Skip to content

Il Servizio Idrico Integrato

Le regole dello Stato: fonte di obblighi per il gestore del servizio pubblico idrico integrato

Un servizio di interesse generale viene riconosciuto come tale solo se politicamente emerge la volontà di assoggettarlo a determinati obblighi. Se si vuole che i bisogni primari dei cittadini siano realmente soddisfatti, bisogna attribuire al soggetto che eroga il servizio determinati comportamenti e azioni specifiche (obblighi). Questo significa che l’attività del servizio idrico integrato deve essere condotta rispettando determinati vincoli. Lo Stato per salvaguardare l’interesse generale è legittimato ad introdurre disposizioni erga omnes ed ad agire in deroga al principio generale della libertà di stabilimento, previsto nel Trattato dell’Unione Europea.
Non si ha la pretesa di individuate tutte le disposizioni che in qualche modo regolano l’attività del servizio idrico integrato, ma è interessante delineare la funzione delle principali norme emanate in attuazione della normativa europea e che costituiscono le fonti di obbligo. Il rispetto degli adempimenti previsti significano garanzia per la nostra salute, sostenibilità ambientale, perseguimento dello sviluppo socio-economico e tutela del benessere collettivo.
Tra questi, il decreto legislativo n. 31 del 2 febbraio 2001 (modificato ed integrato dal D.L.vo n. 27del 2 febbraio 2002) emanato a seguito della direttiva 98/83/CE relativo alla qualità delle acque destinate al consumo umano e che le definisce come acque potabili impiegate in ambito domestico, per cucinare, per bere o per altri usi domestici, o quali acque utilizzate dalle imprese alimentari per la produzione di prodotti destinati al consumo umano; assegna al gestore del servizio idrico l’obbligo di garantire che i valori dei parametri, definiti nello stesso decreto, siano rispettati nel punto di consegna. Il controllo esterno sulla qualità delle acque fornite dal gestore spetta all’Azienda Unità Sanitaria Locale territorialmente competente.
Il D.Lgs. n. 31/2001, prevede l’istituto della deroga e come è già avvenuto in altre occasioni nel nostro paese applicando tale disposizione, si creano soluzioni di second best (di compromesso). I valori prefissati possono essere non rispettati anche per periodi di tempo piuttosto lunghi. I Comuni che non riescono a rispettare i parametri, chiedono la deroga alla Regione, la quale si rivolge al ministero della salute, il quale a sua volta richiede chiarimenti e pareri al Consiglio Superiore della Sanità, dando il via a procedimenti lunghi ma che in generale finiscono con l’approvazione della richiesta comunale. Si producono situazioni un po’ paradossali: è recente, primo settembre 2010, la notizia pubblicata sul “Sole 24 Ore” da G. Trovati dal titolo “Atrazina, boro, e clorito: Acque d’Italia in deroga” con la quale informa i lettori che dodici Comuni della Provincia di Roma vietano l’acqua del rubinetto ai minori di quattordici anni per via dell’atrazina in essa contenuta. Mentre in Sicilia il Ministero ha permesso che il parametro del vanadio presente nell’acqua dei rubinetti di molti comuni siciliani sia portato da 50 mg., massima quantità ammessa per il resto d’Italia, a 160 mg per tutto il 2011, in attesa di nuove infrastrutture; chissà se con il termine infrastrutture si intendono i soli depuratori. Sì, perché emblematico è il caso di Reggio Calabria, uno dei pochi Comuni che non ha mai chiesto deroghe: lì l’acqua potabile non esiste proprio!
E’ il caso di dire che il disegno normativo relativo all’organizzazione del servizio idrico sia solo apparentemente lineare. Nella realtà la sua applicazione è complessa. Le funzioni giuridico-amministrative, le verifiche ed i controlli ambientali e sanitari, si diramano però in una serie di “attori” con competenze dai confini non sempre precisi: se al gestore del servizio idrico integrato spetta il controllo interno, al Comune, alla Regione, all’A.U.S.L., al Ministero della Salute, al Consiglio Superiore della Sanità spettano altri compiti che vanno ad incidere su quello del primo.
La frammentazione di competenze e di “ruoli”, è secondo molti esperti un fattore molto critico: crea disordine e disomogeneità. Le conseguenze ricadono sia sulle imprese del settore che vedono crescere il loro rischio operativo sia sui cittadini che non si sentono adeguatamente tutelati.
Così se a Velletri, in provincia di Roma, i bimbi non possono bere l’acqua, in Romagna la scorsa primavera i primi cittadini dei Comuni di Ravenna, Lugo, Cervia, Cesena e Imola in rappresentanza dei 225 comuni serviti da Hera s.p.a., gestore locale del servizio idrico integrato, lanciano una massiccia campagna pubblicitaria dal titolo "Peccato non berla! La buona acqua di casa tua", esortando così i cittadini a bere l’acqua del rubinetto. In una nota del 5 maggio 2010 del sindaco del Comune di Lugo (RA) si legge: "L'acqua del rubinetto è buona, garantita, controllata ed economica. Berla consente di risparmiare - costa duecento volte meno di quella minerale - e fa bene all'ambiente: basti pensare alle tonnellate di bottiglie di plastica che finiscono in discarica e al fatto che bere un litro d'acqua del rubinetto in sostituzione di quella in bottiglia equivale ad evitare di percorrere quasi due chilometri in auto. Non berla è davvero un peccato”. Il Sindaco non solo si fa pubblicamente garante della qualità e salubrità dell’acqua consegnata nelle case ma promuove e sostiene allo stesso tempo obiettivi di tutela ambiente.
Il rispetto degli standard di qualità dell’acqua potabile contenuti negli allegati del suddetto decreto, individua uno dei compiti fondamentali del gestore a garanzia dell’interesse generale della comunità, ma a condizione che l’iter procedurale sia applicabile.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Servizio Idrico Integrato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Vilma Tesoriati
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Gestione Aziendale
  Relatore: Massimo Canali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

legge galli
monopolio naturale
investimenti
regolamentazione
servizio idrico integrato
ato
piano d'ambito
pubblica utilità
gestione pubblica
unbundling
contratto di servizio
concorrenza per il mercato
consumi idrici
sunk costs
decreto salvainfrazioni
economie di scala, di scopo, di densità
yardstick competion
forme di affidamento
gestione delegata
monopolio privato regolato
autorità d'ambito ottimale
tariffa reale media
gestione in house
comitato nazionale vigilanza risorse idriche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi