Skip to content

Fusioni e Acquisizioni come strategia di crescita per le imprese: il caso Aon S.p.A.

Le operazioni di M&A di questi anni sono state profittevoli?

La domanda sulla profittabilità delle operazioni di fusioni è acquisizioni non ha una risposta semplice, in quanto non sempre vi sono riscontri positivi (come abbiamo accennato nel precedente capitolo), inoltre la difficoltà della risposta è connaturata alla natura stessa del business assicurativo, in quanto «molto spesso i portafogli o le società acquisite vengono incorporate da un'entità già esistente, il che rende difficile monitorarne la performance nel tempo. Il futuro potrebbe riservare ulteriori sorprese a causa della cosiddetta “coda lunga”, che può durare da 3 a 30 anni.
Standard & Poor's ha monitorato l'andamento dell'attività fusioniacquisizioni negli ultimi 15 anni.

Lo studio delle 50 maggiori transazioni che dal 2000 hanno coinvolto le compagnie assicurative, rivela che quasi due terzi dei rating delle società acquirenti sono stati confermati in seguito all'annuncio di acquisizione e che il 22% di essi ha ricevuto un outlook o un CreditWatch negativo (di cui più della metà ha subito un declassamento entro cinque anni).
Tutti i rating che avevano un outlook o CreditWatch positivo hanno ottenuto, invece, un upgrade».
I benefici rilevati sia dal report di Swiss Re che dagli studi di Standard & Poor's collimano con quanto affermato nel precedente capitolo:
• nuove opportunità di crescita;
• una posizione più forte all'interno dei suoi mercati target;
• una migliore differenziazione dei prodotti;
• sinergie di costi che potrebbero incrementarne la redditività.
È chiaro che all'interno del panorama assicurativo vi sono player più aggressivi nel contesto delle operazioni di M&A, e, generalmente, si tratta di soggetti che possono vantare un forte track record per queste tipologie di operazioni straordinarie, tanto che, per loro, diventa arduo parlare di "operazioni straordinarie" proprio perché si assiste ad una codifica delle procedure per l'M&A (codifica che origina a sua volta dall'elevato numero di operazioni condotte con successo e dalla volontà di uniformare i processi a livello mondiale, in tal senso il gruppo AON, come vedremo, è esemplare).
Non dobbiamo credere, però, che il settore assicurativo presenti solo esempi positivi, anzi la ricerca condotta da Standard & Poor's evidenzia come le imprese assicurative affrontino molteplici problematiche sia nel breve che nel lungo periodo.
In particolare emerge che le azioni delle società acquirenti hanno subito ritorni negativi a causa della "debolezza" degli studi previsionali: dopo un anno dall'annuncio dell'operazione, presentano un ritorno negativo pari al 20% delle previsioni.
A livello di rating per la società acquirente si osserva che «la sua performance durante i cinque anni seguenti nel complesso non è stata negativa come quella dei prezzi delle azioni. Entro il quinto anno dall'annuncio, abbiamo declassato il 38% dei rating delle società acquirenti di almeno un livello, mentre il 30% di essi è rimasto stabile. In altre parole, più di due terzi dei totali deal assicurativi di fusione e acquisizione raggiunti dal 2000 non sono riusciti a migliorare abbastanza la situazione finanziaria dell'azienda acquirente da garantirne un upgrade a livello di rating. Qualche affare è stato concluso con l'obiettivo di mantenere un certo livello di forza finanziaria ma rappresentano l'eccezione, non la regola».
Se spostiamo l'analisi a 10 anni dall'annuncio, osserviamo che un compratore su otto cede la società o una parte del portafoglio. Queste vendite sono motivate dalle performance non esaltanti dell'azienda target o per le difficoltà finanziarie del venditore. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Fusioni e Acquisizioni come strategia di crescita per le imprese: il caso Aon S.p.A.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Ravano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Lara Penco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

m&a
fusioni e acquisizioni
mergers and acquisitions
strategia di crescita per le imprese
assicurazione
assicurazioni
broker

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi