Skip to content

Sviluppo dell’energia rinnovabile in Europa e obiettivi dell’UE nel settore

Le Politiche dell’UE nel settore energetico ed impatto nei paesi Europei

La liberalizzazione del mercato europeo dell'energia elettrica è una questione che è nata a metà degli anni '90 per migliorare le condizioni del mercato europeo e per mettere tutti gli stati europei nelle stesse condizioni della distribuzione, trasmissione e accesso al mercato dell'energia elettrica (Direttiva 96 art. 3, art. 6). Nel 2003 un'altra direttiva migliorò le condizioni del mercato europeo imponendo a tutti gli stati membri che i consumatori finali avessero accesso ad un livello di “qualità” dell'energia elettrica standard.
Gli obiettivi (definiti nella direttiva 2009/28/EC) che l'Unione Europea si è data nel campo dell'energia elettrica per combattere il problema dei cambiamenti climatici sono vasti e molto interessanti dal punto di vista delle opportunità future che possono dare all'UE e ai cittadini europei.
[...]
I risultati raggiunti mostrano, secondo il rapporto di Georgios Amanatidis (2019), che l'Unione Europea, nel complesso, sta' riuscendo a raggiungere gli obiettivi che sono stati imposti nel 2009. Altre direttive (2009/72/EC e 2009/73/EC) hanno dato anche delle linee guida da seguire per ridurre sensibilmente il problema della “energy poverty”. Le due direttive definiscono anche il “consumatore vulnerabile” che deve essere protetto dallo stato, soprattutto nei momenti di crisi, con misure efficienti ed efficaci per non aumentare il rischio di raggiungere una condizione di esclusione sociale. La definizione del consumatore vulnerabile è stata rafforzata con il “Documento dell'Energia Pulita per tutti i Paesi Europei” (2016). Per questo le direttive prevedono che ogni membro dell'UE svolga delle analisi a livello nazionale e regionale per minimizzare gli indici di povertà energetica nelle zone geografiche critiche.

In Italia la direttiva 2009/28/EC è stata recepita ed integrata dal legislatore nel 2011 con un decreto legislativo. Sempre nello stesso decreto sono state specificate anche le procedure e gli incentivi previsti per l'installazione degli impianti, soprattutto quelli fotovoltaici. Chiara Feliziani (2013) non solo ha indicato la complessità delle procedure (che allungano i tempi e tale fenomeno è in netto contrasto con le disposizioni europee) ma ha anche indicato che il sistema di incentivazione è sfavorevole per sviluppare il settore delle rinnovabili perché rende più conveniente investire in impianti di piccola dimensione (con una quota fissa di incentivo, per i grandi impianti è prevista una quota a “scaglioni decrescenti”). Altri motivi associati al ritardo che l'Italia ha avuto nella diffusione delle rinnovabili sono;
• il sistema monopolistico del settore energetico che l'ha caratterizzata per oltre quarant'anni (con ENEL) e che è stato troncato con le disposizioni della direttiva 2009/28/EC e con la liberalizzazione definitiva del mercato dell'energia prevista per il 30 Giugno 2019.
• una mancata inclinazione verso politiche ad hoc per sviluppare il settore delle rinnovabili con investimenti pubblici sufficienti.

Nelle politiche che sono state diffuse dall'UE fanno parte anche una serie di provvedimenti nel campo dei trasporti (sia pubblici che privati) per ridurre l'impatto ambientale. Sono state emanate svariate raccomandazioni ed avvisi per aumentare anche la consapevolezza degli stati membri che c'è bisogno di una “customer behaviour” che aiuti il raggiungimento degli obiettivi comuni con una responsabilizzazione ed informazione più efficiente dei cittadini europei rispetto al passato. Nel rapporto di Andrada Văsii (2017) si è anche considerate il livello di innovazione dei paesi europei e di come in parte questo abbia causato il ritardo in alcuni paesi europei nella diffusione delle nuove tecnologie per produrre energia rinnovabile. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Sviluppo dell’energia rinnovabile in Europa e obiettivi dell’UE nel settore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Viorel Sisto
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Antonella Palumbo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 37

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi