Skip to content

Analisi strutturale delle volte della basilica superiore di San Francesco in Assisi

Le strutture di controvento

La basilica superiore d'Assisi è dotata di strutture che garantiscono la stabilità dell'edificio nel caso d'azioni orizzontali, come le spinte statiche trasmesse dalle volte a crociera, il vento ed i terremoti. In quest'ambito le torri costituiscono punti di rinforzo distribuiti lungo la muratura perimetrale, sostenute dagli archi rampanti, che trasmettono le spinte della struttura ai contrafforti, i quali a loro volta le contrastano con il proprio peso.

La presenza delle torri ha contribuito a contenere lo spessore delle murature longitudinali, malgrado la loro aggiunta in un tempo successivo alla fabbrica5. Il ruolo dei suddetti elementi consiste nell'aumentare di molto il momento d'inerzia che, in senso trasversale, offrono i setti, impedendone di conseguenza il veleggiamento, dovuto alla loro notevole lunghezza libera d'inflessione.

In effetti, nonostante la scalatura degli spessori sia accortamente distribuita in elevazione6, l'altezza di ben 19.22 metri fra pavimento della basilica superiore e colmo delle volte a crociera, è tale per cui le murature longitudinali sono insufficienti a contenere le spinte delle volte ed i sovraccarichi dinamici.

Le torri, impostate su preesistenti spezzoni di contrafforti prismatici dell'originario impianto, hanno al piede materiale di riempimento con funzione di zavorra7, la cui importanza era ben nota ai costruttori del tempo8, e gravano su basamento proprio. Grazie a que-sto schema si contiene il sovraccarico sulle fondazioni della basilica.

Quelle della navata cominciano ben al di sopra del livello della basilica inferiore, e più precisamente al di sopra dei suoi pilastri. In effetti, essa non ha bisogno del loro sostegno, in quanto verso est poggia saldamente sulla roccia, nella quale rientra. Le torri servono, congiuntamente ai contrafforti, soltanto a proteggere le murature e le volte della basilica superiore, nonostante siano costruite con lo stesso materiale dell'edificio sottostante e, di conseguenza, l'occhio le collochi automaticamente nella parte portante e di sostegno dell'impianto.

Ciò significa anche che esse possono essere state erette soltanto durante l'arretramento dei pilastri della basilica superiore. Quest'operazione è stata tecnicamente senz'altro possibile, dato che i basamenti poggiano sulla parete della basilica inferiore, talmente spessa (circa 2 metri) da accogliere sia la muratura, sia le basi dei pilastri dell'edificio sovrastante. La chiusura verticale di entrambe le basiliche è quindi caratterizzata da un doppio passaggio: l'uno visibile, corrispondente al cammino di guardia, e l'altro non visibile, collocato a livello del pavimento che le divide.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi strutturale delle volte della basilica superiore di San Francesco in Assisi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Arnaldo Doricchi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Civile
  Relatore: Giorgio Croci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

terremoto
analisi strutturale
basilica san francesco assisi
terremoto assisi
analisi terremoto assisi
modellazione matematica basilica assisi
basilica assisi effetti terremoto
studio terremoto basilica assisi
effetti del terremoto
analisi matematica terremoto
sap 2000 terremoto
studio terremoto assisi
terremoto volta assisi
terremoto volta basilica analisi
comportamento volte basilica assisi
analisi comportamento basilica assisi terremoto

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi