Skip to content

Mediazione: costrutto in fieri. Breve analisi del testo prodotto dal polo dialogico del legislatore

Mediazione: ''tra'' arbitrato e negoziazione assistita

In questa sezione si pone un confronto, molto presente nella letteratura di riferimento, tra la mediazione e i due istituti previsti quali sistemi alternativi da parte del legislatore: arbitrato e negoziazione assistita. L'arbitrato precede nella cronologia la mediazione e l'utilità generata dal confronto è ravvisabile per una allocazione della seconda nell'alveo del complesso delle ADR.
L'arbitrato costituisce uno strumento privato di risoluzione delle controversie facoltativo ed alternativo rispetto alla giurisdizione ordinaria.

Consente alle parti di scegliere un arbitro o un collegio di arbitri, grazie ad una clausola specifica contenuta nel loro contratto o attraverso apposita convenzione.
Verte su conflitti-controversie riguardanti diritti disponibili. Il codice lo definisce a livello normativo similmente ad un processo giudiziario, ma non avviene presso un giudice, avviene direttamente a livello di communitas nonostante i limiti legislativi imposti, rappresentando così una deroga al principio del monopolio statale della giurisdizione. La differenza sostanziale tra arbitrato e mediazione è data dal fatto che quest'ultima è un procedimento non decisorio nel quale il mediatore non può mai decidere in sostituzione del giudice o delle parti...le parti sono sempre e comunque libere di iniziare un giudizio e quindi libere di non accogliere alcun tipo di proposta o indicazione.
Per definizione trattasi di un procedimento non decisorio (di norma a livello di societas i procedimenti sono decisori), che può diventare anche valutativo quando il mediatore non si limita ad accompagnare le parti che responsabilmente governano la loro interazione verso l'accordo amichevole, ma si spinge a formulare una proposta. In questo caso, come su affermato, deve palesemente esprimere un giudizio e quindi si sposta dalla funzione di garante imparziale della mediazione aduna funzione para-meta-ultra decisoria: quindi si può distinguere una mediazione facilitativa e una valutativa (anche questa non può mai essere decisoria).
L'arbitrato, di contro, è un procedimento decisorio. Si tratta di un procedimento nel quale le parti delegano qualcun altro a individuare la soluzione del conflitto controversia e ad applicarla con efficacia vincolante. Quindi, mentre la mediazione non ha a che vedere con i procedimenti decisori giurisdizionali, al contrario, l'arbitrato è un procedimento di tipo decisorio giurisdizionale. Non è affidato all'istituzione giudiziaria, ma con il processo condivide la funzione decisoria e la natura decisoria del procedimento. Questo porta l'arbitrato rituale ad essere un procedimento sovrapponibile ad una funzione decisoria giurisdizionale anche se caratterizzato dall'appartenere all'autonomia privata. Le parti sono libere di scegliere un soggetto privato e non un giudice.
In altri termini, il legislatore, con l'introduzione dell'arbitrato, ha permesso che le regole normative della giustizia siano applicate da terzi per volontà contrattuale delle parti, semplicemente applicando le formalità previste dalla disciplina di rito. Incarnando nella formula la traslazione del giuridico nella communitas. Anche se occorre una precisazione, oltre all'arbitrato rituale, si contempla una forma di arbitrato irrituale (art. 808 ter cpc ) che permette di operare in maniera informale nella scelta degli esiti, cioè seguendo le indicazioni delle parti e non la normativa di merito, ma che produce un risultato diverso, in quanto la decisione non assume valore di provvedimento giudiziale ma di mero atto negoziale, basato sulla fiducia reciproca delle parti.
Mentre il risultato dell'arbitrato rituale è il lodo arbitrale che ha effetto esecutivo immediato,simil sentenza: può essere impugnato con i mezzi previsti dal codice; può essere eseguito coattivamente; può essere annullato attraverso richiesta al giudice in base alla normativa. Da notare il ricorso all'arbitrato preclude l'accesso alla giustizia ordinaria, contrariamente alla mediazione. In sostanza l'arbitrato, ai nostri giorni, ha un rapporto con la giustizia ordinaria di semi-equivalenza, la mediazione operando nella communitas dovrebbe mantenere un rapporto di alternatività.
Altro confronto utile è, come anticipato, quello con la negoziazione assistita, l'ultimo istituto generato dalla lettera del legislatore (dlgs 132/2014, convertito in l 162/2014)traendo ispirazione dall'analogo modello francese. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Mediazione: costrutto in fieri. Breve analisi del testo prodotto dal polo dialogico del legislatore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Pisano
  Tipo: Tesi di Master
Master in La mediazione come strumento operativo all'interno degli ambiti familiare, penale, comunitario, civile e commerciale
Anno: 2016
Docente/Relatore: Gian Piero Turchi
Istituito da: Università degli Studi di Padova
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 32

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arbitrato
conciliazione
mediazione dialogica
legge n.28 del 2010
negoziazione assistita
verbale di conciliazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi