opposto, la personalità diabolica. Le relazioni tra le varie personalità si possono riassumere nel modo seguente:

- non sanno niente l'una dell'altra
- sanno bene l'una dell'altra
- una sa dell'altra ma non viceversa
- parti comuni di conoscenza condivisa

Da un punto di vista medico la dissociazione della personalità è causata da un meccanismo di difesa che l'individuo innesca, a causa quasi sempre di abusi sessuali o anche fisici e psichici, per rimuovere il dolore provocato dalla espereinza traumatica.
La gravità della malattia dipende dall'esposizione al trauma subito nel tempo e nella intensità. Ovviamente, indipendentemente dalla gravità e dalla possibile diagnosi e cura, questo disturbo mentale potrebbe essere stato scambiato nel passato come una vera e propria possessione, come del resto tutte le patologie finora elencate. Questo non vuole negare la possibilità di una reale possessione demoniaca, ma vuole assicurare quanto vasto sia il campo che coinvolge l'attività della mente umana, quanto sia difficile interpretare alcuni suoi fenomeni e quanto sia invece facile ricorrere a soluzioni o risposte scontate, che oggi non è più permesso accettare grazie all'evoluzione della ricerca scientifica.

Nel volume VII, n. 11 dell'anno 2004 della raccolta di Psychofenia, vengono citati quattro criteri, che in una probabile manifestazione di possessione risultano essere attendibili parametri, uno è l'avversione al sacro, che può essere appunto considerato, nel campo della psichiatria e della psicologia, anche come una recita inconscia dovuta ad un'identificazione nel ruolo di posseduto dal diavolo. L'altro è l'aumento di forza fisica che viene interpretato anche come scarica di adrenalina nel sangue del soggetto a causa dello stato di agitazione in ci si trova. Il terzo, è un criterio interessante ed è quello dell'uso di lingue sconosciute. Non esistono registrazioni di un intero discorso fatto con lingue particolari o antiche come l'aramaico.
Secondo la CICAP (Comitato Italino per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale fondato nel 1978, divenuto nel 2013 Comitato Italiano per il Controllo sulle Affermazioni delle Pseudoscienze): Un esame dettagliato di questi casi ha portato a concludere che le persone oggetto dei suoi studi non sembravano conoscere veramente la lingua in questione, ma sembravano piuttosto conoscere un numero limitato di parole di quella lingua e utilizzavano sempre queste per rispondere, in modo stereotipato, alle domande degli studiosi.
Infine, in questa raccolta viene citato un criterio, molto indicativo, quello della conoscenza di fatti o di persone di cui il soggetto non può essere stato informato.

L'analisi procede affermando che aspetti della possessione demoniaca sono interpretabili anche da un punto di vista antropologico e psichiatrico e, in certi casi, sono fatti spiegabili senza tirare in ballo il soprannaturale.
Secondo alcuni antropologi, sociologi e psicologi, che fanno parte del CICAP il fenomeno della possessione è soprattutto un evento culturale legato alle credenze e all'ambiente in cui vive il soggetto, perché, secondo loro, ogni episodio di possessione demoniaca rispecchia le caratteristiche culturali e le credenze tipiche dell'ambiente in cui si manifesta.

Inoltre affermano che la convinzione di essere invasi da un'entità estranea è tipica di alcune forme di schizofrenia o deliri depressivi.
Davanti a questi criteri esposti si può trovare, in molti casi, facilmente una spiegazione scientifica, magari forzata, ma sufficiente per negare l'eventualità di una effettiva possessione.
La linea di demarcazione è fluttuante, solo l'esperienza dello psichiatra, che accetta i limiti della scienza, e dell'esorcista che accetta e rispetta il ruolo del medico, può portare ad una soluzione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Dal serpente dell'Eden a Satana in doppiopetto: la figura diabolica nella Sacra Scrittura e nel Cinema

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Angela Galano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Istituto Santa Caterina della facoltà di Teologia dell'italia Centrale
  Facoltà: Scienze Religiose
  Corso: Scienze Religiose
  Relatore: Anna Giorgi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

satana
possessione
loudun
mago
spirito impuro
indemoniato
satanisti
mammona
gerasa
indovina

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi