Skip to content

La disciplina degli accessi e delle verifiche fiscali e la tutela del contribuente

Lo Statuto dei diritti del contribuente: natura e funzioni

La legge 27 luglio 2000 n. 212, recante lo "Statuto dei diritti del contribuente", è senz'altro l'evento normativo più importante a cui si sia assistito in materia fiscale.
Non è possibile, pertanto, esimersi da una serie di considerazioni generali, svolte anche in senso critico, al fine di tracciare un bilancio sull'impatto che tale provvedimento ha avuto a sette anni dalla sua entrata in vigore.
Lo Statuto si innesta in un quadro normativo dal carattere alluvionale, caratterizzato dalla sovrapposizione di disposizioni settoriali, talora perfino contraddittorie e in evoluzione continua.
Il legislatore tributario, erroneamente convinto che l'art. 53 Cost. esprimesse una supremazia dell'interesse fiscale, ha sovente abusato dei propri strumenti, calpestando le ragioni del contribuente.
Tra le pessime abitudini legislative, era consueto ritrovare disposizioni tributarie sparse in provvedimenti disciplinanti altre materie, norme eterogenee inserite in uno stesso documento e con titolazione generica, rinvii ad altre disposizioni, modifiche repentine, abrogazioni tacite, e soprattutto, applicazioni retroattive della legge tributaria in senso sfavorevole al contribuente.
Particolarmente significativo, se non bastasse, è stato l'abuso che i governi hanno fatto del decreto legge, al fine di istituire nuovi tributi, benché non ricorressero i presupposti di necessità e urgenza richiesti dalla Costituzione.
Scrive, in proposito, uno dei più fervidi sostenitori dello Statuto che "il Governo, o meglio la burocrazia, scriveva la legge impositiva, nuotando nell'abuso dei decreti-legge, la interpretava e la imponeva con le proprie circolari, la applicava con i propri atti di accertamento, la modificava continuamente, ancora per decreto legge e, se su qualche grossa questione di principio si trovava soccombente, invocava e otteneva una norma "interpretativa". D'altro canto una normativa casistica, rinnovantesi giorno dopo giorno, ottundeva (come scriveva Enrico De Mita) il controllo giurisdizionale, il ruolo nomofilattico della Corte di Cassazione – che, per effetto delle consistenze, allora abnormi, del contenzioso, interveniva a distanza di anni, e quindi a "cose fatte", quando l'interpretazione più non era diritto vivente - e rendeva sempre più difficile il controllo, ex post, della Corte costituzionale costituendo uno splendido alibi per chi tutto intendeva giustificare invocando una supposta ragione fiscale o la specificità delle leggi tributarie".

La c. d. "pressione legislativa", alimentava il clima di tensione e diffidenza tra fisco e cittadino, rendendo difficoltoso l'adempimento degli obblighi tributari.
Lo Statuto nasce proprio col compito di alleviare tale pressione legislativa, rendendo più stabile e facilmente conoscibile l'ordinamento tributario. Con sintesi felice, la dottrina ha affermato che "il contribuente trova nella ripetitività dei comportamenti quelle certezze che nessuna consulenza, per quanto qualificata, è in grado di assicurare".
Non è un caso che la naufragata riforma del sistema fiscale, (legge delega n. 80/2003) col proposito di creare un codice tributario articolato in una parte generale e in una parte speciale, richiamava proprio i principi della legge 212/2000. Dal punto di vista sistematico, lo Statuto, prevede: principi generali (art. 1); norme che limitano il legislatore tributario (artt. da 2 a 4); norme che pongono obblighi in capo all'Amministrazione finanziaria e di converso garanzie al contribuente ( artt. da 5 a 9); norme che sanciscono diritti del contribuente (artt. da 10 a 15); disposizioni di esecuzione (artt. da 16 a 21).
L' art. 1 c. 1, recita che "le disposizioni della presente legge, in attuazione degli artt. 3, 23, 53 e 97 Cost. costituiscono principi generali dell'ordinamento tributario e possono essere derogate o modificate solo espressamente e mai da leggi speciali".
Dal dettato normativo, la Cassazione ha enucleato quattro enunciati cardine dal punto di vista delle fonti: 1) l'autoqualificazione delle disposizioni statutarie come attuative della Costituzione; 2) la definizione di tali norme come principi generali dell'ordinamento tributario; 3) il divieto di apportare allo Statuto deroghe o modifiche tacite; 4) il divieto di deroghe o modifiche mediante leggi speciali.
La stessa Corte, smentendo i detrattori dello Statuto, ha aggiunto che "il tratto comune ai quattro distinti significati della locuzione principi generali dell'ordinamento tributario è costituito, quanto meno, dalla superiorità assiologica dei principi espressi o desumibili dalle disposizioni dello Statuto e, quindi, dalla loro funzione di orientamento ermeneutico, vincolante per l'interprete (…) il dubbio interpretativo o applicativo sul significato e sulla portata di qualsiasi disposizione tributaria che attenga ad ambiti materiali disciplinati dalla legge n. 212/2000 deve essere risolto dall'interprete nel senso più conforme ai principi statutari".
In altre pronunce, la Cassazione, ha ribadito che " ogni qual volta una normativa fiscale sia suscettibile di una duplice interpretazione, una che ne comporti la retroattività ed una che l'escluda, l'interprete dovrà dare preferenza a questa seconda interpretazione come conforme a criteri generali introdotto con lo statuto del contribuente".

Reagendo direttamente a quel disagio normativo di cui si detto, lo Statuto ha previsto all'art. 3, che le disposizioni tributarie non hanno effetto retroattivo, fatte salve le norme interpretative, che possono essere adottate solo in casi eccezionali e con legge ordinaria, qualificando come tali le norme di interpretazione autentica.
Al fine di ricondurre il decreto legge nell'alveo dell'art. 77 Cost., l'art. 4 ha statuito che non si può disporre con decreto legge l'istituzione di nuovi tributi né prevedere l'applicazione di tributi esistenti ad altre categorie di soggetti. L'art. 2, è senz'altro un contributo notevole alla chiarezza delle disposizioni tributarie, prevedendo, in sintesi, che:

- gli atti contenenti disposizioni tributarie devono menzionarne l'oggetto nel titolo

- le leggi che non hanno oggetto tributario, non possono contenere disposizioni a carattere tributario

- il richiamo ad altre disposizioni deve indicare anche il contenuto delle stesse

- le disposizioni modificative di leggi tributarie debbono essere introdotte riportando il testo modificato

Non è oggetto di questa trattazione approfondire i principi dello Statuto. Invece, è utile una considerazione critica, poiché il problema dello Statuto è quello della sua concreta applicazione.
Si è notato come lo Statuto, pur essendo sulla strada giusta, abbia patito ripetute violazioni. In primo luogo, ciò avviene, per la collocazione che esso ha nella gerarchia delle fonti, trattandosi di legge sostanzialmente costituzionale, ma formalmente ordinaria, quindi derogabile dal legislatore ( come puntualmente è avvenuto anche di recente, sia con la legge finanziaria per il 2005 che col c. d. decreto Bersani). Peraltro, l'adozione dello Statuto con legge costituzionale, ne avrebbe quasi di sicuro rinviato sine die l'approvazione.
In secondo luogo, le inefficienze dell'amministrazione finanziaria e le esigenze di gettito, inducono il Governo, con l'avallo del Parlamento, a tradire lo spirito statutario.
Il risultato è una dicotomia: da una parte la Corte di Cassazione che valorizza lo Statuto in tutti i suoi aspetti, dall'altra la prassi amministrativa che tenta di darne un'interpretazione restrittiva.
In modo emblematico è stato scritto che "allo stato delle cose il bilancio è alquanto deludente ( se si salva la coraggiosa e lungimirante giurisprudenza della Cassazione): una serie di deroghe che impressionano non solo per la loro quantità, ma per la loro qualità, per l'interpretazione disinvolta del concetto di deroga". Occorre ricordare che lo Statuto, si inserisce in un tessuto normativo costituito dai decreti sull'Iva e sulle imposte dirette, nonché sulla prassi consolidata degli uffici, sicché risulta facile immaginare come i retaggi del passato abbiano ostacolato la sua concreta applicazione.
Nell'ambito delle verifiche, che qui ci interessano, è importante notare l'atteggiamento difensivo della G. d. F, nell'adeguare le istruzioni agli operatori. Il Comando Generale sostiene, infatti, che molti dei principi statutari erano già stati anticipati in via amministrativa, e che, con lo Statuto, il legislatore si prefigge di "confermare e rafforzare il modello logico-funzionale delle relazioni tra gli organi di controllo ed i soggetti controllati".
In modo particolare, si devono esaminare i problemi applicativi collegati all'art. 12 della l. 212/2000, disposizione che fissa i diritti e le garanzie del contribuente sottoposto a verifica fiscale.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La disciplina degli accessi e delle verifiche fiscali e la tutela del contribuente

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Rovello
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Gianni Marongiu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

statuto del contribuente
tutela del contribuente
verifiche fiscali
accessi fiscali

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi