Skip to content

Phantastica: Il Potenziale Terapeutico degli Psichedelici

MDMA per il PTSD: Presente e Futuro

Il Disturbo da Stress Post-Traumatico (Post Traumatic Stress Disorder, PTSD), è una forma di disagio mentale che si sviluppa in seguito a esperienze fortemente traumatiche.
Definito e studiato negli Stati Uniti soprattutto a partire dalla guerra del Vietnam e dai suoi effetti sui veterani, riproposti poi in tutte le più recenti esperienze belliche, il PTSD può manifestarsi in persone di tutte le età, dai bambini e adolescenti alle persone adulte, e può verificarsi anche nei familiari, nei testimoni, nei soccorritori coinvolti in un evento traumatico. Il PTSD può derivare anche da una esposizione ripetuta e continua a episodi di violenza e di degrado.

Secondo il National Institute of Mental Health (NIMH) statunitense, una caratteristica del PTSD è il fatto che la vittima rivive ripetutamente l'esperienza traumatizzante sotto forma di flashback, ricordi, incubi o in occasione di anniversari e commemorazioni. Le persone affette da PTSD manifestano difficoltà di controllo delle emozioni, irritabilità, rabbia improvvisa o confusione emotiva, depressione e ansia, insonnia, ma anche la determinazione a evitare qualunque atto che li costringa a ricordare l'evento traumatico.
Un altro sintomo molto diffuso è il senso di colpa, per essere sopravvissuti o non aver potuto salvare altri individui. Dal punto di vista più prettamente fisico, alcuni provano dolori al torace, capogiri, problemi gastrointestinali, emicranie, indebolimento del sistema immunitario.
Come riportato dalla pubblicazione di Feduccia e Mithoefer "MDMA-assisted psychotherapy for PTSD: Are memory reconsolidation and fear extinction underlying mechanisms?" (148), le terapie basate sull'esposizione utilizzate per trattare la PTSD si basano sul ricordo degli eventi traumatici e sull'esposizione a input ("triggers") correlati ai traumi; l'obiettivo è quello di estinguere la paura correlata agli input associati al trauma.

Alcuni pazienti sperimentano una riduzione dei sintomi della PTSD dopo il trattamento con questa modalità di psicoterapia, sebbene il 40-60%dei pazienti non risponda adeguatamente ad essa (149-151). Il distacco emotivo, la frammentazione dei ricordi traumatici o l'incapacità di completare le sessioni a causa dell'incapacità di tollerare il resperimentare il contenuto emotivo traumatico potrebbero contribuire alla mancata risposta e agli alti tassi di abbandono del trattamento (148)
Negli ultimi 2 decenni, solo 2 farmaci (paroxetina e sertralina) sono stati approvati per il trattamento della PTSD; entrambi hanno comunque dimostrato un'efficacia limitata (152,153)
Tuttavia, anche dopo molteplici trattamenti diversificati di psicoterapia, il PTSD rimane spesso una malattia cronica, con alti tassi di comorbilità psichiatrica e medica (154). Come riportato da Steenkamp et al., 2015,(155) i tassi di mancata risposta sono elevati e molti pazienti continuano a presentare sintomi; gli interventi terapeutici attuali mostrano risultati marginalmente migliori rispetto alle condizioni di controllo.
Poiché l'MDMA potenzia il rilascio di monoammine e la psicoterapia si basa sull'elaborazione di memorie traumatiche, è possibile che l'MDMA possa anche ridurre i sintomi della PTSD attraverso un riconsolidamento alterato della memoria o promuovendo l'apprendimento e la memorizzazione dell'estinzione della paura.

Come discusso chiaramente ed in maniera approfondita da Samorini e D'Arienzo nel loro libro "Terapie Psichedeliche" (179), il riconsolidamento della memoria ed estinzione della paura sono due processi distinti (156) e la psicoterapia assistita da MDMA può teoricamente avere come bersaglio entrambi i processi.
Il termine riconsolidamento della memoria descrive un tipo di neuroplasticità che comporta il processo di riattivazione, destabilizzazione e "aggiornamento" di un ricordo con informazioni aggiuntive; durante una seduta psicoterapeutica con MDMA, per un periodo di tempo limitato, il ricordo traumatico rievocato può entrare in uno stato labile che può essere modificato e riconsolidato. Quando i ricordi traumatici vengono riesumati sotto l'influenza dell'MDMA durante la seduta, l'assetto neurochimico dato dalla sostanza, in associazione con il setting terapeutico di supporto, genera un'alterazione dei correlati emotivi del ricordo: questo parziale disaccordo tra il richiamo alla memoria del ricordo traumatico, generante uno stato di forte paura ed ansia, e lo stato indotto dall' MDMA, denso di emozioni positive, permette una sorta di aggiornamento positivo del primo. Il ricordo viene quindi aggiornato con nuove informazioni basate sulla prospettiva attuale dell'individuo, per diminuire la percezione fortemente negativa che innesca i sintomi del PTSD. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Phantastica: Il Potenziale Terapeutico degli Psichedelici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pietro Dell'Acqua
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Farmacia
  Corso: Farmacia
  Relatore: Annalisa Barbieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mdma
depressione
lsd
funghi allucinogeni
mescalina
ptsd
allucinogeni
psichedelici
psilocibina
sostanze psichedeliche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi