Skip to content

La Mole Antonelliana e il Museo Nazionale del Cinema di Torino. Dalla storia ad un nuovo progetto di identità visiva

Manuale di identità visiva

Il manuale di Identità visiva è uno strumento di consultazione nel quale cercare gli elementi che occorrono, trovandoli direttamente o individuando nella stessa famiglia la soluzione allo specifico problema.
Il manuale presenta in forma organica il sistema di comunicazione visiva, ne indica le componenti e fissa per ognuna di esse i modi per una corretta e uniforme applicazione. Il documento è stato realizzato perché il valore degli elementi contenuti al suo interno si conservi integro e inalterato nel tempo, dunque va rigorosamente rispettato, senza possibilità di adattamenti e interpretazioni personali.

La sua impostazione è tale da consentire agevolmente le integrazioni che si possano rendere necessarie, senza compromettere le regole grafiche generali.
Rispettare le indicazioni, applicarle in modo corretto e curare la qualità delle realizzazioni sono le tre regole fondamentali perché si possa tradurre in realtà il progetto d’immagine e conservare nel tempo i risultati raggiunti.

Marchio
Il marchio di una società è il componente più importante dell’immagine, il mezzo più rapido d’informazione. Il marchio è la raffigurazione simbolica di un’azienda, è il suo “segno”.
È il marchio che più di ogni altro elemento contribuisce a dare unitarietà agli elementi eterogenei dell’immagine. Per questo deve rimanere immutabile nel tempo il più a lungo possibile.
Sono le impressioni, coscienti o meno, provocate dal marchio che, sommandosi nel tempo ad altri elementi, (qualità del servizio, notorietà, pubblicazioni) formano nella mente dell’utente l’immagine stessa dell’azienda.

Il marchio attuale del Museo Nazionale del Cinema si presenta con una parte figurativa, le iniziali "MNC", e una denominativa, il logotipo con il nome dell'ente per esteso.
Nel processo di rivisitazione del marchio sono state mantenute alcune caratteristiche, come ad esempio i tre colori primari e il logotipo "Museo Nazionale del Cinema", quest'ultimo modificato soltanto del carattere tipografico. Altre, invece, sono state cambiate.
Il principale rinnovamento è dovuto ad una rappresentazione maggiormente simbolica della parte figurativa, ovvero la stilizzazione dei due elementi che la compongono, la Mole Antonelliana e la bobina di pellicola. Tale scelta è stata fatta per rendere più riconoscibile a tutti l'"immagine" di un ente importante come il Museo Nazionale del Cinema e, soprattutto, per facilitare la memorizzazione del marchio istituzionale grazie alla raffigurazione iconica dei due elementi caratterizzanti.
Un'altra modifica effettuata è stata sulla tonalità cromatica: sono state mantenute le basi dei colori istituzionali del marchio attuale, scurendo solamente la gradazione per renderlo meno saturo e sgargiante.
Infine, l'ultimo cambiamento è stato il posizionamento del logotipo rispetto alla parte figurativa, ovvero disposto a destra, di fianco ai due elementi caratterizzanti del marchio.

La parte figurativa del marchio è composta da due elementi stilizzati, la Mole Antonelliana e la bobina di pellicola.
Tali elementi sono stati scelti in quanto caratterizzanti del Museo Nazionale del Cinema, dal momento che esso si colloca all’interno della Mole Antonelliana, nel centro della città di Torino. La figura è progettata in modo tale che i due elementi si incastrino tra loro in modo da formare un unico disegno compatto e uniforme.
La bobina è collocata nella parte inferiore appunto per rappresentare la “zona museale” della Mole, in quanto essa comincia proprio dal piano terra per concludersi ai primi piani della struttura. Al di sopra vi è la cupola della Mole, divisa in due parti speculari da una sezione trasparente la quale simboleggia l’ascensore in vetro con cui i visitatori possono salire fino alla terrazza panoramica.

Elementi costitutivi marchio
Il marchio è composto da due elementi figurativi, la Mole Antonelliana e la bobina di pellicola, più il logotipo “Museo Nazionale del Cinema”.
Gli elementi figurativi sono costruiti mediante disegni geometrici come ellissi, cerchi, rettangoli. Inoltre, sono state utilizzate linee rette e oblique per ricreare le forme architettoniche della Mole.
Il marchio finale viene dunque ultimato affiancando la parte figurativa al logotipo, per poi essere trasferito su un reticolo formato da 23 quadrati di base e 18 di altezza. Tale costruzione deve essere impiegata in tutti i casi di ingrandimento e riduzione del marchio.

Costruzione marchio
Il marchio può essere utilizzato in tre differenti varianti, a patto che vengano rispettate le caratteristiche e le corrette applicazioni.

1. Completo: composto dagli elementi figurativi, ovvero la Mole Antonelliana e la bobina di pellicola, più il logotipo “Museo Nazionale del Cinema”;
2. Figurativo: composto solo dalla parte figurativa;
3. Denominativo: composto solo dal logotipo.

L’area di rispetto indica il minimo spazio necessario che deve esserci tra il marchio e gli altri elementi quali margini, testo, immagini, ovvero lo spazio entro il quale non devono entrare e interferire altri oggetti.
Il perimetro di quest’area è ottenuto dal tratto “X”, il cui lato equivale a 1/11 della larghezza complessiva del marchio.

Tale misura viene impiegata anche per l’area di rispetto del marchio quando è utilizzato nelle sue varianti, ovvero:
• composto solo dalla parte figurativa (Mole Antonelliana e bobina di pellicola);
• composto solo dalla parte del logotipo (Museo Nazionale del Cinema).
[...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Mole Antonelliana e il Museo Nazionale del Cinema di Torino. Dalla storia ad un nuovo progetto di identità visiva

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michele Basile
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2017-18
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Progettazione Artistica per l'Impresa
  Relatore: Tiziana Contino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 193

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi