Skip to content

La psicologia clinica dello sport fra cultura occidentale ed orientale

Meditare può esserci d’aiuto?

Numerose ricerche hanno mostrato degli effetti postivi riguardanti la pratica meditativa, ma il ricorso ai ricercatori scettici è solo uno dei tanti modi per minimizzare i rischi legati ai pregiudizi nella sperimentazione. Un altro è quello di studiare un gruppo di persone alle quali vengono presentati le pratiche e i benefici della meditazione, ma senza dar loro istruzioni, o meglio ancora, un “controllo attivo”, dove un gruppo si impegna in un’attività diversa dalla meditazione con la convinzione che porterà loro dei benefici (come l’esercizio fisico). Nel regno della mente, così come in ogni altro campo, ciò che facciamo determina ciò che otteniamo. Per dirla in breve, la “meditazione” non è una singola attività ma tutto può essere meditativo, un’ampia gamma di pratiche, ognuna delle quali agisce nel suo particolare modo sulla mente e sul cervello.

“Ogni cosa che facciamo, che sia grande o piccola, è solo un ottavo del problema” ricordava un abate cristiano ai suoi compagni monaci, “mentre rimanere non turbati anche se non dovessimo riuscire nel nostro compito rappresenta gli altri sette ottavi.” Arrivare ad una mente non turbata è uno degli obiettivi più importanti della meditazione in tutte le grandi tradizioni spirituali. L’opposto di una mente serena sono le angosce che la vita ci porta: preoccupazioni per i soldi, troppo lavoro, problemi familiari o di salute. In natura, gli episodi di stress, come l’incontro di un predatore, sono temporanei, cosa che dà al corpo il tempo per riprendersi; nella vita moderna, invece, i fattori di stress sono perlopiù psicologici, non biologici, e possono essere continui (anche se solo nei nostri pensieri), come un capo terribile sul lavoro o un guaio in famiglia. Tali fattori di stress psicologico innescano le medesime reazioni biologiche di quello fisico; e se queste durano troppo a lungo, possono farci ammalare. La nostra vulnerabilità alle malattie aggravate dallo stress riflette il lato negativo del design del nostro cervello. Il lato positivo è quello delle glorie della corteccia cerebrale umana, che ci ha permesso di costruire le civiltà e il computer su cui è stato scritto questo testo. Tuttavia, il centro esecutivo del cervello, localizzato dietro la fronte nella nostra corteccia prefrontale. Ci dà sia un vantaggio unico fra tutti gli animali, sia un paradossale svantaggio: la capacità di anticipare il futuro, e quindi preoccuparci in proposito, e di pensare al passato, e quindi pentirci.

Come disse secoli fa il filosofo greco Epitteto, a sconvolgerci non sono le cose che ci capitano, ma il modo in cui le prendiamo; i fatti che succedono sono di per sé neutri, siamo noi che li coloriamo di bianco o di nero. Un’idea, questa, che è stata espressa in tempi più moderni dal poeta Charles Bukowski: non sono le grandi cose a farci impazzire, ma “il laccio della scarpa che si rompe proprio quando non abbiamo tempo”. I dati scientifici riportano che quanto più percepiamo queste scocciature nelle nostre vite, tanto più i livelli dei nostri ormoni dello stress salgono; la questione è un po’ inquietante, in quanto il cortisolo, in eccesso, ha impatti deleteri per l’organismo. La meditazione può esserci d’aiuto? Dal 1974 ad oggi le prove sono cresciute a dismisura, e la MBSR è in cima alla lista delle pratiche di meditazione sottoposte a esami scientifici; essa è forse la forma di meditazione più diffusa: viene insegnata in tutto il mondo, e non solo in cliniche e ospedali, ma anche nelle scuole e nelle aziende. Uno dei molti benefici che le vengono attribuiti è quello di migliorare il modo in cui le persone riescono a gestire il loro stress. L’amigdala, che riveste un ruolo privilegiato in queste ricerche in quanto radar del cervello per le minacce, riceve un input immediato dai nostri sensi, che controlla continuamente alla ricerca di segnali di sicurezza o di pericolo. Se percepisce una minaccia, il circuito dell’amigdala innesca la risposta “bloccati, combatti, fuggi” del cervello, con un flusso di ormoni (come cortisolo e adrenalina) che ci mobilitano per l’azione. L’amigdala risponde inoltre a qualunque cosa a cui sia importante prestare attenzione, che sia per noi piacevole o spiacevole. Essa si trova in forte connessione con i circuiti cerebrali da cui dipendono sia la concentrazione dell’attenzione sia le reazioni emotive intense. Questo duplice ruolo spiega perché, quando siamo in preda all’ansia, siamo anche molto distratti, soprattutto da quelle cose, qualunque siano, che ci stanno rendendo ansiosi. Come radar del cervello per le minacce, l’amigdala tiene inchiodata la nostra attenzione su ciò che trova disturbante; così, quando qualcosa ci preoccupa o ci turba, la nostra mente continua a ritornarci sopra, anche fino al punto di fissarsi su di essa.

Secondo alcuni studi di scansione cerebrale su meditatori esperti, mostrano che i loro cervelli hanno una connettività operativa più forte tra la corteccia prefrontale, che gestisce la reattività, e l’amigdala, che le innesca. E, come i neuroscienziati sanno, quanto più è forte quel particolare collegamento nel cervello, tanto meno una persona verrà dirottata da ogni sorta di alto e basso emotivo. Ciò implica che quando le cose si fanno difficili, per esempio a seguito di una grave vicissitudine come la perdita del lavoro, ecc., i meditatori di vecchia data avranno una maggiore capacità di gestire lo stress (che dipende dal “collegamento” amigdala-prefrontale) rispetto alle persone che si sono limitate a seguire un addestramento MBSR o ai non praticanti. La buona notizia è che questa resilienza può essere appresa; ciò che non si sa, però, è quanto a lungo questo effetto può durare: il sospetto è che avrebbe vita breve se non si continuasse a praticare, in quanto la continuità è la chiave per trasformare uno stato in un tratto (Goleman, 2018).

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La psicologia clinica dello sport fra cultura occidentale ed orientale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Antonelli
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Vincenzo Amendolagine
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sport
neuroni
cervello
mente
presenza
connessione
corpo
capacità
coordinazione
rilassamento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi