Skip to content

Felicità e virtù in Plotino

Metafisica plotiniana: la dottrina dei tre principi

Plotino, lo abbiamo detto più volte presenta sé stesso come fedele esegeta di Platone e attribuisce a lui la paternità delle sue tesi più importanti, tra queste vi è certamente la dottrina dei tre principi, più comunemente noti con il termine di “ipostasi”: Uno, Intelletto e Anima, che governano la realtà e corrispondo a diversi gradi di unità (i Padri della chiesa tra l’altro crederanno di trovare nella teoria dei principi metafisici plotiniani chiari rimandi alla dottrina della Trinità, sebbene le tre ipostasi plotiniane, come vedremo siano molto diverse dalle tre persone della Trinità cristiana).

Unità d’altronde è una parola chiave nella filosofia di Plotino, egli infatti, pur muovendo dalla molteplicità delle cose pone immediatamente come loro condizione l’unità; d’altronde senza unità la molteplicità sarebbe impensabile. Di più, il grado di unità di un dato ente per Plotino è indicativo del suo valore ontologico.

Detto in altri termini: tanto più un ente è compatto e unitario nella sua struttura, tanto più vale da un punto di vista ontologico, e tanto più in alto si colloca nella scala dell’Essere. In effetti, la scala gerarchica plotiniana è concepita in modo tale che, in basso si colloca sempre la molteplicità, in alto l’unità, quindi, più in basso si procede nella scala gerarchica più si avrà a che fare con realtà complesse e attraversate dalla molteplicità, viceversa più si procederà verso l’alto più si avrà a che fare con realtà semplici e unitarie, fino a giungere al principio più semplice e unitario di tutti: l’Uno, il principio primo di tutto.

Possiamo dire quindi che l’unità svolge nel sistema plotiniano una duplice funzione: ontologica e assiologica; ontologica in quanto è criterio di una gerarchia dell’essere, assiologica in quanto è criterio di una gerarchia di valore: quanto più un ente è unitario nella sua struttura tanto più è, e vale. Esistono tuttavia diversi gradi di unità, e l’unità più profonda come vedremo è quella dell’Uno, che è causa e radice di ogni unità.
È possibile rintracciare fin d’ora un elemento di novità rispetto alla tradizione platonica, in riferimento al diverso modo di intendere il rapporto ontologicamente intimo tra: unità e molteplicità. Tanto per Platone quanto per Plotino si tratta di risolvere il molteplice nell’unità, il modo in cui lo fanno tuttavia è radicalmente diverso. Per Platone il rapporto molteplicità-unità, si risolve nel mondo intelligibile del pensiero: l’idea di uomo unisce tutti gli uomini; la molteplicità sensibile si risolve dunque nell’unità intelligibile.
Il pensiero in cui Platone risolve la molteplicità tuttavia, osserva Plotino, è a sua volta duale, in quanto ammette il pensante e il pensato; pertanto, l’unità in cui Platone risolve la molteplicità sensibile è fittizia. Deve esservi dunque un’unità superiore a quella dello stesso pensiero, e tale unità per Plotino non può che essere l’Uno, il principio primo, al di là del quale non vi è nulla di più unitario, e dal quale derivano i molti, secondo un processo che verrà precisato in un secondo momento.

Plotino situa dunque al vertice della realtà un principio assolutamente semplice e omogeneo, al di là di ogni cosa, persino dell’essere e del pensiero, poiché è causa dell’essere e del pensiero, e per Plotino ciò che è causa deve essere radicalmente distinto da ciò di cui è causa. È il noto principio dell’eterogeneità della causa precedentemente menzionato.
Più volte inoltre Plotino definisce il primo principio come dunamis pantôn: “[…] potenza di tutte le cose, senza la quale nulla esisterebbe […]”, anche se usa dunamis in un senso specifico. Egli distingue infatti, l’essere in potenza di matrice aristotelica, intesa come la capacità che un dato ente ha di diventare qualcosa, dall’essere potenza inteso invece come potenza attiva e generatrice. L’Uno è dunque potenza in quest’ultimo senso, nel senso cioè di essere un’infinita potenza generatrice che produce ogni cosa essendo radicalmente distinta da ciò di cui è causa. In effetti, l’Uno può generare ogni cosa proprio in quanto non è nulla di ciò che deriva da esso28; ciò che genera deve essere infatti totalmente scevro di caratteri, poiché se li avesse non sarebbe sufficientemente distinto da ciò di cui è causa, cesserebbe dunque di essere il primo principio e non potrebbe generare ogni cosa.

La potenza generatrice dell’Uno deriva pertanto dal suo essere estraneo, distinto da tutto, e al contempo presente in tutto grazie alla sua causalità. In tal senso Plotino afferma anche che l’Uno è “infinito” (apeiron); la sua infinità tra l’altro tradisce in qualche modo la tradizione greca che concepiva negativamente l’infinità intendendola come sinonimo di incompletezza e imperfezione. In Plotino tuttavia l’infinitudine acquista una connotazione positiva, venendo a indicare una potenza illimitata. L’Uno infatti non è infinito in termini spaziali o matematici, come avevano al tempo concepito l’infinità alcuni filosofi naturalistici, bensì è infinito poiché la sua potenza non è circoscritta. Non è dunque infinito perché eternamente grande, ma perché eternamente potente. Intendere l’Uno come infinita potenza significa dunque intenderlo come illimitata energia creatrice. Essendo infinito inoltre, l’Uno è anche “amorphos”, privo cioè di forma e figura, e poiché laddove non c’è forma non c’è neppure essere o essenza, l’Uno è al di là di ogni determinazione quantitativa e spazio-temporale.

Siamo dunque in presenza di un principio altamente paradossale, che è tutto senza essere niente, che è principio di pensiero ma non è pensiero a sua volta, ragion per cui è possibile parlare dell’Uno solo tramite analogie e metafore, alludendo ad esso senza esibirlo. Del primo principio non è possibile affermare nessun contenuto, poiché nessuna determinazione del finito gli si addice; qualsiasi determinazione rischierebbe infatti di compromettere la sua assoluta semplicità, ragion per cui è possibile parlare del primo principio solo in termini negativi, ossia dicendo ciò che esso non è (teologia negativa). Plotino è ben consapevole del fatto che nessun nome, concetto o predicato è adatto a definire la natura del primo principio, poiché in effetti la natura del primo principio è quella di non avere natura, è quella cioè di essere al di là di ogni natura determinabile. Lo stesso termine “Uno”, con cui Plotino è solito riferirsi al primo principio, è in realtà inadatto a definirlo: “Chiamarlo «uno» indica soltanto la completa soppressione del molteplice, non implica l’attribuzione di alcun carattere positivo”. Stessa cosa può dirsi dell’altro termine con cui talvolta Plotino è solito qualificare il primo principio, ossia quello di “Bene”. Anche in questo caso infatti, “Bene” non indica un’effettiva proprietà, un attributo positivo del primo principio, ma si riferisce unicamente al fatto che il primo principio è bene per le realtà che vengono dopo, nel senso che è causa delle cose buone: “Infatti è al di sopra del Bene, e non è bene per sé, ma per le altre realtà, che siano eventualmente in grado di parteciparne”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Felicità e virtù in Plotino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Noemi Federico
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Riccardo Chiaradonna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

filosofia
neoplatonismo
platone
plotino
storia della filosofia antica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi