Skip to content

Auditory-Motor Mapping Training: Esperienza clinica su un gruppo di soggetti con Disturbo dello Spettro dell'Autismo

Livello morfo-sintattico

Le competenze morfo-sintattiche sono molto variabili nell’ASD, tuttavia Wittke e colleghi mediante l’analisi di campioni di eloquio spontaneo hanno evidenziato la presenza di quattro gruppi significativi:

1. Bambini che sono rimasti non verbalizzati o minimamente verbalizzati all’età di 5 anni e che hanno prodotto un campione di eloquio spontaneo insufficiente alla valutazione;
2. Bambini che hanno mostrato abilità cognitive non verbali e lessicali-semantiche in norma, ma marcate difficoltà morfo-sintattiche;
3. Bambini che hanno presentato difficoltà cognitive non verbali, lessicali-semantiche e morfo-sintattiche: il campione di eloquio è ridotto ma strutturalmente povero di errori morfo-sintattici; inoltre, sono presenti comportamenti linguistici peculiari quali gergo ed ecolalia che, per l’appunto, risultano frequenti in bambini con scarsa produzione verbale;
4. Bambini con abilità linguistiche e cognitive non verbali appropriate per età.

Al di là di questa ricerca è frequente osservare un linguaggio spontaneo con strutture frasali ridotte e agrammatiche, che presentano caratteristiche tipiche quali omissioni o sostituzioni della morfologia verbale. In particolare quest’ultime sono riferite ai marcatori di tempo e accordo, nonché ai pronomi, quando si modifica il caso, il genere e il numero. A questo riguardo, un errore ricorrente è l’inversione pronominale, ovvero l’uso della seconda o terza persona al posto della prima, talvolta accompagnata anche dal riferimento a sé con il proprio nome piuttosto che con l’io. La difficoltà nell’uso di pronomi è generalmente vista come parte di una più ampia difficoltà con la deissi, l’aspetto linguistico che codifica il continuo cambiamento di ruoli tra parlante e ascoltatore. Si rileva anche la presenza di ecolalia differita, una caratteristica linguistica espressiva dell’ASD, che consiste nella ripetizione identica, in termini di elementi e intonazione, di un modello verbale a distanza di tempo dall’esposizione. Essa si realizza quando il bambino memorizza un gruppo di suoni di cui non è in grado di analizzare le singole componenti, che diventano inaccessibili a ulteriori elaborazioni e di conseguenza all’uso flessibile e creativo nell’eloquio spontaneo.
L’ecolalia differita spesso possiede uno scopo comunicativo, sebbene sia frequentemente inadeguato al contesto. Infine, il linguaggio dei soggetti con ASD può essere caratterizzato a livello morfo-sintattico da stereotipie verbali, ovvero la ripetizione continua e interferente di suoni, parole o frasi senza alcun apparente legame con il contesto comunicativo e che hanno la funzione di autostimolazione e autoregolazione emotiva.

• Livello pragmatico

«La pragmatica è l’abilità di capire e saper usare il linguaggio in contesti sociali e comunicativi.» La sua compromissione è distintiva dell’ASD. I bambini con Autismo ignorano le regole conversazionali (alternanza del turno, coerenza, pertinenza ed esaustività) che rendono la comunicazione linguistica uno strumento sociale, mostrandosi orientati più al contenuto che alla relazione.
Il motivo di quanto descritto risiede nel fatto che l’acquisizione delle competenze pragmatiche è strettamente connessa alla cognizione sociale. Infatti, nei soggetti con ASD si denota la mancanza di intersoggettività e di riconoscimento del valore sociale della comunicazione. In generale, è spesso descritta una difficoltà nella comprensione del linguaggio non letterale, tuttavia una recente ricerca suggerisce che questa non sia intrinseca nell’ASD, sostenendo la presenza di un deficit pragmatico selettivo che limita le capacità pragmatiche all’elaborazione egocentrica del contesto. In linea con questa interpretazione, le difficoltà pragmatiche non riguardano una generale incapacità di usare il contesto nell’interpretazione di un’espressione, ma le dimensioni intersogettive di uso del linguaggio, ovvero i processi pragmatici che richiedono uno spostamento di prospettiva. I soggetti con ASD presentano maggiori difficoltà quando è richiesta l’integrazione di feedback provenienti da più fonti per monitorare lo scambio sociale. In conclusione, il quadro delle competenze pragmatiche nell’ASD non è riducibile allo stereotipo “over-literal” e necessita di una maggiore attenzione per rispondere ai bisogni e alle esigenze dei soggetti con ASD.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Auditory-Motor Mapping Training: Esperienza clinica su un gruppo di soggetti con Disturbo dello Spettro dell'Autismo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Noemi Scarciofalo
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Logopedia
  Relatore: Anna Cinì
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 194

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
comunicazione
linguaggio
linguaggio
musica
musica
autismo
autismo
logopedia
logopedia
musicoterapia
musicoterapia
disturbo dello spettro dell’autismo
auditory-motor mapping training
disturbo dello spettro dell’autismo
inventario fonetico
auditory-motor mapping training
fonetico-fonologico
inventario fonetico
fonetico-fonologico
comunicazione
musica
musicoterapia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi